alpadesa
  
Flash news:   Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di AtripaldaNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50

Salvi i festeggiamenti civili in onore del Santo Patrono, il sindaco accusa: “polemiche deplorevoli, la devozione a San Sabino vuole la festa”. Ecco il programma

Pubblicato in data: 13/9/2014 alle ore:07:00 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

san-sabino-2014-luminarie-in-piazzaSalvi i festeggiamenti civili in onore del Santo Patrono Sabino. L’amministrazione riesce in pochi giorni a mettere su, grazie ad alcuni sponsor e senza grandi somme, un cartellone di eventi tra cabaret e musica da affiancare al programma religioso. Le polemiche che avevano fatto annullare in anticipo l’organizzazione della festa della pizza a parco delle Acacie non fermano l’Amministrazione Spagnuolo, che si è dovuta sobbarcare l’organizzazione della festa civile, a seguito delle dimissioni dell’ex Comitato festa.
La festa è stata sempre salva – spiega il sindaco Paolo Spagnuolo perché i festeggiamenti di San Sabino si sarebbero svolti a parco della Acacie insieme alla festa della pizza. Ma una volta che gli organizzatori hanno rinunciato lo stesso contenuto lo abbiamo trasferito in piazza Umberto. Ringrazio tutti gli uffici comunali, coordinati dall’assessore Fabiola Scioscia. Un bello sforzo ma c’è stata la voglia di tutti di dare a San Sabino quello che merita“.
Il primo cittadino ritorna anche sulle polemiche nate con l’idea di dar vita ad una festa della pizza a parco Acacie: “Avendo un problema di budget avevamo visto la possibilità di far svolgere la festa civile in concomitanza di una festa della pizza organizzata da un’iniziativa privata, risparmiando risorse come il palco ed altre attività a costo zero. Ma lungi da noi confondere la festa di San Sabino con la quella della pizza, polemica artatamente montata da chi evidentemente non ha a cuore che la città di Atripalda devota al Santo riuscisse ad organizzare un programma civile. Si è fatto pensare che l’amministrazione volesse fare un business a favore chissà di chi, e questo è deplorevole da chi non fa nulla dalla mattina alla sera. Nel parco Acacie avremmo organizzato gli stessi appuntamenti approfittando dell’iniziativa di un privato. Il delegato al Commercio, Pascarosa aveva contattato tutte le pizzerie cittadine che avrebbero avuto una sorta di diritto di prelazione per far trarre un vantaggio all’economia del paese. Ma le prescrizioni sono state tante, ed Atripalda su questo non si fa mancare nulla, e la società così visto i tempi brevi ci ha comunicato di soprassedere. Da qui tutto quello che stavamo organizzando per parco delle Acacie lo abbiamo trasferito in piazza, seguendo così ulteriormente la tradizione aggiungendo le luminarie ed il palco“.
san-sabino-programma-settembre-2014Si parte stasera alle ore 19.30 con “Carlo’s Show” poi a seguire il comico Enzo Costanza. Alle 22 concerto del giovane cantautore avellinese Marcello Apicella Quartet live. In chiusura alle 23.30 si balla con i Fresetti&Siano Model Djs. Vocalist Danny D.
Domenica invece alle ore 20, benedizione con il vescovo Marino della nuova statua di San Sabino in via Tufara. In piazza Umberto dalle ore 19 invece cabaret con Enzo Costanza che farà da apripista all’esibizione di tre scuole di danza: la “Dance with me”, “Mary Dance” e “Calypso Belly Dance”. Dalle 21.30 invece balli di gruppo con il Dj Rico e dalle 23 il sound latino con i dj Marmy&Vallonio.
Lunedì invece dalle 19 minifestival in piazza con Enzo Mauro, Alle 20.30 nella chiesa madre Concerto della Corale di S.Ippolisto Martire. Alle 21.30 Carlo’s Show e poi e poi dalle 23.30 il cabaret in piazza di Ciro Giustiniani da Made in Sud.
Martedì 16, girono di San Sabino, alle ore 18 Solenne concelebrazione eucaristica presso la chiesa madre con il vescovo Francesco marino. A seguire la solenne processione per le strade cittadine. In serata alle 22.30 comicità con il duo Ivan&Cristiano di Made in Sud e dalle 23.30 il Concerto della Grande Orchestra di Fiati – Alta Irpinia con 54 elementi. “Il comitato festa dedica un anno all’organizzazione degli eventi – prosegue Spagnuolo – mentre noi non abbiamo chiesto alcunché ai cittadini, rivolgendoci solo ad una decina di grandi aziende che hanno contribuito a costituire il budget per la festività. Hanno contribuito con una sottoscrizione anche i consiglieri comunali ed i dipendenti comunali, e questo è un aspetto bellissimo. In tanti invece di mettersi a pontificare e a sperare che la festa non si facesse, avrebbero potuto spendere il loro tempo dando un contributo di idee, impegno e anche finanziario all’organizzazione. La devozione al Santo vuole questo, non polemiche. Comunque se la festa non fosse stata organizzata la responsabilità non sarebbe stata certo dell’Amministrazione che non ha questo ruolo ma i comitati. Ma San Sabino ci ha dato anche la forza fisica senza bloccare l’attività amministrativa“.
Grande importanza è stata data alla cultura attraverso due convegni. Il primo appuntamento fissato questa mattina alle 9,30 presso l’aula consiliare sul tema ” San Sabino Vescovo di Abellinum e patrono di Atripalda alla luce della tradizione storica”, frutto della sinergia tra l’amministrazione comunale e la parrocchia di S.Ippolisto Martire. Il convegno coordinato da don Enzo de Stefano e presieduto dal nunzio apostolico emerito, Monsignor Luigi Barbarito, vedrà gli interventi di Paolo Spagnuolo e del primo cittadino di Canosa di Puglia Ernesto La Salvia. Le relazioni saranno affidate al professor Gennaro Passaro, docente di Storia della Chiesa locale presso l’Istituto di scienze religiose di Avellino, e a monsignor Felice Bacco Arciprete della Chiesa Cattedrale di Canosa di Puglia. Le conclusioni saranno curate dal preside Virgilio Iandiorio docente presso l’Istituto di scienze religiose “S.Giuseppe Moscati” di Avellino. Lunedi 15 settembre alle 17,30 sempre presso l’aula consiliare del Comune il consigliere delegato al Turismo e marketing territoriale, Flavio Pascarosa, introdurrà il convegno: “Le epigrafi di Sabino e Romolo”. L’interessante relazione, sugli scritti presenti sui sarcofagi del Santo Patrono e del suo fedele diacono, sarà tenuta dal professore Gennaro Luongo ordinario di Letteratura Cristiana Antica, presso l’Università Federico II di Napoli.
san-sabino-2014-luminarie-in-piazza1

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

27 risposte a “Salvi i festeggiamenti civili in onore del Santo Patrono, il sindaco accusa: “polemiche deplorevoli, la devozione a San Sabino vuole la festa”. Ecco il programma”

  1. Antonio ha detto:

    adesso che fate pure gli offesi ? VOI FATE GLI ANNUNCI, VOI DECIDETE , DOPO QUANDO VI CRITICANO ? VI RISENTITE DI COSA ? MEGLIO FARE PRIMA è POI SI COMMENTA !

  2. San Sabino amante dei forestieri ha detto:

    La prima cosa vorremmo sapere questi soldi da dove provengono…Sicuramente sono quelli dell’Imu e dei contributi dei cittadini.
    Almeno l’Atripaldese con il comitato era libero se fare l’offerta o meno, invece cosi è obbligato a pagare in modo indiretto.
    Come al solito non c’è un artista atripaldese tra tutti questi che verranno pagati.
    E di gruppi ad Atripalda ce ne sono talmete tanti che possiamo fare festa per un mese.
    Il sindaco giustamente dice per la festa della pizza bisognava contattare le pizzerie atripaldesi, che per il 50% tra l’altro non sono di Atripalda…e per il resto invece tutti di fuori…dobbiamo fare sempre beneficenza agli altri. E il sincado si permette anche di fare il grande con i soldi dei cittadini.
    La vera festa è quella religiosa!!!

  3. Uno di Atripalda (deluso) ha detto:

    Come siamo ridotti male.

  4. Camaleonti ha detto:

    Non era meglio fare due serate una con il gruppo musicale I Camaleonti, una con la banda musicale.

  5. Antonio ha detto:

    Vabbe’ però ammettiamo che in quattro e quattrotto hanno organizzato 4 giorni di festa e che diamine.
    Devo dare atto a questi signori che hanno fatto una bella cosa. Complimenti per l’organizzazione siete stati bravi.
    Godiamoci la festa e quando ogni tanto fanno qualcosa di buono siamo obbiettivi. Nonostante le mille difficoltà e il poco tempo è stata organizzata una piccola festa con 4 giorni di intrattenimento quindi tirando le somme se avessero avuto altri giorni sarebbe uscito un festone. io proporrei il Sindaco a Presidente del comitato se lo merita. bravi bravi bravi

  6. ATRIPALDESE ha detto:

    Una festa iniziata con un vero flop.
    Presenti in piazza sabato alle ventidue e trenta, non più di cento persone.
    Camaleonti, Dik Dik, Cugini di Campagna ed altri gruppi, si trovano a prezzo buono ed allietano una serata.
    Ma quel complesso dove lo avete PESCATO? Non è proprio cosa vostra.

  7. franco ha detto:

    al di la delle solite sterile polemiche dei soliti polemici che non fanno niente per il paese credo, sindaco che a lei e a quanti hanno collaborato con lei amministratori e semplici cittadini a tutti vanno i ringraziamenti e un plauso per aver organizzato in pochi giorni una festa che credo per le poche risorse disponibili messe a disposizione da poche persone sia riuscita una buona cosa e comunque grazie a tutti

  8. MIMMO ha detto:

    PROGRAMMA ED INIZIATIVE CONDIVISIBILI VISTO IL TEMPO E LE RISORSE A DISPOSIZIONE.

  9. Pino ha detto:

    Soldi buttati perchè Mal gestiti ( e sono soldi dei cittadini )

  10. marco ha detto:

    a me questa festa è piaciuta e molto pure, anche perche abbastanza innovativa nel programma, momenti culturali con due interessanti convegni, bella l’iniziativa di stamattina facendo divertire centinaia di ragazzini con un torneo di calcetto, quattro serate in piazza io dico bene cosi.

  11. consuelo lopes ha detto:

    La festa civile ci sarà! QUESTO BASTA E AVANZA visto che i tanto buoni cittadini non hanno messo mano alla tasca! Ci sono stati degli sponsor?! bene così!!! ma tutti questi che parlino e pallotteano addo stevino quando il parroco chiedeva aiuto? MO’ STANNASTA SULO CITTIIIIIIIIIIIII BASTA! W SAN SABINO!!! W IL SANTO PATRONO!!!! E……. MOSCA!

  12. Franco ha detto:

    Caro professore La Sala, basta con questi linke che pubblica! Vi sapete solo lamentare, nessuno di voi ha dato una mano per la riuscita della manifestazione. Volete ma non date! Per fortuna ci sono stati dei contributi e in pochissimo tempo e a costo quasi zero Atripalda si rianima! È stato bello vedere ieri tutti quei giovani. Bravo il nostro Sindaco e la nuova giunta sta facendo la differenza, i complimenti anche all’assessore Scioscia per l’impegno e la volontà! Date uno schiaffo morale a tutti e continuate così.

  13. Pierino la peste ha detto:

    Ma Enzo Costanza sabato sera si è visto vicino al palco e poi è sparito.
    Perché è andato via? Ci piacerebbe saperlo.

  14. Mario ha detto:

    Vi siete consumati per questa festa con 4 giorni. Bastava festeggiare il Santo con la processione e una serata con un buon complesso che sulla piazza si trovano a prezzo buono.
    Visto che avete voluto fare la festa civile, perché non avete messo le bancarelle? Festa non riuscita, perchè improvvisata male.

  15. Michele ha detto:

    Ma perchè la festa della pizza non si è più fatta?

  16. nati' ha detto:

    non approvo in pieno il programma,ma tutto sommato il gruppo che ha cantato ieri sera non era cosi’ male e la discoteca all’aperto era discreta…bisognava organizzarsi per tempo

  17. Ciro ha detto:

    Quattro giorni di festa.
    Un vero FESTONE.

  18. Sabino ha detto:

    MIMMO, MIMMO.

  19. Un nuovo residente ha detto:

    PER FRANCO.
    Hai ragione, veramente una gran bella festa.
    Figurati se c’era il Comitato. Facevano cantare e suonare RAMAZZOTTI, I POOH.
    O no?

  20. Un Residente ha detto:

    La vera festa la stanno facendo i Comuni di Fontanarosa e Manocalzati che hanno. Ricevuto dalla Regiona Campania FONDI per la prima di 677.000 euro, per la seconda 2.980.000.
    Quella si che è festa.

  21. ferdinando ha detto:

    si può discutere quando volete ma in pochi giorni e con scarse risorse e stata organizzata una bella festa in onore del SANTO PATRONO SAN SABINO,e bene a fatto il SIG SINDACO a scendere in campo in prima persona per non far perdere questa nobile tradizione. grazie da un semplice cittadino schivo da personalismi e inutili polemiche.

  22. ROBERTO ha detto:

    ma i gonfiabili perche’ non c’erano in piazza? poi diamo fiducia a questa amministrazione che aggiustera’ tutto. vedi il campo sportivo rifatto a nuovo e PORTATO A NORMA ora si che si potranno organizzare manifestazioni al valleverde ed ora che inizia il campionato dell’ABELLINUM tutti allo stadio a tifare per questi ragazzi.

  23. Antonio ha detto:

    Desidererei che in questo momento il popolo ATRIPALDESE non parli, non perché deve tacere non si chiede nemmeno un commento positivo ma il silenzio.Silenzio che servirà a dare alla nostra città un po’ di vita, poi alla fine si tireranno le somme ma non cerchiamo di rompere un giocattolo che sta andando verso la giusta strada.Forza ragazzi cercate di far vedere al popolo che qualcosa si muove.Fabiola Scioscia si sta facendo in 4 per questi eventi insieme alla Parziale e avrei voluto metterci una camera addosso per far vedere poi alla gente chi è che veramente danneggia il paese.

  24. Paolo ha detto:

    Ma alle 20 e 30 di oggi 15/09 non doveva esserci la Corale di Sant’Ippolisto?? Nella Chiesa Madre cantano altri interpreti! Ma il programma e’ solo uno specchietto per le allodole?? Che presa in giro!!

  25. NICOLA ha detto:

    Per me la quattro giorni è stato un vero flop, tant’è è che anche le bancarelle sono andate via al secondo giorno della loro collocazione in Piazza, figuriamoci se le avrebbero messe a Via Gramsci.

  26. Nando ha detto:

    CHE ZEZA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *