alpadesa
  
Flash news:   Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata

Omicidio Speranza, pena ridotta in Appello per il marito reo confesso Luigi Naccarelli

Pubblicato in data: 24/5/2014 alle ore:07:30 • Categoria: Cronaca

martellotribunaleUccise la moglie Fabiola Speranza nel gennaio 2012, ridotta in Appello la condanna a 10 anni di reclusione per Luigi Michele Naccarelli.
Si svolto ieri mattina il dibattimento in Appello per l’omicidio Speranza che aveva visto condannare in primo grado, a dodici anni di reclusione, il marito reo confesso Luigi Michele Naccarelli. Una riduzione di ben due anni della pena da scontare in carcere.
Il dibattimento, che si è svolto presso la II sezione della Corte d’Assise di Napoli, vedeva alla sbarra l’operaio atripaldese che due anni fa uccise la moglie dopo un violento litigio sparandole diversi colpi di pistola. Presidente della Corte d’Assise Capecialtro, consigliere relatore Giordano e Procuratore generale Iervolino.
A difendere l’uxoricida l’avvocato Alfonso Maria Chieffo del foro di Avellino. “C’è soddisfazione per la sentenza in Appello – commenta il penalista atripaldese – perché sono stati integralmente accolti i motivi che vertevano esclusivamente sulla quantificazione della pena, trattandosi di imputato reo confesso. Valuteremo all’esito della lettura della sentenza l’eventuale ricorso in Cassazione”.
L’assassinio della donna avvenne in contrada Pettirossi, una zona rurale di Atripalda.
Era il 9 gennaio 2012 quando l’uomo, ex custode di una nota azienda vitivinicola, al termine di una lite uccise la moglie, Fabiola Speranza, sparando dodici colpi di pistola davanti alla loro abitazione. Un raptus di follia dovuto probabilmente alla perdita del lavoro. L’uomo, che si trova recluso da gennaio del 2012 nel carcere di Bellizzi, ha più volte spiegato agli inquirenti che voleva solo intimidire la moglie e non ucciderla.
Naccarelli esplose dodici proiettili all’indirizzo della moglie che morì sul colpo. Per lui il Pubblico Ministero del Tribunale di Avellino, Maria Teresa Venezia, in primo grado, aveva richiesto quattordici anni di reclusione con l’accusa di omicidio volontario per futili motivi. I familiari non si sono mai costituiti nel processo parte civile.
Un omicidio che sconvolse non poco la cittadina del Sabato e la tranquillità e serenità di una famiglia stimata da tutti.
La donna fu sparata alle spalle, all’esterno della villetta dove vivevano, mentre imboccava la salita di campagna che dalla casa in costruzione portava sulla strada. L’uxoricida, cacciatore ed appassionato di armi, in preda all’ira, impugnò la pistola custodita legalmente, una Beretta automatica calibro 7,65, la rincorse fuori casa sparandola alle spalle. Un atroce delitto rimbalzato anche agli onori della cronaca nera nazionale.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Omicidio Speranza, perizia psichiatrica per Michele Naccarelli

Toccherà ad una perizia medico legale stabilire se Michele Luigi Naccarelli nel momento dell'efferato delitto di contrada Pettirossi e, nel Read more

Uccise la moglie, rinviato a giudizio Michele Naccarelli. La sentenza, con rito abbreviato, il prossimo 13 febbraio. I familiari non si costituiscono parte civile

Rinviato a giudizio per l'omicidio della moglie, i familiari non si costituiscono parte civile. Michele Naccarelli uccise, al termine di Read more

Omicidio Speranza, il Pm Venezia dispone la perizia balistica

Toccherà ad una perizia balistica ricostruire l'esatta dinamica dell'efferato omicidio di contrada Pettirossi ad Atripalda. A deciderlo è il Pubblico Read more

Rabbia e dolore il giorno dopo l’efferato delitto. Il parroco don Enzo: «Famiglia normale e rispettabilissima, come tante altre»

Forte la rabbia ed il dolore il giorno dopo l'efferato delitto. Una città ancora sotto choc ed in lutto per Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Omicidio Speranza, pena ridotta in Appello per il marito reo confesso Luigi Naccarelli”

  1. allegriam ha detto:

    per me kosì non stan bbene:-(è cunto ke la vita di una persona deve valere 10 a.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *