- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Avellino beffato nel finale, pari amaro a Varese

ciano-3L’arbitro nega la vittoria ai lupi nella nella 26/a giornata del campionato di Serie B Eurobet.
Al 94′ l’arbitro Manganiello, infatti, convalida il gol del 1-1 dei padroni di casa che era palesemente irregolare. Il portiere Terracciano, su calcio d’angolo, è stato caricato da un avversario ed ha perso il pallone che è finito in rete. Furibonde le proteste dei calciatori irpini contro l’arbitro che, però, non ha cambiato la sua decisione.
Già nel primo tempo non era stato convalidato un gol regolarissimo di Angiulli. La palla, colpita in area dal centrocampista biancoverde, aveva centrato la traversa e poi era finita oltre la linea di porta.
Gli uomini di Rastelli, che hanno dominato la partita, sono passati in vantaggio all’11’ della ripresa con una splendida punizione di Ciano (nella foto).
Nel secondo tempo i biancoverdi sono stati padroni del campo, ma quando ormai la vittoria sembrava in tasca è arrivata la beffa finale.
Massimo Rastelli è arrabbiato a fine gara per il pareggio arrivato al fotofinish: “C’è grande rammarico, oggi meritavamo i tre punti. Non abbiamo concesso un tiro in porta al Varese. E’ un peccato perchè i ragazzi meritavano i tre punti. Oggi ci sono stati negati in maniera inspiegabile”.
L’allenatore biancoverde prosegue ancora: “La società lavorerà per cercare di avere un poco più di attenzione. Dall’inizio dell’anno tanti episodi ci hanno penalizzato. Abbiamo sempre cercato di evitare di fare polemiche. Ad oggi questo non ha pagato”. L’ex attaccante dei lupi prosegue. “Siamo vivi, abbiamo disputato una grandissima prova e mi auguro che già da sabato possa esserci il ritorno al successo. Giocare una partita così a Varese dopo la sconfitta contro il Lanciano, senza Zappacosta, Castaldo, Arini e Izzo, significa che che la squadra c’è e merita un posto nei piani alti della classifica”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: