alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, ordinanza del sindaco Spagnuolo: “quarantena per chi viene dalle zone focolaio del Nord Italia” Coronavirus, i Carabinieri denunciano due persone del capoluogo Irpino per false segnalazioni su Facebook e procurato allarme L’irpino Vincenzo Garofalo al suo esordio regala tre punti ai Lupi Brutta sconfitta in casa per la Scandone Avellino contro Geko PSA Sant’Antimo Coronavirus, avviso alla cittadinanza di Atripalda del sindaco Spagnuolo: “Comunicate i vostri spostamenti in questi ultimi 15 giorni da e verso le zone focolaio del virus in Italia e all’estero” Elezione presidente Consiglio d’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Atripalda, lettera aperta della componente genitori guidata da Lia Gialanella: “non ci è parsa una buona partenza” Coronavirus: il figlio rientra in Irpinia da Codogno, famiglia in quarantena a Montefusco Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia: “abbattimento dopo verifica tecnica e di un agronomo”. Foto Taglio pioppi in via San Lorenzo, scoppia la polemica sui social. L’attivista del M5S Antonello Di Guglielmo scrive su Facebook: “Ambiente punto di non ritorno”

“La malattia diverticolare del colon”, alla Casa di Cura Santa Rita l’evento formativo rivolto ai medici di base

Pubblicato in data: 25/2/2014 alle ore:10:09 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

clinica santa ritaGiovedì 27 febbraio, alle ore 18, presso la Sala Conferenze della Casa di Cura S. Rita di Atripalda si svolgerà un interessante evento formativo dal titolo “La malattia diverticolare del colon” destinato a tutti i medici ed in particolar modo ai medici di base il cui ruolo è determinante nel primo approccio a questa patologia.

L’evento, organizzato in collaborazione con Omega Pharma, sarà aperto dal saluto della prof. Virginia Mazzon Taccone, responsabile della Qualità e del Personale della S. Rita e dalla presentazione dell’evento da parte della dott. Olga Stankevych.
Sarà presente all’incontro il Presidente dell’Ordine dei Medici ed odontoiatri di Avellino, dott. Antonio D’Avanzo. “Etiopatologia” è il titolo della relazione del dott. Massimiliano Fontana, resp. dell’U.O. di Medicina Generale della Santa Rita; su “Aspetti clinici” relazionerà il prof. Gaetano Iaquinto, resp. della Gastroenterologia ed Endoscopia della Santa Rita; gli aspetti di Diagnostica per immagini saranno illustrati dal dott. Bruno Perugini, resp. del servizio di Endoscopia della Santa Rita. Concludono la serie degli interventi il prof. Iaquinto che parlerà della “Terapia” ed il prof. Francesco Caracciolo, responsabile organizzativo dell’U.O. di Chirurgia generale della clinica che parlerà, appunto, del “Trattamento chirurgico dei diverticoli”.

Diversamente da quanto si pensa, la diverticolosi del colon è una patologia diffusa, che interessa oltre il 50% oltre i 60 anni e quasi tutti coloro che hanno superato gli 80 anni. I diverticoli, infatti, sono delle “tasche” che si sviluppano nelle pareti del colon quando queste si infiammano si ha la diverticolite che si manifesta con dolori addominali, spasmo colico, febbre ed occasionalmente con emorragia rettale. Causa di questa dolorosa patologia potrebbe essere una dieta povera di fibre che, sul lungo periodo, provoca un aumento della pressione sul colon.

Dieta e farmaci possono aiutare i pazienti a gestire la diverticolosi, la sua complicanza, la diverticolite, può anch’essa essere gestita con dieta e farmaci o, nei casi più complessi, chirurgicamente.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 4,67 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *