alpadesa
  
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Festa della Donna, l’intervento dell’assessore Concetta Tomasetti: “Sì, c’è ancora una questione femminile aperta”

Pubblicato in data: 6/3/2014 alle ore:12:30 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

tomasetti

8 MARZO: UN GRAZIE DI CUORE A TUTTE LE DONNE

“E‘ arrivata l’ora in cui la vocazione della donna si deve compiere in pienezza, l’ora in cui la donna acquisisca nel mondo un’influenza, un peso, un potere mai raggiunti fino adesso

Beato Giovanni Paolo II

L’8 marzo si celebra la giornata internazionale della Donna. Una giornata in cui ricordare le conquiste sociali e politiche delle donne, un’occasione per rafforzare la lotta contro le discriminazioni e le violenze, un momento per riflettere sui passi ancora da compiere. Ma è anche di più: è un modo per ricordarsi da dove veniamo, noi donne, e dove stiamo andando.
Da dove nasce questa ricorrenza? Una leggenda molto celebre narra che la Festa delle Donne sia stata istituita nel 1908 in memoria delle operaie morte nel rogo di una fabbrica di New York, la Cotton. In realtà è un falso storico, una leggenda nata negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. La storia, infatti, è piena di tragedie simili a quella “mitica” alla base della festa: ad Alba (Cuneo) nel 1882: dodici operaie di una filanda sono morte di
asfissia durante la notte. La più grande aveva 22 anni, la più piccola soltanto 12.
Allora le condizioni erano durissime e si lavorava fino a 11-12 ore al giorno. La giornata Internazionale della Donna nacque ufficialmente negli Stati Uniti il 28 febbraio del 1909.
Ad istituirla fu il Partito Socialista Americano, che in quella data organizzò una grande manifestazione in favore del diritto delle donne al voto. ” tema era già stato a lungo discusso negli anni precedenti sia negli USA ( celebri sono gli articoli della socialista Corinne Brown) sia dai delegati del VII Congresso dell’Internazionale socialista( tenutosi a Stoccarda
nel 1907). La data dell’8 Marzo entrò per la prima volta nella storia della festa della Donna nel 1917, quando in quel giorno le donne di S. Pietroburgo scesero in piazza per chiedere la fine della guerra, dando così vita alla “rivoluzione russa di febbraio” .
Fu questo evento a cui si ispirarono le delegate della Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste a Mosca quando scelsero l’8 marzo come data in cui istituire la Giornata Internazionale dell’Operaia.
In Italia la Festa della Donna iniziò ad essere celebrata nel 1922 con la stessa connotazione politica e di rivendicazione sociale. L’iniziativa prese
forza nel 1945, quando l’Unione Donne in Italia (formata da donne del Pci, Psi, Partito d’Azione, Sinistra Cristiana e Democrazia del lavoro) celebrò la Giornata della Donna nelle zone dell’Italia già liberate dal fascismo. L’8 marzo del 1946, per la pima volta, tutta l’Italia ha ricordato la Festa della Donna ed stata scelta la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, come simbolo della ricorrenza. Negli anni successivi la Giornata è diventata
occasione e momento simbolico di rivendicazione dei diritti femminili e di difesa delle conquiste delle donne.
C’è anche un secondo motivo per festeggiare l’8marzo: celebrare la grandezza di ogni donna. Anche Papa Francesco ha ribadito il valore delle donne nella Chiesa e nella Società. In un suo discorso ha sottolineato come “la donna abbia una sensibilità particolare per le cose di Dio, soprattutto nell’aiutarci a comprendere la misericordia, la tenerezza e l’amore che Dio ha per noi; ed ha aggiunto: “Soffro quando vedo nella Chiesa che il ruolo di servizio, che tutti dobbiamo avere, per le donne scivola verso un ruolo di servitù”. Perciò ha
auspicato che si allarghino gli spazi per una presenza femminile più incisiva nella Chiesa.
Nella sua esortazione apostolica “Evangelii Gaudium al n. 103 parla del genio femminile necessario in tutte le espressioni della vita sociale e per questo si deve garantire la presenza delle donne anche nell’ambito lavorativo e nei luoghi dove vengono prese decisioni importanti”.
La sua attenzione, il suo incoraggiamento, la fiducia riposta in noi ci incoraggiano a dare il meglio di noi stesse. Ritengo necessaria una riflessione sul percorso delle donne; dagli anni 70 – anni difficilissimi – (gli “anni di piombo” furono definiti) nei quali si percepiva la voglia delle donne di cambiare profondamente la loro partecipazione sociale ed ecclesiale non soltanto per contare di più, ma per non privare la società dei loro
talenti, siamo passati alla quasi indifferenza di oggi, a dispetto dei “Se non ora quando ….?”
Oggi sono ancora minoranza le donne che s’indignano per ciò che le offende ( non soltanto violenza fisica e femminicidio) e che, non accontentandosi dell’indignazione, vorrebbero cambiare le cose. Le nostre società occidentali che un po’ ci hanno preso in considerazione (anche se nelle stanze dei bottoni le donne sono ancora pochine) e un po’ ci utilizzano (cfr. i messaggi pubblicitari), sono ancora fortemente improntate da una cultura maschile.
Penso che il gap sia soprattutto culturale: non bastano i premi Nobel in rosa o donne scienziato a riconoscimento internazionale. E’ la cultura popolare, della strada e della piazza che va radicalmente cambiata. Ho avuto modo, negli anni 80 e 90, girando per missioni, in Africa ed in India, quindi non per quartieri alti, sono le donne – quelle spesso incolte del popolo così come le intellettuali – a segnare passi in avanti per quelle società. Un esempio
eloquente per noi!
Le nostre giovani generazioni non hanno vissuto il travaglio per ottenere il poco o il tanto che abbiamo ottenuto. E non s’accorgono che la non- cultura attuale (responsabili in buona parte le TV commerciali e simili) le sta privando anche di quel poco o tanto, facendole ritornare a modelli che credevamo sepolti. E’ urgente ricercare insieme un’immagine
nuova, un volto nuovo di donna sia nei rapporti personali che nel sociale, cercando di scrostare dalla donna tutti quei luoghi comuni che hanno da sempre inquadrato fa sua figura.
Sì, c’è ancora una questione femminile aperta ed è solo tornando a essere insieme, a fare massa critica che i grandi sogni di ieri e di oggi possono realizzarsi; per costruire modelli nuovi di relazioni e di scambi, in famiglia e nella scuola. Oggi assistiamo quotidianamente ad una fastidiosa e massiccia violenza alle donne che culmina in fatti di sangue, ma anche una pesante, fisica e sessista violenza fatta di parole, leggi, burocrazie, interventi in twitter e gli altri social media. Oggi le donne maltrattate, zittite, ferite, uccise stanno diventando emergenza. Sono state segnate convenzioni importanti come quella di Instanbul a cui ha aderito fra i primi il nostro paese, è passata la legge sul femminicidio …..
Sì, c’è ancora una questione femminile aperta, per combattere questa cultura del sopruso che non si ferma davanti a nulla, che colpisce le donne per mano degli uomini a loro più vicini. Cosa si deve fare per combattere tutto questo, ancora? E per ricostruire un terreno di
relazioni sane o almeno più sane? Desidero fare un augurio a tutte le donne, in special modo a quelle che soffrono e si sentono abbandonate dalle Istituzioni.
Un appello, invece, alle Donne di Atripalda, perché condividano le loro risorse umane e culturali per un fecondo scambio di esperienze inter e intra generazionale, avendo per oggetto il “femminile” e – come scopo – quello di promuovere, sostenere, riflettere, essere come sentinelle con le antenne ben orientate a captare le esigenze, i problemi, gli orientamenti, insomma il corso della storia delle donne sul territorio. E’ a disposizione un
indirizzo di posta elettronica: donneatripalda@libero.it
Se non ora quando? Concetta Tomasetti

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Festa della Donna, l’intervento dell’assessore Concetta Tomasetti: “Sì, c’è ancora una questione femminile aperta””

  1. SANDRO ha detto:

    l’abbiamo capito che le donne per noi non contano:-> del resto come si potrebbe fare senza di loro:->
    CI SEMBRA CHE SIANO PROPRIO LORO AD AVERE IL COLTELLO DALLA PARTE DEL MANICO:->
    ci sbagliamo?

  2. un cittadino ha detto:

    piacere di conoscerla, dove è stata fino ad ora e quando?…..

  3. SANDRO ha detto:

    Ciao Concè, sei sempre tu che ti interessi di questa “cosa”:->
    un caro Augurio a Te che non sei mai in primo “piano”.
    un ciao

  4. MARTINA ha detto:

    viva le donne che:-) lavorano e che se lo sudano il pane: sei grande:-) assessora

  5. SARONNO ha detto:

    meno male che c’è qualcuno che si interessa delle donne in modo meno savio e più salubre

  6. Nappo Carmela ha detto:

    sono d’accordo con Martina viva le donne i miei complenti all’ asssesore Concetta le donne devono esere considerate caro Sandro come voi uomini hanno gli stessi diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *