alpadesa
  
domenica 15 dicembre 2019
Flash news:   Fiamme alla formaggeria “Fior di bontà” di Atripalda: si segue la pista dolosa. Il giovane titolare Luca: «Non mi arrendo di certo e tra cinque o sei giorni riapriremo». Foto Nuovo Terminal Bus ad Avellino da questa mattina nel piazzale dello stadio Partenio-Lombardi “Christmas Shopping” domani in via Roma ad Atripalda: artisti di strada, Villaggio di Babbo Natale e Street food Negozio in fiamme nella notte lungo via Fiume ad Atripalda: indagano i Carabinieri Prima vittoria in Appello per il Comune di Atripalda sulle multe da autovelox installato lungo la Variante Maltempo, chiuso di nuovo ponte delle Filande Natale 2019, domani seconda Notte Bianca in piazza Umberto e via Manfredi. Foto Us Avellino, pagati gli stipendi ai tesserati Doppio appuntamento di Natale della Misericordia di Atripalda Videosorveglianza ad Atripalda, l’associazione “La Verde Collina” incalza l’Amministrazione per installare telecamere nelle contrade rurali

Salvaguardia degli equilibri di bilancio, in giunta approda la vendita del Centro Servizi alle Pmi e del mercatino rionale

Pubblicato in data: 24/9/2014 alle ore:10:50 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

centro-pmimercatino-rionaleSalvaguardia degli equilibri di bilancio, l’amministrazione del Sabato prova ad accelerare entro fine mese sulla vendita del Centro Servizi alle Pmi e sul futuro del mercatino rionale di piazza Alpini d’Orte dopo la seconda asta andata deserta.
Approderanno sul tavolo della prossima riunione di Giunta i due fascicoli che rientrano nel Piano anti-dissesto legato alle difficoltà economiche che vive l’Ente di piazza Municipio e sul quale si sono accesi da tempo i riflettori della Corte dei Conti. Bisogna far fronte al disavanzo di amministrazione (che ammonta a circa 2milioni e 200mila euro) ed il Comune raggiungerebbe il pareggio di Bilancio grazie all’alienazione del Centro Servizi di via San Lorenzo alla casa farmaceutica “Xenus Srl” per un importo di 2 milioni e 650mila euro.
I magistrati contabili hanno concesso all’Amministrazione Spagnuolo un ulteriore periodo di tempo fino a fine anno per porre in essere tutti quei provvedimenti di risanamento dei conti idonei alla rimozione delle criticità sollevate e all’azzeramento del disavanzo.
E così entro fine mese potrebbe finalmente avviarsi a conclusione la lunga telenovela per la vendita della struttura comunale di via San Lorenzo realizzata per favorire lo start-up della piccole e medie imprese ma mai decollata. Per il rogito si sta interessando il notaio Pesiri. Un pagamento che in base agli accordi dovrebbe avvenire in più tranche: una prima da 650 mila euro immediatamente alla stipula dell’atto di vendita e le restanti parti con pagamenti dilazionati. «Nella prossima riunione di giunta procederemo alla formulazione definitiva dell’alienazione – annuncia l’assessore al Bilancio Domenico Landi -. Stiamo con gli uffici procedendo alla verifica e valutazione della documentazione. Nel caso andasse tutto a buon fine si potrebbe decidere di non vedere più il mercatino rionale».
Costato oltre 6 miliardi di vecchie lire e finanziato con fondi europei, l’edificio a due piani e di oltre quindicimila metri quadrati, dispone di aule per la formazione e convegni ed uno spazio espositivo. Al di là di sporadiche manifestazioni di rilevanza regionale come Exporienta, Exposcuola, Terra Mia e l’aver ospitato lo sportello del Centro per l’Impiego e corsi post universitari, è restato per lo più inutilizzato.
Spagnuolo ne aveva proposto l’acquisto anche al manager Florio dell’Asl di Avellino che più volte aveva manifestato in passato l’intenzione di trasferire la sede del distretto sanitario dalla struttura attualmente occupata in via Manfredi. Ad ostacolare la trattativa però le numerose richieste avanzate dall’Asl al Comune per l’acquisto dell’edificio, tra cui anche un ampliamento della struttura, che richiederebbero tempi troppo lunghi d’attesa sia per l’Asl ma anche per un Comune che, con i conti in rosso, ha necessità di dover incassare subito.
Va deserto invece il secondo esperimento di gara con asta pubblica per la vendita del mercatino rionale in via Marino Caracciolo, piazza Alpini d’Orte.
L’alienazione del bene di 770 mq. mediante asta pubblica partiva da 616.000,00 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “Salvaguardia degli equilibri di bilancio, in giunta approda la vendita del Centro Servizi alle Pmi e del mercatino rionale”

  1. Aiuto ha detto:

    Un vero peccato veder vendere il nostro patrimonio immobiliare, PER FAR FRONTE AI DEBITI.
    Poi, dai giornali si è appreso che si vuole recuperare il fabbricato fatiscente e pericolante di palazzo CARACCIOLO.
    De Luca Sindaco di Salerno, batti un colpo.

  2. Antonio ha detto:

    MA LE LEGGI SI CONOSCONO ? I DEBITI SI DEBBONO CANCELLARE SOLO CON I TRIBUTI E NON CON LE VENDITE DEGLI IMMOBILI ! INFATTI IL RICAVATO EVENTUALE DA VENDITE IMMOBILI SI DEVE X LEGGE SPENDERE IN ALTRI PROGETTI E NON PER PAGARE I DEBITI PER CUI ABBIATE LA CORTESIA DI ACCERTARVI! E SE VOLETE, DOMANDATE CHI SAREBBE A GARANTIRE CON FIDEIUSSIONE LA SOCIETA’ CHE VUOLE ACQUISTARE LO STABILE DI VIA SAN. LORENZO?

  3. raffaele la sala ha detto:

    Dall’articolo non è del tutto chiara la sorte del Centro Servizi. Intanto mi pare che l’immobile sia complessivamente di 5000 e non quindicimila mq; poi vanno chiarite le modalità e le garanzie della cessione (sempre che di cessione, vendita parziale, o altro si tratti). Speriamo piuttosto che non sia la solita pezza a colore: un rammendo, un rabbercio, ‘no funniello…
    e poi https://www.youtube.com/watch?v=FBoj6nrNwAo

  4. maronna mia aiutaci tu. ha detto:

    Come è bello pareggiare il bilancio vendendo la proprietà Comunale.
    Questo lo sanno fare tutti. E il prestito con LA CASSA DEPOSITO E PRESTITO chi lo pagherà? Sempre i cittadini?
    Corte dei Conti fai presto ad intervenire.

  5. Matteo ha detto:

    PER ANTONIO
    O.K. al tuo commento.

  6. Paolo ha detto:

    X ANTONIO:
    Io penso che lo sanno, ma continuano a intestantirsi a voler vendere il contro servizi.
    Ma perchè non hanno PENSATO a trasferire NEL CENTRO SERVIZI, tutto il Comune di Atripala, dall’ufficio Tecnico, ai Vigili urbani e tutti gli uffici a servizio del Comune.

  7. ATRIPALDESE per caso ha detto:

    PER PAOLO
    CI VORREBBE UN DE LUCA ( sindaco di Salerno ) IN OGNI COMUNE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *