alpadesa
  
domenica 09 agosto 2020
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Prima campanella in città per duemila alunni, parlano i dirigenti scolastici Berardino e Parziale ed il delegato all’Istruzione

Pubblicato in data: 16/9/2014 alle ore:07:00 • Categoria: Attualità

dirigenti-scolastici

Prima campanella per quasi duemila alunni nella cittadina del Sabato tra edifici riqualificati con pannelli solari e nuove tecnologie didattiche. Tutti in classe ieri mattina nei sette plessi scolastici cittadini, dalla materna al liceo. Proprio lo scientifico “V. De Caprariis” in via Appia, con 26 sezioni e 650 alunni (850 invece gli alunni complessivi se si contano anche le sedi distaccate di Solofra ed Altavilla Irpina) è stato quello più interessato da interventi di ammodernamento. Grazie ad un Pon Fers Asse 2 per oltre 700mila euro si è proceduti all’adeguamento alle norme energetiche con l’installazione di pannelli solari. Tutte le classi, sia quella di Atripalda che di Solofra, sono state dotate di Lim, la lavagna interattiva multimediale con collegamento ad internet. Un’innovazione tecnologica che consente all’istituto di secondo grado di poter superare il gap causato dal grave furto subito ad inizio del mese di agosto, quando ignoti trafugarono dalla scuola ben tredici computer portatili di ultima generazione acquistati per le attività didattiche grazie ai fondi Pon per un valore di oltre dodicimila euro. «Nei mesi estivi si è proceduto anche al rifacimento degli impianti elettrici e di videosorveglianza – spiega il dirigente scolastico, professoressa Maria Stella Berardino -, verniciatura degli ambienti e sistemazione dei bagni per gli alunni con disabilità. Potenziati anche i laboratori di fisica, informatica, linguistico e biologia. Inoltre ben trenta alunni sono stati selezionati e si trovano a Londra per potenziare la conoscenza della lingua inglese».
Primo giorno di scuola sereno anche per gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Atripalda, che unisce le materne, elementari e la media con un totale di 59 classi per oltre 1.300 studenti. Ieri mattina manifestazione di accoglienza delle classi prime della scuola media Masi alla presenza delle autorità cittadine. Proprio la “Masi” di via Pianodardine, che quest’anno inverte il trend con la formazione di una nuova prima, la sezione F, e la “Adamo” di via San Giacomo saranno interessate a breve da interventi di ristrutturazione. « Si tratta di interventi importanti – afferma il dirigente scolastico Elio Parzialedi sostituzione degli impianti termici e antincendio, delle porte, dei vetri e altre migliorie, per circa 700mila euro. Naturalmente si cercherà di ridurre al minimo i disagi per alunni e docenti». Restano in attesa dello stanziamento di fondi gli altri quattro plessi dell’istituto comprensivo per i quali sono previsti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria finanziati con il progetto “scuole belle” voluto dal Governo Renzi. Desta preoccupazione invece la copertura della scuola materna “Pascoli” di via De Curtis (ex contrada Spagnola), che attende ancora un intervento radicale. Ma mancano i fondi. Solo mercoledì scorso l’Utc congiuntamente con l’Asl ha autorizzato l’apertura della scuola a seguito delle infiltrazioni d’acqua piovana che si sono registrate nei mesi scorsi.
Anche il neo consigliere delegato all’Istruzione Gianna Parziale, presente ieri mattina alla cerimonia di accoglienza delle prime classi alla scuola media, ha rivolto i propri auguri di buon anno scolastico. Unitamente al comandante della Polizia municipale, Domenico Giannetta, ha visitato poi tutti i plessi scolastici cittadini, assicurando che non ci saranno aumenti sulle tariffe per la mensa e trasporto scolastico: «Posso confermare per l’anno scolastico 2014/2015 le tariffe dei servizi a domanda individuale, mensa e trasporto resteranno invariate. Per il rifacimento della copertura della Materna “Pascoli” i costi sono troppo elevati. Per cui procederemo con interventi tampone. Abbiamo dato il via anche al progetto “nonni-vigili”, che accoglieranno ed assisteranno i bambini davanti alla scuola, collaborando col personale scolastico ed i vigili urbani».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Furto al liceo atripaldese, bottino da dodicimila euro. FOTO

Hanno agito di notte per mettere a segno il colpo al liceo scientifico "V. De Caprariis" di via Appia. Un Read more

Bando di reclutamento Esperti Pon C1 per l’annualità 2013/14 al liceo atripaldese

Avviso Bando di reclutamento di n.7 esperti esterni per le esigenze didattiche dei progetti PON attivati presso il liceo scientifico Read more

Controlli antidroga dei Carabinieri al liceo: tutto regolare

Controlli antidroga da parte dei Carabinieri supportati dalle unità cinofile al Liceo Scientifico "De Caprariis" di via Appia. Nei giorni Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *