alpadesa
  
Flash news:   Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno Ciclismo, presentata la formazione A.S. “Civitas-Profumeria Lucia“ per la stagione agonistica 2020 Bando di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

Cassa integrazione alla clinica Santa Rita, Taccone rassicura: “Tetti di spesa inadeguati, cig fino a dicembre. Fatturiamo 11 milioni di euro, nessun rischio per i 137 lavoratori”

Pubblicato in data: 4/11/2014 alle ore:19:34 • Categoria: Attualità

santa_ritaCassa integrazione alla Casa di cura “Santa Rita” di Atripalda. Da ieri mattina è scattata la cassa integrazione in deroga per i lavoratori della struttura sanitaria privata sita in via Appia ad Atripalda. A darne notizia erano stati i rappresentanti sindacali di categoria Marco D’Acunto (Fp Cgil), Gerardo Capone (Fp Cisl), Romina Iannuzzi (Nursind).
Lo strumento di ammortizzatore sociale, come riferito dal presidente Walter Taccone, durerà fino al 31 dicembre 2014 e coinvolgerà a rotazione, un massimo di 40 lavoratori ognuno per 15 giorni, sui 137 complessivi.
Ormai dal 2009 – spiega a Il Mattino il presidente del CdA Walter Taccone – la clinica Santa Rita regala al sistema sanitario oltre 2 milioni di euro, che noi fatturiamo e l’Asl non ci riconosce. Restiamo infatti ancorati ad un tetto di spesa vecchissimo, risalente al 2008 e privo di rivalutazione di costi e prestazioni“.
La clinica fattura mediamente 11 milioni di euro a fronte di un tetto regionale fissato a 9 milioni. Taccone rassicura: “L’azienda è in difficoltà da quando l’ho acquistata nel 2008, sobbarcandomi 10 milioni di precedenti debiti erariali. Ma non c’è nessun pericolo per il personale“.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Caso Malzoni, il presidente Taccone precisa: “Non c’è la clinica Santa Rita dietro la chiusura”

"Non c'è certamente la clinica Santa Rita dietro la chiusura della clinica Malzoni. Per la Santa Rita ho investito di Read more

Casa di Cura Santa Rita, personale in stato di agitazione ma Taccone rassicura: “A breve saranno pagate le tredicesime”

"Le scriventi Organizzazioni Sindacali comunicano che in data odierna, dalle ore 13.30 alle 14.30, si è svolta l’Assemblea del personale Read more

Clinica Santa Rita, minacce di morte al presidente Walter Taccone con una lettera anonima ed intimidatoria. Scontro con la Cgil sul pagamento degli stipendi

Una lettera anonima ma con un messaggio chiaro ed inquietante di minacce di morte. Destinatario il presidente del Cda della Read more

Alla Clinica Santa Rita il professor Alessio Fasano della Harvard Medical School esperto di celiachia

Alla Casa di Cura Santa Rita di Atripalda la visita del professor Alessio Fasano della Harvard Medical School, uno dei Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *