alpadesa
  
sabato 19 settembre 2020
Flash news:   Il Parco archeologico di Abellinum e la basilica paleocristiana di Atripalda interessati da lavori di pulizia straordinaria. Foto Giovani e lavoro, l’impegno di Alessia Castiglione (Fdi): “Eliminare tutti gli ostacoli alla creazione di occupazione e ricchezza” Regionali, il candidato Luigi Tuccia: «L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani» Regionali, Carlo Iannace questa mattina incontra gli elettori di Atripalda Il colonnello Luigi Bramati nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino Presentata la Maglia Ufficiale dell’Us Avellino per la Stagione 2020/21 Serie B, Scandone: esordio con Pozzuoli il 15 novembre Serie C 2020/2021, ecco il cammino dell’Avellino Festeggiamenti Santo Patrono San Sabino Vescovo, oggi messe all’aperto in piazza Umberto I ad Atripalda Regionali, il movimento politico “Irpinia Adesso” al fianco di Alessia Castiglione (Fdi)

Alto Calore, lavoratori in piazza stamattina per scioperare

Pubblicato in data: 3/10/2014 alle ore:15:00 • Categoria: Attualità

altocalore_sede1Dipendenti dell’Alto Calore in piazza per scioperare.
Manifestazione di protesta stamattina presso l’ente di corso Europa ad Avellino. Alla base della mobilitazione l’incertezza del proprio futuro lavorativo alle dipendenze di una società che deve fronteggiare un passivo di oltre cento milioni di euro. Il corteo dei lavoratori ha prima manifestato davanti alla Prefettura di Avellino per poi giungere a Corso Europa, dove c’è la sede della società. Lello De Stefano, numero uno dell’Acs ha già iniziato una serie di azioni risanatorie, tra cui l’acquisizione dell’Alto Calore Patrimonio. Ma non basta, occorre individuare e tagliare tutti gli sprechi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *