alpadesa
  
domenica 22 settembre 2019
Flash news:   Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO

Nuova Giunta, Moschella (Fi) accusa: “Solo chiacchiere e interessi di poltrone: si torni al voto”

Pubblicato in data: 23/7/2014 alle ore:19:20 • Categoria: Politica, Forza ItaliaStampa Articolo

consiglio-comunale-moschella

Poltrone, poltrone, poltrone! È questo l’unico comune denominatore, collante dei fragili equilibri di questa maggioranza. Da oltre due anni a Palazzo di Città non si discute che di deleghe, assessorati, consigli di amministrazione e a tener banco tutte le discussioni la parola d’ordine è proprio poltrone! Quelli che un tempo furono uniti con la lista “Uniti per Atripalda” e che si presentavano ai cittadini atripaldesi come il nuovo che avanza, si sono perfettamente uniformati alla politica stile prima Repubblica: tanto fumo, tante chiacchiere, nessuna risposta. Tant’è che ad oggi sono state disattese le promesse elettorali e non vi è traccia di nessun impegno concreto per quanto riguarda il mercato, la manutenzione degli alloggi popolari, la Pineta Sessa, la gestione dei parcheggi, della villa comunale e dei bagni pubblici, il rilancio delle attività commerciali attraverso eventi ed iniziative, la cura del verde pubblico e del fiume Sabato, traffico e viabilità. Le prime discussioni aventi ad oggetto le poltrone, nascono sulla nomina della giunta comunale: Musto fuoriuscito dallo Psi viene nominato assessore in quota Udc, successivamente non poche polemiche scaturiranno sulle nomine dei delegati negli enti sovracomunali: Consorzio dei servizi sociali e Consorzio universitario irpino. Cambiano nuovamente gli equilibri con l’outsider di Musto dalla giunta e dal Consorzio dei servizi sociali mentre il 1 luglio 2014 il Sindaco Spagnuolo viene nominato presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5 in forza di un accordo con il Partito Democratico. Dopo un breve periodo di vacatio, seguito da vari cambi di casacca e da una mutata geografia consiliare, viene vagliata nuovamente la giunta comunale, questa volta alle corde è di nuovo l’Udc che con un colpo di reni rimette le deleghe. Ma la storia continua, perché mentre il primo cittadino cambia di nuovo gli equilibri in giunta con la nomina di Landi (transfugo nel frattempo dall’Udc al gruppo UpA) ed Aquino, incassa la indisponibilità della consigliera Scioscia che a quanto pare si aspettava deleghe più importanti di quella al Personale e alla Protezione Civile, – per dirla alla Giolitti: “Il miglior sedativo per le smanie rivoluzionarie consiste in una poltrona ministeriale, che trasforma un insorto in un burocrate”. Le ultime vicissitudini amministrative riecheggiano ormai le puntate di una telenovela e in un contesto di così grave caos politico-amministrativo con una maggioranza dilaniata e litigiosa, sarebbe opportuno ridare la parola agli elettori.

Vincenzo Moschella – Consigliere Comunale Fi

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Nuova Giunta, Moschella (Fi) accusa: “Solo chiacchiere e interessi di poltrone: si torni al voto””

  1. Silvio ha detto:

    Bravo Moschella.

  2. Adolf ha detto:

    senti chi parla di vecchia politica. mosche ormai si sgamato pure tu.

  3. Attilio ha detto:

    Adesso vedremo che opposizione farete in consiglio comunale.
    Come dice Adolf, fate opposizione incisiva alla Ulderico Pacia.

  4. Valerio ha detto:

    Per tornare al voto, dipende tutto da voi, cara opposizione, mettendo la maggioranza in minoranza.

  5. Margherita ha detto:

    La Scioscia puntava sul commercio.

  6. bibo ha detto:

    vincenzo è vero sei sgamato…sei l unico che si da da fare per tutti noi…..testa alta e continua così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *