alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano

Colpo della gang dell’acetilene, sventrato nella notte bancomat ed istituto di credito. Fotoservizio

Pubblicato in data: 23/2/2014 alle ore:05:00 • Categoria: Cronaca

furto-banco-napoli1

Una forte deflagrazione in piena notte per un colpo da cento mila euro messo a segno in meno di due minuti.
Furto con il botto alla filiale del Banco di Napoli in via Appia ad Atripalda, a pochi passi dallo svincolo per il raccordo autostradale Av-Sa.
Un’azione durata solo due minuti per la gang del gas acetilene, utilizzato nel giro di una settimana contro altre quattro filiali campane dell’istituto partenopeo.
Ad agire dei professionisti, in due forse in tre con il volto travisato. Intorno alle due e un quarto di ieri notte i malviventi, giunti a bordo di un auto dinanzi al civico 101, dopo aver saturato la parte interna del bancomat con il gas acetilene altamente esplosivo, lo hanno fatto esplodere e quindi sventrato.
Un botto fragoroso che ha devastato completamente gli interni e gli eterni dell’istituto di credito, distruggendo tutta la contro soffittatura, le vetrate blindate d’ingresso e le due casse poste alle spalle del bancomat che è schizzato in aria ovunque. Il palazzo è tremato con un boato avvertito in tutta la zona, tanto da spingere molte persone a precipitarsi giù in strada temendo che fosse stato il terremoto.
furto-banco-napoli4-interno-bancomat-distruttoI pezzi del bancomat sono volati lontano anche a venti metri di distanza. I danni per la filiale sono ingenti ed ammontano a migliaia di euro oltre al bottino prelevato dal bancomat.
I ladri così si sono impossessati subito del denaro caricato nella cassa continua per il week-end, già impacchettati in cassettine, e poi si sono dileguati. Denaro che quasi certamente, proprio per l’esplosione del dispositivo, non è stato macchiato dal sistema di antirapina.
Immediatamente è scattato l’allarme. Sul posto per primi sono giunti le guardie giurate dell’istituto di vigilanza “Argo” con i carabinieri del nucleo Radiomobile di Avellino e i Vigili del Fuoco che hanno messo in sicurezza la zona.
Al veglio degli inquirenti della locale stazione, coordinati dal Comando provinciale di Avellino, le immagini delle telecamere esterne a circuito chiuso posizionate all’ingresso e anche quelle di altri esercizi commerciali della zona. Un colpo da veri professionisti.
Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita dalla deflagrazione, visto che nelle vicinanze della banca a quell’ora c’era ancora un pub aperto. Ma nessuno è riuscito a vedere nulla proprio per la rapidità con cui è stato posto in essere il colpo.
furto-banco-napoli6-vetrata-distrutta
20140222_165657Numerose le piste che si stanno seguendo in queste ore tra cui quella di una gang regionale. Su tutto il territorio sono scattati subito posti di blocco, tra Carabinieri e Polizia, nel tentativo di stringere il cerchio e poter identificare i responsabili. Ad aiutare i malviventi ci potrebbe essere un basista. Inoltre gli inquirenti ritengono che la banda durante la fuga abbia potuto cambiare auto per depistare le indagini. Un commando proveniente da fuori provincia che avrebbe studiato il colpo da tempo.
Quello di ieri è solo l’ultimo in ordine di tempo di una vera e propria escalation di violenza lungo via Appia che ha visto da fine anno prima il colpo ad un’altra banca, quella del Montepaschi di Siena dove i ladri realizzarono un cunicolo, poi il furto alla farmacia Santa Rita ed al Compro Oro gioielleria “Momenti d’Oro” che stanno terrorizzando non pochi i residenti.
Già nel dicembre 2011 proprio i carabinieri della locale stazione sventarono un furto al bancomat, con l’apparecchio che era stato contraffatto dai malviventi.
furto-banco-napoli5-interni-distruttifurto-banco-napoli3

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *