alpadesa
  
Flash news:   Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella Laurea Pierfrancesco Antonio Annuvolo, auguri

Conclusa la VII Conferenza sull’infanzia e la famiglia organizzata dal Consorzio dei servizi sociali A5

Pubblicato in data: 23/10/2014 alle ore:08:05 • Categoria: Attualità, Sociale

consorzio a5Si conferma, ancora una volta , uno dei pochissimi appuntamenti di formazione e di confronto nell’ambito delle politiche sociali della Regione Campania in grado di richiamare l’interesse di esperti e di operatori del settore.

Di adozione e di affido si è discusso nell’ambito della due giorni che si è tenuta a Montefusco su iniziativa del Consorzio A5 di Atripalda.
La prima giornata è servita agli operatori per conoscere i cambiamenti in atto nelle politiche sociali della Regione Campania.
Infatti particolarmente interessante si è rivelato il contributo della dirigente regionale delle politiche sociali, Rosanna Romano , che è intervenuta all’iniziativa.
Dopo anni di assenza di rappresentanti della Regione Campania dai territori interni, da tutti invece è stata apprezzata l’attenzione dimostrata in occasione della conferenza.
Sollecitata in particolare dal presidente del CdA del Consorzio, Paolo Spagnuolo e dal direttore del Consorzio, Carmine De Blasio, che hanno introdotto i lavori della VII Conferenza, la dirigente regionale, apprezzando il lavoro e l’impegno dell’ambito A5, ne ha approfittato anche per annunciare l’imminente riparto del fondo per la famiglia di circa 34 milioni di euro. Risorse che potranno esser utilizzate dagli ambiti territoriali sociali per la gestione di asili nido, per azioni riferite ai servizi integrativi per la prima infanzia e per la conciliazione dei tempi di lavoro e della famiglia, in particolare per le donne.
Inoltre proprio in queste ore la regione Campania ha adottato il Piano triennale del centro regionale per le adozioni e l’affido.
I territori devono dimostrarsi pronti a raccogliere le nuove sfide proprio come sta accadendo in taluni ambiti della provincia di Avellino.
Il tema specifico della due giorni è stato quello dell’adozione e dell’affido.
Un susseguirsi di contributi tecnici consegnati da esperti del settore: magistrati, assistenti sociali, psicologi, avvocati ha consentito di far emergere soprattutto gli aspetti, non pochi, di criticità legati alle procedure e alle modalità del percorso adottivo e delle difficoltà dell’esperienza di affido.
Il calo delle adozioni che si registra sul piano generale trova riscontro anche sui nostri territori.
La diminuzione dei casi di adozione è riconducibile per un verso alla crisi economica in quanto l’adozione comporta costi anche ingenti e altrettanto all’eccessiva burocratizzazione dei passaggi.
L’affido invece resta una partita tutta aperta in quanto riguarda, in realtà, un tentativo culturale di sostegno e di accoglienza verso i minori di cui non soltanto le istituzioni ma l’intera collettività deve farsi carico.
La VII conferenza si è conclusa con uno spazio di confronto sui temi della genitorialità gestito da Alberto Pellai, noto e apprezzato psicoterapeuta e scrittore italiano, il quale ha richiamato l’attenzione sullo stile genitoriale di oggi. Come si diceva una volta per crescere un bambino c’è bisogno di un villaggio. Oggi il villaggio e quello globale entro il quale spesso i figli vengono pensati dalla generazione degli adulti come consumatori, cioè si tende ad assegnare più valore a ciò che gravità dal punto di vista materiale attorno alla dimensione dell’infanzia.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Il Libro in Fiera, il sindaco Spagnuolo: “Bel programma ricco di iniziative di qualità”

"Sono lieto di salutare gli organizzatori de “Il Libro in Fiera” manifestazione che con il patrocinio, tra gli altri, dell’amministrazione Read more

Tuccia delegato al Turismo e Beni Culturali da Gambacorta, il sindaco Spagnuolo: “Importante incarico vista l’imminente apertura di Abellinum”

"A nome personale e facendomi interprete dei sentimenti di tutti i consiglieri di maggioranza, desidero esprimere le mie felicitazioni all’ingegnere Read more

Richiesta di monitoraggio della qualità dell’aria, il sindaco risponde a Moschella: “Amministrazione già attiva da tempo per installazione centralina”

Di seguito la risposta del sindaco Paolo Spagnuolo all'interrogazione presentata dal consigliere Vincenzo Moschella avente ad oggetto: "Riscontro interrogazione prot. Read more

Inquinamento atmosferico, Moschella interroga Spagnuolo: “Attivi Arpac per monitoraggio qualità dell’aria”

"Questa mattina ho presentato al Comune, interrogazione al primo cittadino, in cui ho chiesto se non ritenga opportuno impulsare l’ARPAC Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *