alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta

Isochimica, 29 gli avvisi di garanzia emessi dalla Procura di Avellino

Pubblicato in data: 12/11/2014 alle ore:14:17 • Categoria: CronacaStampa Articolo

isochimicaSono 29 gli avvisi di conclusione indagini, che la Procura della Repubblica di Avellino ha notificato ad altrettanti soggetti, nell’ambito dell’inchiesta relativa all’Isochimica. Nella lista degli indagati anche il sindaco di Avellino Paolo Foti, colpevole – secondo i magistrati – di non aver posto in essere tutte quelle azioni atte a mettere in sicurezza il sito di Pianodardine. 237, invece, sono le persone che avrebbero subito danni dalla dispersione di amianto. Restano indagati anche l’ex primo cittadino Pino Galasso e gli assessori che firmarono la delibera nel maggio 2005, per l’ipotesi di concorso in disastro colposo. Gli indagati ora avranno venti giorni per presentare le proprie memorie. I reati contestati, a vario titolo, sarebbero disastro ambientale continuato, omicidio colposo, lesioni ed altre fattispecie legate all’inquinamento da amianto provocato tra gli ex operai della fabbrica e tra gli abitanti di Borgo Ferrovia. Tra gli indagati figurerebbero anche cinque dirigenti di Ferrovie dello Stato.
Il reato ipotizzato dal Procuratore capo, Rosario Cantelmo, è di disastro ambientale colposo continuato, provocato dalla dispersione delle fibre di amianto sul luogo di lavoro e nell’ambiente circostante. Foti, per la Procura, non avrebbe concretamente attuato una serie di interventi tesi a mettere in sicurezza il dismesso sito produttivo ma anche funzionari delle Ferrovie che avrebbero garantito sulle condizioni igienico-sanitarie a tutela dei lavoratori e sulla affidabilità delle tecnologie utilizzate per il trattamento dell’amianto.
Le notifiche di chiusura indagini agli indagati sono state affidate agli uomini del Nucleo investigativo del Corpo Forestale dello Stato, a cui la Procura avellinese ha affidato le indagini. Le parti offese, che avrebbero subito danni alla salute dalla dispersione di amianto, sono 237. Tra queste, numerosi ex operai dell’Isochimica e le loro famiglie. In questi anni, dieci ex operai di Elio Graziano sono deceduti a causa di malattie correlate alla esposizione di amianto e numerosi altri sono ammalati.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *