alpadesa
  
Flash news:   Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano Torna lo scontro politico tra maggioranza e opposizione nella prima seduta di Consiglio comunale dopo quattro mesi di stop. L’ex sindaco: “una scorrettezza questa convocazione” e il primo cittadino:”i punti in discussione li decido io non i social” Gli “Irpini della Capitale” donano tre sanificatori alle associazioni di volontariato irpine. Foto Calcinacci caduti ad Alvanite, il Prc attacca: “Le carte truccate di Del Mauro” Montevergine, visita dell’Us Avellino questa mattina da Mamma Schiavona. Foto

“CONOSCIamoci”, pronta la campagna di divulgazione del Patrimonio dei Beni Culturali di Atripalda

Pubblicato in data: 3/3/2014 alle ore:10:00 • Categoria: Comune, Cultura

locandica-conosciamociGentile Direttore,
questo Assessorato è impegnato in un complessivo progetto di valorizzazione del nostro Patrimonio dei Beni Culturali. Ne sono prova l’acquisizione al patrimonio comunale del PALAZZO CARACCIOLO e dei giardini pertinenziali, la messa in sicurezza della Basilica Paleocristiana di Vico San Giovanniello, la concessione in uso alla Soprintendenza Archeologica di un ampio locale ora adibito alla funzione di museo/laboratorio archeologico, le indagini geognostiche finalizzate al rinvenimento della Tomba a Camera di via Tufara ed il relativo progetto di recupero presentato a finanziamento europeo. In corso d’opera anche la progettazione di un portale WEB dei nostri beni culturali. I prossimi anni che coincideranno con la seconda fase di elargizione dei fondi comunitari o strutturali (2014-2020) saranno fondamentali per la nostra comunità e dunque per la valorizzazione del nostro importante patrimonio storico-archeologico. Servirà farsi trovare pronti, con progetti subito cantierabili. Ma prima ancora bisognerà acquisire e rafforzare la consapevolezza che la nostra grande possibilità di sviluppo (anche economico) può arrivare dalla cultura e quindi proprio attraverso la valorizzazione del patrimonio dei Beni Culturali. La nostra città, in questo senso sostenuta da inoppugnabili testimonianze di antiche civiltà, può tranquillamente vantare la pretesa di aspirare ad essere il punto cruciale di un sistema museale diffuso. E per questo ci doteremo di un progetto di sistema anche tutto nostro che sia in grado di raccontare ai nostri bambini pure di un bellissimo anfiteatro di Età Imperiale sepolto sotto un tratto della via Appia. A tal fine questa attività divulgativa dei nostri BB.CC. organizzata dal settore Cultura e Tutela del Patrimonio insieme alla Soprintendenza Archeologica ed alla Pro Loco, che in tal senso, da anni svolge già un’intensa attività di promozione del territorio. Riteniamo che attraverso la scuola, a partire dalla scuola, debba nascere e consolidarsi questo sentimento di consapevolezza sulla importanza del nostro patrimonio dei BB.CC. con il quale, chi vorrà, potrà costruirci pure un proprio personale cammino. Un particolare ringraziamento ai Dirigenti Scolastici dell’Istituto Comprensivo e del Liceo Scientifico Statale per la disponibilità e la sensibilità con la quale hanno facilitato la redazione del progetto e la divulgazione dello stesso ai propri studenti. La campagna divulgativa prenderà il via il 6 marzo nella scuola elementare di via Roma. Un particolare ringraziamento anche ai progettisti, ad Annalisa Liguori, Annasarah Matarazzo, Marianna Bonito, Sabina Mutascio, Paola Maria Ricciardelli ed Annamaria Testa. Un grazie per l’efficace opera di coordinamento svolta alla Funzionaria Direttrice dell’Ufficio Cultura – Tutela dei BB.CC., Iolanda Giovino.


Lello Barbarisi
delegato alla Cultura

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Il fantasma di Palazzo Caracciolo nella fotografia di un cittadino, impazzano i commenti sul web

Il fantasma di Palazzo Caracciolo. Un fotomontaggio fatto bene o davvero c'è una inquietante figura dietro la finestra della fatiscente Read more

Stato dei beni culturali e storici cittadini, il consigliere Barbarisi risponde all’attacco di Sel: “Solo pretesti per ritagliarsi uno spazio, il nostro lavoro è tangibile”

Stato dei beni culturali e storici cittadini, il consigliere delegato alla Cultura ed alla Tutela del Patrimonio dei Beni Culturali Read more

Palazzo Caracciolo, concluso il secondo atto di acquisizione. Barbarisi: “Inseriremo nella previsione di bilancio una voce dedicata alla messa in sicurezza”

Palazzo Caracciolo si prepara a ritornare all'antico splendore. Definito il secondo atto per l'acquisizione gratuita da parte del Comune di Read more

Al via la pulizia da rovi ed erbacce dell’area che circonda l’antico Palazzo Caracciolo. Foto

L'Amministrazione comunale Spagnuolo ha deciso di procedere alla messa in sicurezza di Palazzo Caracciolo, con l'affidamento a ditta privata della Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a ““CONOSCIamoci”, pronta la campagna di divulgazione del Patrimonio dei Beni Culturali di Atripalda”

  1. Alfredo ha detto:

    Acquisizione di un palazzo pericolante, inagibile e in via di caduta e avete il coraggio pure di parlare. Non abbiamo i soldi per tenere pulita la città, i manti stradali sono all’osso, gli appartamenti di Alvanite sono colabrodo, la scuola elementare di San Pasquale e un ghetto e voi avete il coraggio di parlare. Caro Lello credi che tutto questo il popolo Atripaldese non l’ha capito? Credo che sia ora di stare zitti e di fare i fatti!!!!

  2. saustiano ha detto:

    interessanti le indagini geognostiche sulla tomba a camera….
    fateci sapere quando andate la prossima volta che ci dobbiamo giocare i numeri al bancolotto.
    e mi raccomando, portatevi pure gli architetti, gli ingegneri e tutta la corte che già aspetta qualche incaricuccio….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *