alpadesa
  
Flash news:   Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno Ciclismo, presentata la formazione A.S. “Civitas-Profumeria Lucia“ per la stagione agonistica 2020 Bando di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

Mille compostiere domestiche in arrivo e cento paletti dissuasori contro la sosta selvaggia

Pubblicato in data: 12/11/2014 alle ore:23:30 • Categoria: Attualità

compostiera-domesticaMille compostiere domestiche in arrivo e cento paletti dissuasori contro la sosta selvaggia. Con un contributo regionale il Comune ha acquistato mille compostiere domestiche che saranno consegnate in comodato gratuito ad altrettante famiglie atripaldesi. Attraverso queste compostiere si punta far risparmiare chi ne farà uso. Il Consiglio comunale, riunitosi l’altra sera, ha approvato una modifica alla Tari, la tassa sui rifiuti, in quanto con le compostiere va riconosciuto alle famiglie che li richiederanno un abbattimento della tassa. “Grazie alla capacità di accedere a fondi europei rispondendo ad un bando promosso dalla Regione Campania – ha spiegato in aula l’assessore all’Ambiente Antonio Preziosoil nostro Comune ha acquistato circa mille compostiere domestiche, due apparati Mangialattine e 32 mini isole ecologiche. Con l’approvazione in Consiglio del regolamento per l’utilizzo, le compostiere domestiche potranno essere richieste dai cittadini che dispongono di uno spazio adeguato per la loro installazione e sottoscrivendo l’impegno a non conferire nel normale circuito di raccolta dei rifiuti, l’anno successivo, verificati gli effettivi risparmi sullo smaltimento, i contribuenti potranno vedersi riconosciuta una riduzione sulla frazione variabile Tari che può arrivare da un minimo del 10% ad un massimo del 30% a secondo dei risultati. Quindi non basta la richiesta per avere la riduzione, ma occorre impegnarsi a fare il compostaggio. Un passo ulteriore che va nella direzione della politica della riduzione dei rifiuti, un obiettivo ambizioso che serve per aiutare l’ambiente in cui viviamo e a razionalizzare la spesa relativa al costo di raccolta e smaltimento dei rifiuti“.
La richiesta va presentata all’Ufficio Ambiente. I cittadini interessati, dopo aver sottoscritto l’impegno a seguire il regolamento, potranno procedere a ritirare la compostiera presso il deposito comunale nella quale procederanno a smaltire scarti di cucina, residui vegetali e fogliame. A giorni sarà pubblicato anche un avviso ed un manifesto che fisserà le fasi. Sarà consegnato un prontuario e l’Amministrazione attiverà anche dei corsi preparatori
paletti-dissuasori-via-appiaContro la sosta selvaggia invece scende in campo il Comando di Polizia municipale con l’operazione “Marciapiede libero”.
Da via Appia a via Manfredi si sta procedendo all’installazione di 100 dissuasori sui marciapiedi per far si che gli automobilisti più scorretti ed indisciplinati non parcheggino con le proprie auto su di essi. Il costo dell’operazione complessivo è di 8mila euro. Un giro di vite contro il cattivo fenomeno delle auto “ovunque”, non più sopportabile e per le quali non sembrano bastare multe e controlli della Municipale. Scatta così l’ordinanza dove si dà via libera per mettere le barriere lungo marciapiedi delle arterie maggiori del centro cittadino. Molto spesso parcheggiare male l’auto non crea solo problemi al traffico m anche ai pedoni, mettendone a rischio la pubblica incolumità.
paletti-dissuasori1

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Compostati bene”, parte l’iniziativa dell’Assessorato all’Ambiente per la distribuzione gratuita della compostiere domestiche

Con l'approvazione del Regolamento comunale per la pratica del compostaggio domestico, i cittadini registrati nell'elenco Tari (tassa rifiuti) del comune Read more

Comune, al via la selezione per dodici volontari al servizio civile. Ecco i 53 aspiranti

Settimana decisa per la selezione di 12 volontari da impiegare nel progetto “G.A.I.A –giovani e animali per l’Irpinia nell’ambiente” al Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

9 risposte a “Mille compostiere domestiche in arrivo e cento paletti dissuasori contro la sosta selvaggia”

  1. atripaldese ha detto:

    VEDIAMO SE HANNO LA FORZA DI INSTALLARE I PALETTI ANCHE SUI MARCIAPIEDI UBICATI DAVANTI AGLI ESERCIZI COMMERCIALI.

  2. Francesco ha detto:

    Allora le città italiane dovrebbero essere immerse da paletti.
    Purtroppo, non è così.

  3. NICOLA ha detto:

    Non è mettendo paletti a destra e a manca che si salvaguarda la incolumità dei pedoni.

  4. enrico ha detto:

    Infatti, caro Nicola, se un pedone è costretto a camminare in un lago di acqua la mattina, perché ha piovuto, egli se ne infischia di questi paletti….
    Prezioso mi sembra Cupido che scaglia continuamente frecce contro tutto e tutti, ma combina solo guai….

  5. PAOLA ha detto:

    E I VIGILI QUANDO LAVORANO??????? PURE IL COMANDANTE GIANNETTA NON CI E’ RIUSCITO LUI CREDO NON CI RIUSCIRA’ NESSUNO A FARLI LAVORARE UN POCHINO, PERO’ I SOLDI DEI PROGETTI LI HANNO PRESI.

  6. silvio ha detto:

    vi debbo dire la verità nonostante i tempi e questa maledetta crisi ,nel campo dei rifiuti e dell’ambiente qual’cosa pure si vede, poi se ci sono i soliti santoni in grado di fare tutto perchè non si fanno avanti con idee e progetti.

  7. facinoroso ha detto:

    mettere i paletti e un modo di alleviare il lavoro dei vigili urbani che in questo modo barbaro di parcheggiare potevano fare solo il lavoro

  8. atripaldese doc ha detto:

    Ci vogliono dalle 24 alle 48 ore per sistemare il Comando dei vigili urbani.
    Bisogna aspettare però la prossima amministrazione.

  9. Aurelio ha detto:

    Dove ci vorrebbero non li mettono come ad esempio via Melfi.
    Purtroppo glielo dobbiamo dire noi a questi scienziati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *