alpadesa
  
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Ancora un pari al 91′, col Pescara finisce 1-1. Fotoservizio

Pubblicato in data: 1/3/2014 alle ore:21:27 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

avellino-pescara1Ancora un pareggio per l’Avellino nei minuti conclusivi di gara.
Appare stregato il campionato dei biancoverdi nel girone di ritorno che non riescono a trovare la vittoria.
I lupi non riescono ad acciuffare la vittoria nel posticipo di Serie B al Paternio, contro un Pescara reduce da sei sconfitte consecutive che agguanta il pari nel recupero, come già accaduto a Varese, quando il successo sembrava a portata di mano.
Finisce 1-1 contro la squadra allenata da Cosmi, con i biancoverdi che alla ventisettesima giornata di campionato di serie B scivolano in classifica al 7 posto con 41 punti.
Si gioca su un campo pesante al Partenio Lombardi per le abbondanti piogge. Rastelli, nonostante il campo pesante, schiera il tridente con Ciano, che affianca Castaldo e Galabinov. Il Pescara del neo-arrivato Serse Cosmi risponde con il 3-5-2 e la coppia di arieti offensivi Sforzini-Maniero.
Nel primo tempo è l’Avellino a rendersi pericoloso con un colpo di testa di Arini che timbra la traversa, Galabinov e Castaldo.
curva-sudNella ripresa ancora i padroni di casa spingono in attacco alla ricerca del gol che arriva al 29′: Ciano crossa da destra e Fabbro con un’incornata di testa mette in rete sul primo palo. Un gol che regala entusiasmo sugli spalti ai tifosi infreddoliti e bagnati ma il Pescara negli ultimi cinque minuti si riversa nell’area irpina.
Al 46′ arriva il gol del pareggio sul sinistro di Caprari, lasciato solo in area e tenuto in gioco da Pisacane che insacca Terracciano.
“Meritavamo di vincere. Purtroppo abbiamo vanificato alla fine il lavoro di una settimana. A Varese abbiamo vinto e ci sono due punti in meno. In questo periodo ci va male, basta un mezzo errore per non portare a casa l’intera posta in palio”. E’ amareggiato a fine gara in sala stampa Alessandro Fabbro. Il difensore continua ancora “Oggi dovevamo chiudere la partita sull’1-0. Dispiace perchè potevamo stare più tranquilli. Dobbiamo raggiungere prima possibile la salvezza”. Su gol del Pescara. “Forse c’era un fuorigioco. La dinamica precisa non la tengo in mente. Sicuramente c’è un errore”.
“Non ho nulla da recriminare ai miei ragazzi” esordisce così in sala stampa mister Rastelli. “Tra Terni, Varese e oggi abbiamo sei punti in meno. Oggi è stata una grande partita per qualità, agonismo e intensità. E’ un vero peccato non riuscire a portare a casa l’intera posta in palio. La gara è stata interpretata nella maniera giusta. I ragazzi hanno pochissimo da rimproverarsi. Prima o poi girerà. Il 2014 non sta portando bene. Le prestazioni devono darci fiducia”. Il tecnico biancoverde prosegue: “Abbiamo avuto tante occasioni. Potevamo gestire meglio l’ultimo contropiede. Non potevamo dirgli nulla. Qualche errore di lettura si può concedere”. Sulla squadra: “Vedo tante formazioni che concedono tanto. Noi ci siamo conquistati i punti con sudore e sacrificio. Penso che potremo toglierci ancora tante soddisfazioni”. Sul gol preso: “E’ stato l’unico sbaglio della partita. Eravamo in otto dietro la linea della palla. Le maglie difensive si sono un poco allargate. Dovevamo evitare ciò. Non c’è stato sincronismo”.
avellino-pescara2avellino-pescara3

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *