alpadesa
  
Flash news:   Election Day 2020: alle ore 12 ad Atripalda al voto il 12% degli aventi diritto Election day, urne aperte dalle 7: voto per referendum e regionali. Matita, gel e mascherine per tutti ai seggi Festeggiamenti San Sabino, il vescovo di Avellino Arturo Aiello nell’omelia si rivolge ai giovani «abbiate rispetto della vostra vita e di quella degli altri». Foto Idea Atripalda denuncia: “persi 90 mila euro messi a disposizione dal Governo per lavori di efficientamento energetico’ Riapertura scuole ad Atripalda, l’Amministrazione alla ricerca di immobili da adibire ad aule e laboratori Il Parco archeologico di Abellinum e la basilica paleocristiana di Atripalda interessati da lavori di pulizia straordinaria. Foto Giovani e lavoro, l’impegno di Alessia Castiglione (Fdi): “Eliminare tutti gli ostacoli alla creazione di occupazione e ricchezza” Regionali, il candidato Luigi Tuccia: «L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani» Regionali, Carlo Iannace questa mattina incontra gli elettori di Atripalda Il colonnello Luigi Bramati nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino

Ad Atripalda il primo centro in Campania per il recupero del cartongesso. Foto

Pubblicato in data: 9/7/2014 alle ore:08:30 • Categoria: Attualità

aierbit1

Nasce ad Atripalda il primo centro in Campania per il recupero del cartongesso. L’innovativo progetto, promosso dalla Gyproc Saint-Gobain, con l’adesione dell’azienda Aierbit srl della famiglia Iervolino, con sede in via Pianodardine, punta ad offrire un servizio a privati ed aziende che consente di salvaguardare la tutela ambientale. Attraverso infatti l’innovativo processo di recupero studiato esclusivamente per i materiali a base di gesso, Gy.eco garantisce oggi il recupero del 95% del materiale di scarto e la possibilità di reimmetterlo in produzione. Una scommessa sulla quale punta l’azienda atripaldesi nei nuovi capannoni ex Gasperini (bonificati dall’amianto) da 4500 mq di cui 3.000 destinati ad area deposito. Ieri la presentazione alla stampa nel workshop con gli imprenditori Nello Iervolino ed il figlio Giuseppe e per l’azienda Gy.eco Alessia Iscaro, Vincenzo Giacchetti e Carmine Saviano. All’incontro hanno partecipato il presidente dell’Associazione Costruttori, Giuseppe Scognamillo, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Antonio Fasulo e il vicepresidente vicario di Confcommercio, Giulio De Angelis.
aeirbit3«Recuperare gli scarti dei cartongessi, che sono prodotti non nocivi ma inquinanti, significa ridurre i costi e tutelare l’ambiente – dichiara l’imprenditore campano Nello Iervolino -. Poichè assistiamo spesso che vengono abbandonati così nei cassonetti dei rifiuti. Come azienda offriamo questo nuovo servizio di raccolta, che poi trasferiamo nella sede di Campobasso dove verranno trattati. Chi fa impresa ha il dovere di avere una maggiore attenzione all’ambiente e pensare alla propria terra e alle generazioni future». Con la creazione di un’area di stoccaggio, Aierbit è dunque la prima azienda campana che fornisce ai propri clienti, privati ed imprese, un servizio di gestione degli scarti a base di gesso garantendo il recupero di questa tipologia di materiali e contribuendo a ridurre il traffico illecito dei rifiuti in Campania. Il servizio è rivolto a tutti gli artigiani, le imprese edili ed i privati, operanti sul territorio. Una ricaduta anche occupazionale con quattro nuove unità.
«Ma non ci fermiamo qua e nei prossimi mesi c’è l’intenzione di ampliare l’organico. Un’offerta innovativa per tutelare l’ambiente ed offrire a privati che si rivolgono ad imprese ed imprese stesse di poter smaltire così il materiale di risulta del cartongesso – conclude il responsabile del settore commerciale, Giuseppe Iervolino insieme al fratello Vincenzo -. Oggi festeggiamo 20 anni di attività puntando sempre nell’innovazione dei prodotti di qualità».
aierbit2

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *