alpadesa
  
Flash news:   Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica

Sorpresi con fucili a canne mozze in auto in pieno centro: c’è l’ombra di un sodalizio criminale. Indagano Carabinieri e Procura

Pubblicato in data: 16/6/2014 alle ore:13:00 • Categoria: Cronaca

carabinieri-notte

Un episodio di cronaca che lascia interdetti quello che si è verificato qualche giorno fa, nel pieno centro di Atripalda, in via San Nicola: durante un normale controllo notturno alla circolazione stradale, infatti, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un uomo, trovato in possesso di due fucili a canne mozze, con matricola abrasa, e un ingente quantitativo di munizionamento, e deferito in stato di libertà altre persone che erano a bordo della sua autovettura.
I militari, insospettiti dagli atteggiamenti tenuti dai quattro, decidevano di effettuare un controllo i cui esiti finali li hanno lasciati esterrefatti: durante la perquisizione veicolare, infatti, venivano alla luce armi e munizioni palesemente alterate, come si trattasse di una scena di un film poliziesco. Purtroppo, però, era pura realtà: l’accaduto sta a testimoniare che, certamente, dietro ai quattro soggetti oggetto della perquisizione c’è dell’altro, sia in termini di potenziale offensivo che in termini di organizzazione criminale. Si, organizzazione criminale: le armi rinvenute lasciano presupporre agli investigatori, attualmente coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino, che si tratti soltanto della punta di un iceberg fatto di un’associazione per delinquere, ben strutturata e radicata sul territorio, che si riteneva essere estinta e che invece mostra il proprio potenziale offensivo, sintomo di estrema vitalità e operatività.
Sono dunque giorni di intensissima, frenetica attività per i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino e per la Procura irpina: una vera e propria corsa contro il tempo, tesa a smantellare il sodalizio criminale con severi provvedimenti restrittivi in carcere, che non si esclude possano arrivare già nei prossimi giorni.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *