alpadesa
  
sabato 11 luglio 2020
Flash news:   Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi

La denuncia dell’Associazione Verde Collina alla Regione e al Corpo Forestale: “Danni alle culture arrecati da cinghiali”

Pubblicato in data: 4/9/2014 alle ore:15:53 • Categoria: Attualità

cinghiale-in-campagnaPervengono da tempo a questa Associazione continue segnalazioni da parte di agricoltori ed abitanti delle contrade rurali di San Gregorio, Cerzete, Pietramara e Savoroni site nel comune di Atripalda (AV) in merito ad una invasione di cinghiali che si è andata ad incrementare negli ultimi tempi. Tale presenza, in particolare nottetempo, si trasforma spesso in vere e proprie orde che hanno arrecato e arrecano tutt’ora notevoli danni alle culture in generale ed in particolare alla coltivazione di gran turco, nocciole, castagne, uva.
Inoltre con il loro modo di fare per la ricerca di cibo, scavano nei terreni profondi solchi andando in tal modo a modificare quelli che sono i canali di deflusso delle acque pluviali provocando conciò altri danni e non da ultimo il pericolo di collasso dei terreni essendo gli stessi situati in zone collinose. Non da meno la preoccupazione degli abitanti delle suddette zone per il pericolo che dette bestie costituiscono per l’incolumità delle persone ed in particolare per le donne, gli anziani ed i bambini. Si invitano pertanto le Autorità in indirizzo ad adottare ogni più urgente provvedimento, nel rispetto delle normative che regolano la ripopolazione di tali animali, al fine di evitare ulteriori danni alle culture ed eliminare la suddetta situazione di pericolo.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di Read more

Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *