alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni”

“Impresa Diretta Live Atripalda” sui social network, i video di Pino Battista per denunciare la città che non va

Pubblicato in data: 5/10/2014 alle ore:06:40 • Categoria: Attualità

pino-battista1

Con i suoi video per denunciare la città che non va. Dalla protesta contro l’aumento della Tari, con tanto di cartelli sandwich andata in scena per quasi dieci giorni sotto il Municipio, ai servizi girati con la videocamera e pubblicati su You Tube, canale “Impresa Diretta Live Atripalda” e sulle pagine di Facebook e Twitter come “Impresa diretta”. Da giugno prosegue senza sosta la battaglia civica di Pino Battista, voce pungente di un cittadino che con la sue telecamera riprende ciò che non funziona in città, dal degrado ai disservizi in attesa di risposte.
«Impresa Diretta Atripalda perché per me è un’impresa fare un servizio di questo genere – racconta Pino Battista -. E’ una cosa che faccio per la collettività, perché ci vivo ad Atripalda e vorrei vederla come era trent’anni fa. Anche se so che è un’utopia. Mi piacere riportarla nel posto che merita e meritava, un punto di riferimento per l’Irpinia commercialmente e non solo. Impresa Diretta nasce come un gioco di parole. Trovare le notizie e farsi largo attraverso le persone che rappresentano le istituzioni non è assolutamente facile. Impresa diretta vuole essere un canale d’informazione libero ed aperto a tuti i cittadini. Partiamo da segnalazioni, poi faccio ricerche, mi documento, in modo da riportare la notizia nel modo giusto è corretto. Qualcuno mi ha accusato di essere mosso da ambizioni politiche, niente di tutto questo. Di politica ne capisco ben poco. Non è un mio interesse. Tutto quello che faccio lo faccio solo per riportare in alto Atripalda, facendo conoscere quali sono realmente i problemi. Impresa diretta non nasce per colpire qualcuno o qualcosa ma per metter e in evidenza, ove mai il governo del nostro paese se ne fosse dimenticato, quale sono le attuali mancanze. Non è una spina nel fianco. Sono una persona a modo ed educata. Non credo di farmi nemici, ma parlo con tutti, sindaco compreso. Nei miei servizi cito l’amministrazione comunale attuale perché è al governo ma non è un’iniziativa contro nessuno».
pino-battista-in-consiglio-comunaleTante le inchieste condotte in questi mesi. Lunghissimo l’elenco. Oltre a riprendere con la telecamera integralmente ogni consiglio comunale, tra i video spiccano le denunce per la pista ciclabile abbandonata, la discarica al campo sportivo Valleverde, i tombini intasati, lo stato preoccupante del Fiume Sabato a via Marino Caracciolo, la messa in “sicurezza” della chiesa dell’Annunziata in piazza Garibaldi, le condizioni precarie di parco delle Acacie tra giochi inutilizzabili per bambini, le periferie abbandonate di Alvanite e contrada Ischia, lo stato delle strade gruviera nel centro tra sosta selvaggia.
«Sull’impalcatura che copre da quasi ventidue mesi la facciata del Municipio ho scoperto – conclude – che il ponteggio, montato per garantire l’incolumità degli utenti perché in alcuni punti si è registrato il distacco dell’intonaco, costa ben 720 euro mensili ai contribuenti atripaldesi e finora non è stata fatta ancora la stima dei lavori da effettuare. Ed intanto già siamo intorno ai 15mila euro solo per il fitto dell’impalcatura e chissà quando avrà fine. Si poteva salire con un cestello per intervenire, risparmiando così. Questo è buonsenso nell’amministrare».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a ““Impresa Diretta Live Atripalda” sui social network, i video di Pino Battista per denunciare la città che non va”

  1. UGO ha detto:

    Caro PINO,
    Stai facendo un ottimo servizio come lo sta facendo su JUS TV Lamberti. Fate capire alla gente cosa si cela dietro questi politici.
    Già il fatto che siamo a oltre 10 mila euro con l’impalcatura davanti al Comune la dice lunga. Se ti viene facile, vorremmo conoscere anche la DITTA.

  2. Marco ha detto:

    PINO, fai qualche servizio sui Vigili di Atripalda. Facci capire perchè sono scomparsi dopo aver acquistato 2 nuovi mezzi.

  3. Pino Battista ha detto:

    Carissimo Ugo la ditta incaricata proprietaria dell’impalcatura si chiama Pontedil S.r.l.con sede in Benevento,ti invito a visionare tutto il filmato su you tube digitando impresadirettaliveatripalda.

  4. Ugo ha detto:

    OTTIMO LAVORO PINO. Ma come si trova questa ditta da BENEVENTO ad Atripalda.?
    Chi conosce.
    Vai avanti così.

  5. ROSARIO ha detto:

    DITTE DI BENEVENTO??? ANCORA NON AVETE VISTO NIENTE,POI AD ATRIPALDA AVETE UN DETTO “SANTO SAVINO E’ AMANTE RI FORESTIERI” PERO’ VI TERREMO AGGIORNATI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *