alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

La denuncia dell’Associazione Verde Collina alla Regione e al Corpo Forestale: “Danni alle culture arrecati da cinghiali”

Pubblicato in data: 4/9/2014 alle ore:15:53 • Categoria: Attualità

cinghiale-in-campagnaPervengono da tempo a questa Associazione continue segnalazioni da parte di agricoltori ed abitanti delle contrade rurali di San Gregorio, Cerzete, Pietramara e Savoroni site nel comune di Atripalda (AV) in merito ad una invasione di cinghiali che si è andata ad incrementare negli ultimi tempi. Tale presenza, in particolare nottetempo, si trasforma spesso in vere e proprie orde che hanno arrecato e arrecano tutt’ora notevoli danni alle culture in generale ed in particolare alla coltivazione di gran turco, nocciole, castagne, uva.
Inoltre con il loro modo di fare per la ricerca di cibo, scavano nei terreni profondi solchi andando in tal modo a modificare quelli che sono i canali di deflusso delle acque pluviali provocando conciò altri danni e non da ultimo il pericolo di collasso dei terreni essendo gli stessi situati in zone collinose. Non da meno la preoccupazione degli abitanti delle suddette zone per il pericolo che dette bestie costituiscono per l’incolumità delle persone ed in particolare per le donne, gli anziani ed i bambini. Si invitano pertanto le Autorità in indirizzo ad adottare ogni più urgente provvedimento, nel rispetto delle normative che regolano la ripopolazione di tali animali, al fine di evitare ulteriori danni alle culture ed eliminare la suddetta situazione di pericolo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *