alpadesa
  
Flash news:   Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme”

La notte di S. Lorenzo nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 9/8/2014 alle ore:17:19 • Categoria: Cultura

notte-di-san-lorenzoLa notte di Lorenzo

Stelle in fuga dall’alto del cielo

alle profonde immensità dei mari,

ditemi, cosa si augurano i passanti,

nella notte d’Agosto con il naso

per aria a cercare ,intravedere la striscia

di luce che induce a chiedere

che il più vero desiderio s’avveri.

Così passa l’estate tra le case

nella notte degli amanti, disperati,

in contro al futuro e per buona fortuna.

E pur ti si invoca dai lumi spenti

delle segrete, Lorenzo, santo

dei posti in vincoli e sai cosa da questi

ci si aspetta, una speranza estrema,

che non verrà.La libertà.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “La notte di S. Lorenzo nei versi di Gabriele De Masi”

  1. crestone ha detto:

    Mi sono cari i versi, in genere: questi in particolare ! Ricorderà chi li ha scritti, perchè a lui più vivi, albe in balcone, a via Roma ad attendere mamme che ci accompagnassero in “cupa” a sentire Messa e assaporare melone e cancellate.

  2. bii ha detto:

    il mio “commento” è :- >
    “sono significativi soprattutto gli ultimi versi(laddove si usa il “termine” libertà)
    comunque Le faccio miei vivi complimenti: – <

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *