alpadesa
  
Flash news:   Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto

Laceno d’oro, dal 18 agosto torna la rassegna cinematografica tra Avellino, Atripalda e Mercogliano

Pubblicato in data: 13/8/2014 alle ore:16:53 • Categoria: Cultura

laceno-doroPer il prossimo anno la casa del Laceno d’oro sarà l’ex Eliseo“. È l’annuncio del sindaco Paolo Foti, a margine della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo di Città sulla presentazione del Festival cinematografico che si terrà tra Avellino, Mercogliano e Atripalda dal 18 agosto al 5 settembre. “Considero questa rassegna cinematografica di grande importanza per la città di Avellino – spiega il sindaco Foti – ma per questa amministrazione la ritengo come la precondizione che fa ben sperare di realizzare il definitivo risanamento di una ferita aperta che è il cinema Eliseo chiuso da tanti anni. Siamo a buon punto e ritengo che tra un anno a partire da oggi riusciremo ad aprire buona parte della struttura. Riaprire il cinema Eliseo significherà anche riaprire la sala cinematografica, con la speranza che i solititi ignoti che sono la vergogna di questa città non vadano a di nuovo a vandalizzare la struttura“.  “Quest’anno inizieremo la manifestazione, le prime cinque serate, nel piazzale dell’ex Gil – aggiunge l’assessore alla cultura Nunzio Cignarellaun modo per riappropriarci di questo luogo, simbolo del Laceno in Irpinia. Mi piace sottolineare la rete che si è creata per l’avvenimento tra tutte le associazioni, i singoli e gli amici che in questi anni hanno tenuto viva la fiammella del cinema in provincia di Avellino“.
Un sogno che diventa realtà – dice Antonio Spagnuolo, direttore artistico del Laceno d’oro – e la consapevolezza che abbiamo rifatto qualcosa di importante per la nostra città e per la cultura che la anima“.
barbarisi

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Laceno d’oro, stasera “Irpinia mon amour” nella Chiesa di San Nicola di Atripalda

Sarò una domenica ricca di appuntamenti quella di domani 20 settembre per il Laceno d’Oro. Sono tre infatti le proiezioni Read more

Laceno D’Oro, slitta al 1 settembre la mostra fotografica nella Dogana dei Grani

A seguito di comunicazione pervenuta dall’Ufficio Stampa del Comune di Avellino, s’informa che la mostra fotografica sulla rassegna cinematografica “Laceno Read more

Laceno d’Oro, stamane a Napoli presentazione della kermesse con l’assessore regionale Sommese. Presenti Pascarosa, Landi e Scioscia. FOTO

Questa mattina nella sala giunta della Regione Campania l'assessore regionale al Turismo e ai Beni culturali Pasquale Sommese, l'assessore alla Cultura Read more

Laceno d’oro, Avellino presenta progetto alla Regione in partnership con Atripalda e Mercogliano

Dopo l'esclusione dello scorso anno, il Comune di Avellino ci riprova: presentato in Regione progetto Laceno d'oro (a lato la locandina Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *