alpadesa
  
Flash news:   Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate

“Le battaglie di Tuccia”, nota di La Sala (Piazza Grande) sul mancato finanziamento per la riqualificazione di Alvanite

Pubblicato in data: 15/2/2014 alle ore:17:51 • Categoria: Politica, Lista "Piazza Grande"Stampa Articolo

piazza_del_sole_con_impianto_solar_treeMentre la stampa rilancia la notizia del mancato finanziamento regionale per la cosiddetta riqualificazione di Alvanite (un mega progetto multimilionario, che per ora è già costato alla collettività qualche centinaio di migliaia di euro) e il vicesindaco pro tempore Tuccia annuncia l’ennesima battaglia, forse è opportuno ripercorrere la vicenda che da 5 anni, in sostanziale continuità (tra Laurenzano e compagni e Spagnuolo & friends) si è consumata sulla vicenda urbanistica cittadina. Con l’amara presa d’atto che oggi, tra finanziamenti sfumati, indagini della magistratura, corti dei conti e corti dei miracoli, corsi e ricorsi (con deliberate e mancate costituzioni in giudizio), ambizioncelle di candidature regionali e partiti allo sbando… la situazione sembra ancora più degradata. Si cominciò con il piano strategico presunto, per finire alla vicenda surreale di un Piano Territoriale provinciale, frutto di un tortuoso iter amministrativo, tuttora incerto ed a cascata ai piani casa, le alienazioni a farsi, i dissesti. E ogni tanto qualcuno, nella furia ottusa di diluire le responsabilità, invoca le colpe della minoranza, accusata nella migliore delle ipotesi di culpa in vigilando, o di volere “case carute”, di non proporre, di non collaborare: insomma perseguendo la nota strategia del tutti colpevoli, nessun colpevole. E nessuno beninteso può tirarsi fuori, ma ad ognuno il suo ruolo e la sua quota di responsabilità. Ho denunciato da tempo, in ogni sede istituzionale, la ‘follia’ della riqualificazione di un quartiere, senza infrastrutture e senza prospettive ‘strategiche’ di sviluppo. Ho suggerito, proposto, pregato… niente. Oggi ci arriva -pare- la doccia gelata, annunciata e prevedibile: ma che ritengo persino preferibile al finanziamento regionale, che avrebbe lasciato le cose sostanzialmente al punto di prima. Ora forse si potrà fare chiarezza. Con scelte coraggiose. Sempre che l’avventura regionale prima e le conseguenti eventuali ‘incompatibilità’ poi, non ci consegnino ad una conflittualità permanente nei prossimi 12 mesi, prima del disastro.

Raffaele La Sala capogruppo consiliare “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a ““Le battaglie di Tuccia”, nota di La Sala (Piazza Grande) sul mancato finanziamento per la riqualificazione di Alvanite”

  1. sandro ha detto:

    Com’è che ad Alvanite non succede mai niente:-)
    per caso fossero cittadini di serie B?
    ciao, un atripaldese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *