alpadesa
  
Flash news:   Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno Anniversario strage di Capaci, Idea Atripalda: “Sono morti invano? Dipende da noi” Parco delle Acacie, non si spengono le polemiche sulla bitumazione aree interne. IDEA Atripalda: “asfaltare un parco è come asfaltare il mare“. Foto Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

Scippo Antica Abellinum, via libera dalla Giunta alla costituzione in giudizio contro i Dello Iacono

Pubblicato in data: 23/4/2014 alle ore:23:59 • Categoria: Attualità, Comune, Cultura

lucchetti-ad-abellinumScippo Antica Abellinum, il Comune si costituisce parte civile nel procedimento penale per abbandono aperto dalla Procura di Avellino contro la famiglia Dello Iacono.
La giunta Spagnuolo ha approvato con votazione unanime e con urgenza la decisione di costituirsi parte civile nel procedimento penale n. 2353/12 nei confronti dei proprietari dell’area dove insiste il parco archeologico, nel procedimento penale che pende dinanzi al Tribunale di Avellino con udienza dibattimentale fissata per il prossimo 8 maggio.
Un procedimento che prende il via proprio dall’azione posta in essere dalla magistratura avellinese che, avvalendosi dei Carabinieri del Nucleo Tutela Culturale di Napoli, a giungo 2012 eseguirono il sequestro preventivo dell’intero sito archeologico con l’accusa di abbandono di un’area di interesse monumentale.
«L’avevamo preannunciato ed abbiamo mantenuto la promessa con la delibera di giunta che sancisce questa volontà – commenta il delegato alla Cultura, Raffaele Barbarisi-. La Città di Atripalda si costituisce parte civile per chiedere un risarcimento dei danni patiti e patienti con la chiusura del sito archeologico che ha provocato danni ingenti».
Una lunga querelle tra Soprintendenza e famiglia dello Iacono alquanto ingarbugliata segnata da sentenze, ricorsi, carte bollate, espropri e risarcimenti, marcia e sit-in di protesta dinanzi ai cancelli d’accesso del parco di via Manfredi rimasti inesorabilmente, a tutt’oggi, chiusi al pubblico da un lucchetto.
Questa la motivazione alla base del deliberato: “considerato che il Comune, Ente esponenziale degli interessi della comunità e soggetto leso sotto il profilo dell’immagine, è legittimato a costituirsi parte civile per il risarcimento di danni materiali e morali conseguenti al contestato reato, di particolare allarme e rilevanza sociale. Un’azione civile a tutela e salvaguardia del patrimonio archeologico, storico culturale ed anche economico rappresentato dall’Antica Abellinum“.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Bilancio di previsione 2014, via libera dalla Giunta Spagnuolo

La Giunta Spagnuolo dà il via libera al Bilancio di previsione 2014. Lo strumento contabile-previsionale ha incassato ieri sera l'approvazione Read more

Verso il voto, scontro politico tra i quattro candidati a sindaco sullo scippo dell’Antica Abellinum

Mentre resta ancora chiuso da un lucchetto il cancello di via Manfredi che dà accesso agli scavi della Civita, il Read more

Verso il voto, la lista del sindaco Laurenzano indignata con la Soprintendenza per Abellinum

Il simbolo della lista Patto civico per Atripalda fino a domani sarà affiancato dal logo degli “Indignados americani”. Una decisione Read more

Abellinum, mercoledì mattina riapertura del parco archeologico per lavori urgenti. I Carabinieri rimuoveranno i sigilli

Mercoledì 26 ottobre alle ore 10, la Soprintendenza ai beni Archeologici di Avellino e Salerno, con la presenza dei Carabinieri Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “Scippo Antica Abellinum, via libera dalla Giunta alla costituzione in giudizio contro i Dello Iacono”

  1. Angelo ha detto:

    Altra costituzione, altro incarico legale. Fate attenzione che i Dello Iacono, sono vecchie volpi, sanno quello che fanno. Dopo ci rimettete bei soldoni.

  2. mario ha detto:

    là i dello iacono sanno buono che il lavoro non ne vale la pena, pejo pè lloro

  3. mario ha detto:

    ma aviti capito bbuono:-?

  4. Roberto ha detto:

    Ma cosa c’entra la costituzione parte civile, se il problema è della famiglia Dello Iacono- Beni Culturali.
    Forse è per dare qualche altro incarico legale visto che quelli attuali sono pochi
    Quali danni ha patito il Comune di Atripalda in questa storia consigliere Barbarisi?

  5. Francesco ha detto:

    Ma che c’entra il comune con la costituzione di parte civile? Quali danni ” ingenti” ha subito il comune? Tuttalpiù questi danni li può reclamare solo la soprintendenza. Una cosa è certa che questi danni vanno dimostrati, ebbene la soprintendenza sà bene a quanto ammontano., basta far riferimento ai visitatori annuali . Una cosa è certa che, sicuramente non superano i cento. Allora L’ASSESSORE sta dando, con i danni ingenti, i numeri a lotto.

  6. Rosetta ha detto:

    Bravo il commento di FRANCESCO, centrato in pieno.

  7. Emilio ha detto:

    Mi sembra che i nostri amministratori abbiano perso la bussola. A cosa serve a noi cittadini la tutela di un avvocato nei confronti dei Dello Iacono? Quale torto abbiamo subito da questi concittadini? Quali danni ci hanno arrecato?
    la storia risale a circa 40 anni fa, quando ai Dello Iacono furono espropriati alcune migliaia di Mq. di terreno senza ricevere nulla in cambio. Si tratta di terreni in zona collinare, quindi molto ambiti. Cosa dovevano fare i Dello Iacono? subire passivamente questo esproprio? Come abbiamo potuto vedere, a fronte di vari giudizi a loro favorevoli sono riusciti ad essere risarciti. La giustizia ha fatto il suo corso e noi cittadini dovremmo essere ben fieri che il soccombente ha avuto giustizia. Allora l’amministrazione si è voluta barcamenare in un problema che non è suo. Di suo rimane solo l’onere di retribuire l’avvocato designato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *