alpadesa
  
sabato 11 luglio 2020
Flash news:   Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi

Rastelli: “Prova di carattere, più forti dell’inferiorità numerica”. FOTO

Pubblicato in data: 14/9/2014 alle ore:09:22 • Categoria: Avellino Calcio

massimo-rastelliMassimo Rastelli è soddisfatto in sala stampa al termine del match: “Il pari è giusto, ma per un’ora avevamo meritato di vincere la partita. La squadra ha interpretato la partita in maniera perfetta. Abbiamo dimostrato di non essere quelli di Cittadella. I ragazzi sono scesi in campo con grande serenità. Abbiamo creato diverse occasioni. C’è mancato proprio che la palla entrasse dentro. In novanta minuti ci sono gli episodi. Sul rigore la buona sorte è stata dalla nostra parte. Ogni qualvolta questa squadra fa prestazioni incolore si mette in discussione la condizione”. Sul campionato: “Quest’anno la stagione sarà più difficile. Nella passata stagione c’erano molte squadre che non l’avevano mai giocata. Nel complesso siamo migliorati”.
Sulla possibilità di inserire un altro elemento nel reparto difensivo: “E’ normale che come sempre succede nel calcio si parte dall’abbondanza a dover fare la conta. Abbiamo cinque centrali con Fabbro, Ely, Vergara, Pisance, Chiosa e Pisacane che può essere adattato. Se Vergara cresce come penso io, avremo un altro giocatore dal potenziale straordinario”.
alfred-gomisIl portiere Alfred Gomis, che mette paura agli avversari visto che in due giornate due penalty volano alti sulla traversa commenta così: “L’importante è che la rete non si gonfi. Che paro io o sbaglia l’attaccante cambia poco”. Sulla difesa: “I miei difensori hanno totale fiducia. Come sbagliano loro posso farlo io. L’errore ci può stare”. Sull’intervento effettuato su Madonna: “Sono stato bravo, ma ho avuto anche un poco di fortuna. Difficile spiegare l’intervento, mi ha aiutato l’istinto”. Il rigore sbagliato: “Ci ha dato maggiore forza, siamo riusciti prendere coraggio. Nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni. Potevamo sfruttarle meglio”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Rastelli a sorpresa verso il Cagliari

Massimo Rastelli decide di dire addio all'Avellino. Il tecnico di Torre del Greco, a sorpresa, lascia il club biancoverde e Read more

Rastelli: «Sono fiducioso per la gara di Bologna»

«Dobbiamo essere fiduciosi per come abbiamo condotto la gara. Fare una gara simile, da squadra vera ci deve dare fiducia. Read more

Rastelli: «B imprevedibile, dobbiamo giocare gara per gara»

«Zito è stato un trascinatore. Tutta la squadra ha giocato bene ed ha voluto fortemente reagire al momento negativo. Dopo Read more

Rastelli: «Ingenui nel non chiudere la gara»

«Il calcio è bello per questo perché nulla è scontato fino alla fine. Siamo scesi in campo contratti poi siamo Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *