alpadesa
  
Flash news:   Maltempo, paura a via Pianodardine: straripa il Fenestrelle e invade il ponte delle Filande Polemiche avvio anno scolastico, l’opposizione “Noi Atripalda” porta in Consiglio comunale la questione Stop ai disservizi, riapre di pomeriggio il cimitero di Atripalda Riapertura delle scuole in tempo di Covid, il messaggio del vescovo Aiello: “ la paura non può ritardare il desiderato primo campanello” Il viaggio in Irpinia dell’associazione atripaldese “ACIPeA” Aliquote Imu e Tari, mercoledì torna in seduta straordinaria il Consiglio comunale di Atripalda Elezioni regionali, i ringraziamenti del vicesindaco Anna Nazzaro Giovane coppia con febbre e dolori attende da 12 giorni il tampone Da oggi obbligo di mascherina all’aperto in Campania tutto il giorno: ordinanza del presidente De Luca Protesta delle famiglie contro i doppi turni all’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda: ieri mattina una delegazione dal sindaco. Foto

Arrestato dai Carabinieri per evasione dai domiciliari, assolto dal Tribunale di Avellino

Pubblicato in data: 31/7/2014 alle ore:15:22 • Categoria: Cronaca

martellotribunaleEra stato arrestato ieri pomeriggio dai Carabinieri della stazione di Atripalda che stavano controllando se rispettasse gli arresti domiciliari. Il giovane atripaldese,  N.C. le sue iniziali del 1992,  era stato infatti sorpreso dalle forze dell’ordine con il proprio cane a passeggio nella villa comunale.
Il giovane, così era stato tradotto presso la camera di sicurezza del Comando provinciale dei Carabinieri di Avellino, dove aveva trascorso la notte, con l’accusa di aver violato la detenzione dai domiciliari che scontava dal mese di dicembre.
Ma questa mattina, il giudice monocratico del Tribunale di Avellino, dottoressa Centola, lo ha assolto per non aver commesso il fatto.
Il pubblico ministero, dottor Elia Taddeo, aveva chiesto invece un anno e sei mesi di reclusione.
Ma il giudice ha accolto in pieno la tesi difensiva del giovane, difeso dall’avvocato penalista  Alfonso Maria Chieffo che ha portato all’assoluzione da parte del giudice. Il penalista ha infatti dimostrato che non c’era nessuna volontà da parte del giovane atripaldese di sottrarsi al provvedimento restrittivo ma che disponeva di un permesso per recarsi presso i servizi del Ministero della Giustizia.
Da qui l’assoluzione per non aver commesso il fatto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *