alpadesa
  
Flash news:   Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Il derby campano con la Cavese è dei lupi Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda

Cassa integrazione alla clinica Santa Rita, Taccone rassicura: “Tetti di spesa inadeguati, cig fino a dicembre. Fatturiamo 11 milioni di euro, nessun rischio per i 137 lavoratori”

Pubblicato in data: 4/11/2014 alle ore:19:34 • Categoria: Attualità

santa_ritaCassa integrazione alla Casa di cura “Santa Rita” di Atripalda. Da ieri mattina è scattata la cassa integrazione in deroga per i lavoratori della struttura sanitaria privata sita in via Appia ad Atripalda. A darne notizia erano stati i rappresentanti sindacali di categoria Marco D’Acunto (Fp Cgil), Gerardo Capone (Fp Cisl), Romina Iannuzzi (Nursind).
Lo strumento di ammortizzatore sociale, come riferito dal presidente Walter Taccone, durerà fino al 31 dicembre 2014 e coinvolgerà a rotazione, un massimo di 40 lavoratori ognuno per 15 giorni, sui 137 complessivi.
Ormai dal 2009 – spiega a Il Mattino il presidente del CdA Walter Taccone – la clinica Santa Rita regala al sistema sanitario oltre 2 milioni di euro, che noi fatturiamo e l’Asl non ci riconosce. Restiamo infatti ancorati ad un tetto di spesa vecchissimo, risalente al 2008 e privo di rivalutazione di costi e prestazioni“.
La clinica fattura mediamente 11 milioni di euro a fronte di un tetto regionale fissato a 9 milioni. Taccone rassicura: “L’azienda è in difficoltà da quando l’ho acquistata nel 2008, sobbarcandomi 10 milioni di precedenti debiti erariali. Ma non c’è nessun pericolo per il personale“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *