alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

“Giunta Spagnuolo: ultimo atto?”, nota dell’ex capogruppo di Piazza Grande Lello La Sala

Pubblicato in data: 19/10/2014 alle ore:19:48 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

lasalaConferenza stampa, il prossimo 22 ottobre, nella sala consiliare di Atripalda delle opposizioni FI, “Piazza Grande”, PSI.
E chissà se per quella data (a tre settimane dal risicatissimo voto sulla Xenus: 9 a 8 e la tardiva, ma dignitosa posizione assunta dall’ Udc) si sarà almeno avviato il tortuoso iter amministrativo, che in due anni (due sono già inutilmente passati… e fanno 4) dovrebbe portare alla definitiva alienazione del Centro Servizi di via San Lorenzo. Sempre che:
1. La Xenus paghi cash (almeno i primi quasi settecento mila euri);
2. il notaio roghi;
3. il responsabile di settore firmi;
4. il rent to buy…(http://www.renttobuyitalia.it/come-funziona-il-rent-to-buy.html) non confligga con il ‘riservato dominio’ e non finisca tutto a tarallucci e vin’acìto…nei lacciuoli di codici e pandette…
Per non parlare dei misteri grandi e piccoli dell’era Spagnuolo, tra regolamenti ignorati, pareri pro veritate (di incerta efficacia), puc a farsi e conflitti di varia natura, in cui tutto sembra svaporare e dissolversi nel contrario di tutto. Insomma: vale per il Centro Servizi la zona di rispetto fluviale (come sostiene la Regione)? Vale sempre e per tutto il territorio cittadino, o qua sì e là no? Perché (alla faccia della trasparenza presunta e dei convegni a go-go…) i regolamenti comunali non sono pubblicati on line e decine di pagine risultano eternamente ‘in allestimento’? Perché ogni tanto l’albo on line dà i numeri e (per almeno 4 giorni quattro) risulta inaccessibile… senza che ci sia, dopo, una nota di chiarimento (o almeno di scuse)? Per non parlare di singolari coincidenze, inquietanti fatti di cronaca che ci restituiscono l’impressione di una città alla deriva, senza memoria e senza qualità: in cui per non precisate e non si sa quanto ‘vincolanti’ obblighi normativi si rinvia una cerimonia programmata da tempo e sostenuta con spontanea generosità da giovani colti ed impegnati (l’intitolazione a Don Peppe Diana della villa comunale), neppure sfiorati dall’idea che ne sarebbe venuto, di questi tempi, un messaggio obliquo e contraddittorio all’opinione pubblica; nessuno riesce neppure ad esaminare (o lo ha già fatto ed a nessuno è dato sapere) la proposta pubblicamente e congiuntamente formulata della intitolazione del giardino di piazza Orta a Biagio Venezia (militante politico, amministratore e, negli ultimi 5 anni, testimone ed interprete della vita civile di Atripalda) che ne fu ideatore e materialmente artefice; nessuno ha ritenuto finora (nonostante i miei ripetuti inviti pubblici e privati) a solennizzare il cinquantenario della morte del filosofo della politica Vittorio de Caprariis. E qualcuno saprà mai: a) quando potrà riaprire via San Gregorio? b) se le dichiarazioni rese dall’ arch. Giuseppina Cerchia consentissero o no la sua ammissione al pubblico concorso? c) perché il dirigente del settore Urbanistica, arch. Giuseppe Cocchi, è stato costretto a formalizzare e reiterare le dimissioni dall’incarico? Fino alle storie di ordinario spreco presente di risorse finanziarie e di risorse umane. Fino al definitivo pronunciamento della Corte dei Conti. Fino al dissesto (che tuttora incombe) e preoccupa alcuni… tra caporali, subalterni e soldati di truppa.

Raffaele La Sala – coordinatore di “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a ““Giunta Spagnuolo: ultimo atto?”, nota dell’ex capogruppo di Piazza Grande Lello La Sala”

  1. Simpatizzante di LA SALA ha detto:

    PER LELLO
    Io non sono convinto CHE IL CENTRO SERVIZI SI POSSA VENDERE IN QUESTO MODO, PERCHÈ PENSO CHE SIMILE VENDITA, POTEVA INTERESSATE QUALCHE ALTRO ACQUIRENTE,
    CIOÈ, COMPRARSI IL PIANO TERRA E FITTARE IL PRIMO PIANO. NON ERA NELLE REGOLE DI VENDITA TALE ALIENAZIONE. LELLO FAI QUALCOSA TU.

  2. Antonio ha detto:

    Chiamate il Dott. Cantelmoo caro Prof invece di fare poesie scrivi alla Procura altrimenti quello che dici non serve a nulla anzi sarai complice

  3. mimmo ha detto:

    il problema vero è che a molti brucia, questa operazione perchè se va in porto Spagnuolo passa come il Sindaco che ha salvato il bilancio e ha risanato l’ente, quindi un Sindaco vincente e che volete che certa gente si occupa del benessere del paese questi devono f… spagnuolo e basta.

  4. raffaele la sala ha detto:

    E’ proprio convinto, il gentile signor Antonio (o chi per lui), che il confronto sulla gestione amministrativa si faccia con le Procure? Per quanto… Invece gli anatemi oltre che inefficaci, sono solo una inutile caduta di stile. Io segnalo inefficienze ed incapacità gestionali, delle quali provo a convincere i cittadini elettori. Se nelle inefficienze, poi, si celano anche fatti penalmente rilevanti lo dirà chi è tenuto a farlo. Unicuique suum…

  5. Antonio ha detto:

    Caro Prof. Quindi mi sta confermando che lei vede ma non denuncia? Anche lei aspetta che arrivi un salvatore per tutelarsi.Io mi domando e dico se lei riscontra un illecito è inutile che fa poesie e filastrocche denunci, questo vuole il popolo sapere e punire i colpevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *