- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Abbruciamenti sfalci e sterpaglie non più reato, la soddisfazione dell’associazione ambientalista “La Verde Collina” per il via libera del Parlamento

abbruciamento-sterpaglieL’Associazione ambientalista delle contrade agricole di Atripalda “La Verde Collina” prende atto con viva soddisfazione dell’emendamento approvato dal Parlamento in data 23 giugno 2014 che consente l’abbruciamento di sfalci e sterpaglie nelle zone agricole e che corona una lunga battaglia condotta dall’Associazione che si era fatto carico delle esigenze del mondo agricolo. E difatti tale emendamento inserito nel DL 91/2014 (art.14, comma 8, lett.b) modifica l’art.256 bis del decreto legislativo 152/2006, ha recepito le sollecitazioni delle organizzazioni agricole, in particolare degli operatori della filiera castanicola e corilicola della regione Campania e, nello specifico, delle piccole aziende agricole a conduzione familiare, relativamente all’abbruciamento dei residui vegetali. L’articolo, infatti, cita: “non si applicano al materiale agricolo e forestale derivante da sfalci, potature o ripuliture in loco nel caso di combustione in loco delle stesse. Di tale materiale è consentita la combustione in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri cubi per ettaro nelle aree, periodi e orari individuati, con apposita ordinanza del Sindaco competente per territorio”. Resta fermo che: “nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi, dichiarati dalle Regioni, la combustione è sempre vietata”.
Il presidente dell’Associazione Vito Panarella e l’avvocato Andrea De Vinco che ha curato l’aspetto giuridico del problema assumendo anche la difesa di numerosi agricoltori della zona denunciati alla Procura della Repubblica di Avellino,ricordano anche che a seguito di espressa richiesta dell’associazione il Comune di Atripalda con delibera dello 22.01.2013 approvava la proposta tendente a rimuover gli ostacoli di cui all’art.256 bis su richiamato trasmettendo al Parlamento la richiesta che è stata recepita in toto con l’emendamento suddetto.
L’associazione la Verde Collina e l’avvocato Andrea De Vinco intendono ringraziare vivamente quanti,associazioni e singoli agricoltori hanno condiviso tale lotta ed un particolare ringraziamento intendono esprimere al G.I.P. di Avellino dr.Antonio Sicuranza che nell’aprile del 2013 emise una sentenza coraggiosa, che individuando in modo concreto e giuridicamente corretto la interpretazione da dare al citato art.256 bis,aveva pronunciato sentenza assolutoria nei confronti di agricoltori processati per violazione ambientale tesi che è stata integralmente recepita dal Legislatore nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: