alpadesa
  
Flash news:   Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano Torna lo scontro politico tra maggioranza e opposizione nella prima seduta di Consiglio comunale dopo quattro mesi di stop. L’ex sindaco: “una scorrettezza questa convocazione” e il primo cittadino:”i punti in discussione li decido io non i social” Gli “Irpini della Capitale” donano tre sanificatori alle associazioni di volontariato irpine. Foto Calcinacci caduti ad Alvanite, il Prc attacca: “Le carte truccate di Del Mauro” Montevergine, visita dell’Us Avellino questa mattina da Mamma Schiavona. Foto Cadono calcinacci ad Alvanite, dopo le proteste e la rabbia parla l’assessore al Patrimonio e capogruppo Massimiliano Del Mauro: «si deve arrivare all’abbattimento e ricostruzione di tutti i 17 fabbricati. Il problema è reperire i fondi»

Inquinamento valle del Sabato, l’assessore Antonio Prezioso: “Qualcosa comincia a muoversi”

Pubblicato in data: 2/9/2014 alle ore:13:45 • Categoria: Comune

preziosoIn data 15 luglio 2014 il consiglio comunale di Atripalda, su mia proposta, ha approvato all’unanimità un documento che analizzando la situazione ambientale di pianodardine, stigmatizzava  l’arrivo dei rifiuti indifferenziati presso lo Stir . Ebbene tale documento comincia a dare i suoi frutti in quanto sia S.E. Il Prefetto di Avellino, molto sensibile sul problema inquinamento, che l’ARPAC hanno cominciato ad attivarsi: il primo convocando un tavolo permanente dei Sindaci della Valle del Sabato per monitorare costantemente la situazione della zona in questione; l’ARPAC ha effettuato una serie di analisi presso lo STIR che evidenziano l’alto livello di inquinamento da manganese ed ora sono in corso indagini della Procura. Anche la Regione Campania sembra finalmente svegliarsi e tramite l’Assessore all’Ambiente Giovanni Romano fa sapere a mezzo stampa che presto, sembra nel mese di ottobre, comincerà lo smaltimento delle “Ecoballe” circa ventimila che marciscono da anni nei piazzali dell’impianto di trattamento dei rifiuti di pianodardine. L’obiettivo è quello di tenere accesi i riflettori su una zona di Avellino che è forse la più inquinata della provincia, dove purtroppo le patologie tumorali sembrano essere sempre più diffuse. Come amministrazione comunale non possiamo far altro che fare pressione sugli enti preposti, Provincia, Regione ed Arpac, confidando in un controllo sempre più serrato sui livelli di inquinamento della Valle del Sabato. La prossima tappa sarà l’installazione di un laboratorio mobile per il monitoraggio dell’inquinamento dell’aria che presto  sarà messo a disposizione dall’ARPAC.

Antonio Prezioso
Assessore all’Ambiente

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Approvazione Bilancio previsionale al Comune, nota dell’assessore Antonio Prezioso

Nella seduta di giunta comunale di giovedì è stato possibile approvare il Bilancio previsionale, visto che, riducendo le somme previste Read more

Inquinamento Valle del Sabato, al via lo screening sulla popolazione

Già classificata come zona a rischio eleveto sul fronte dell’inquinamento ambientale, ora nella Valle del Sabato si passa allo screening Read more

Inquinamento valle del Sabato, nota di Sel Atripalda: “Dati allarmanti dallo studio del Crom di Mercogliano”

Abbiamo letto con preoccupazione lo studio del CROM sulla mortalità per tumore in Irpinia che posiziona Atripalda al terzo posto Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *