alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino

Bagarre in Consiglio, il j’ accuse delle minoranze: “Fuggono dalla discussione, novità grave la pregiudiziale sollevata solo per le opposizioni”

Pubblicato in data: 24/3/2014 alle ore:23:30 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

minoranze-abbandonano-laula

Bagarre al Consiglio comunale, la scelta del sindaco Spagnuolo questa mattina di sollevare già al primo punto di discussione (l’informativa sulla vendita del Centro Pmi) una pregiudiziale che il Consiglio comunale in base alla Giurisprudenza possa essere chiamato solo a deliberare quando convocato da un 1/5 dei consiglieri (“bisogna rispettare lo statuto ed il regolamento” ha affermato in aula il primo cittadino) è stata subito con forza contestata dalle minoranze che accusano la maggioranza di voler fuggire dalle proprie responsabilità.
Dopo un duro scontro verbale le minoranze, che avevano sottoscritto la richiesta di convocazione del Consiglio con la formula di 1/5 dei consiglieri, hanno abbandonato l’aula per protesta facendo venire meno il numero legale con la seduta dichiarata sciolta dalla segretaria Curto.
Abbiamo assistito ad una farsa, l’amministrazione in fuga rispetto ai problemi della città – commenta duramente il capogruppo di Piazza Grande , Raffaele La Sala -. Avevamo chiesto di discutere e valutare in Consiglio comunale le principali questioni all’attenzione della città e rispetto a questo il sindaco fa valere una pregiudiziale senza né capo e né coda e rimette al volere di una maggioranza presunta, senza i numeri legali per assicurare la seduta, ma solo con una maggioranza numerica con la minoranza che assicura le legittimità del consiglio di rinviare punto per punto con un escamotage che denuncia solo la deriva podestarile e la fine della democrazia in questa città. Vorrei che l’amico Enzo Angiuoni potesse ascoltare quello che succede in consiglio quando egli nobilmente ci chiede di fare squadra. Ma non si può fare squadra con chi nasconde il pallone“.
consiglio-comunale-2014-n2Per il consigliere socialista Ulderico Pacia: “La pregiudiziale apposta dal sindaco non esiste da nessuna parte. Molto spesso anche il sindaco ha utilizzato le informative, perché non può farlo allora le minoranze? Non c’è niente di strano nell’informare i cittadini su questioni importanti. Ogni consigliere è rappresentante del popolo ed è giusto che venga informato su questioni che interessano la città“.
L’opposizione non ci sta: “Fuggono dalla discussione, una questione grave e scabrosa da un punto di vista tecnico e morale di rispetto verso la cittadinanza – rincalza il capogruppo di Fi Massimiliano Del Mauro – . Da un punto di vista tecnico il Consiglio comunale può essere convocato anche solo per discutere di punti  all’ordine del giorno e dare indirizzi. Quindi non vi è la necessità  di dover necessariamente deliberare. Non c’è la necessità di un atto deliberativo ma si può dare anche  solo l’indirizzo e discutere di un punto all’ordine del giorno. Del resto non capisco questa novità visto che questo Consiglio Comunale si è sempre riunito decine di volte anche per non deliberare ma solo per discutere di un punto all’ordine del giorno. E questo è avvenuto durante il sindacato Spagnuolo anche solo per discutere. Questo da un punto di vista tecnico. Da un punto di  vista morale invece è una cosa sconcia. Sarebbe stato più logico, visto che hanno inteso fuggire dalla discussione, non presentarsi in Consiglio comunale facendo mancare il numero legale. Avrebbero fatto più bella figura. Sono venuti solo per mostrare i muscoli oltretutto in modo sbagliato per fuggire dalla discussione e per consumare anche una violazione di legge. E’ una cosa che non ho mai assistito prima in Consiglio. Non credevo si potesse arrivare a tanto ad Atripalda. Questa mattina è stata violentata la democrazia. Si è mostrata una mancanza di sensibilità e di rispetto totale verso la cittadinanza atripaldese. consiglio-comunale-2014-n4Oltre tutto avevamo convocato un Consiglio comunale su questioni serie, dalla vendita del Centro Pmi alla riorganizzazione del mercato del giovedì, che se dovesse concretizzarsi al vendita del Centro Pmi c’è subito questa esigenza. Questioni scottanti che sono all’attenzione della magistratura come la questione  con le aziende Marinelli ed Ingino. Ed ancora la questione dei parcheggiatori che si sono ritrovati dalla sera alla mattina senza lavoro e non sappiamo come  e da chi verrà gestita la sosta a pagamento. Credo avevamo convocato il Consiglio per discutere effettivamente di problemi che hanno una grossa importanza. evidentemente  loro hanno la necessità di tenere tutto chiuso e di poter discutere senza che nessuno disturbi il manovratore. Avrei chiesto anche altre cose al sindaco al di fuori dell’ordine del giorno, come è possibile ad gruppo-forza-italiaesempio che con un Bilancio non ancora approvato, di cui non esiste nessun deliberato, si discuta nella sede del Pd con carte alla mano e noi non ne sappiamo nulla. Se vai dal responsabile  dice giustamente che lo stanno approvando e che non c’è ancora nulla e altrove il Bilancio e carte del comune che non sono ancora approvate già sono all’attenzione della segreteria cittadina del Pd che poi formula le sue proposte potendolo leggere. e poi come minoranze abbiamo difficoltà ad accedere gli atti perché c’è ancora qualche dipendente che non ha capito  qual è la vera funzione del consigliere comunale. Questa è una cosa indecente“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,25 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Bagarre in Consiglio, il j’ accuse delle minoranze: “Fuggono dalla discussione, novità grave la pregiudiziale sollevata solo per le opposizioni””

  1. Atripaldese ha detto:

    Pazienza, bisogna avere pazienza. Si stanno cucinando piano piano.

  2. Alfredo ha detto:

    Caro Del Mauro ancora che parli? Fai i fatti interpella la Procura. Se non lo fai sei come loro.

  3. Atripaldese ha detto:

    Bravo Alfredo.

  4. LINO ha detto:

    la prima foto dice tutto questi erano quelli che nella passata legislatura se ne sono dette di cotte e di crude,vi ricordate il loro gruppo consiliare,voi non vi rendete conto che siete la fortuna politica di spagnuolo e soci.fra’ i due mali si sceglie sempre il minore.

  5. renato ha detto:

    ma fatemi il piacere di stare zitti che voi siete peggio di quelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *