alpadesa
  
Flash news:   Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi”

“Fulgida luna dei poeti”, il ricordo del sisma nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 24/11/2014 alle ore:10:14 • Categoria: Cultura

sisma-del-1980-ad-atripalda-via-romaFulgida luna dei poeti

( da “La luna e la polvere”,i poeti del 23 Novembre,ed.Delta3)

Fulgida luna, dei poeti,

così luminasti la notte,

faro di rovine, un momento,

il muro rotto, riverso sul prato

non chiedeva il lamento

di bimbo esser grido,richiamo,

nella densa polvere sugli occhi

di sangue prossimi alla morte.

Giungesti così, ballando,

dopo una domenica di sole,

rantolo basso squassò  porte,

ruppe l’architrave, dirupò

case,sabbia e sassi

rotolarono fino al fiume,

camminavamo sugli embrici,

sulle travi finite per  terra,

gridando a nomi amici: “Ci sei?”.

Il silenzio, su ogni voce.

Così fu commiato,

lontana eco nella notte,sempre

un po’ più in là. Più lontano.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a ““Fulgida luna dei poeti”, il ricordo del sisma nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Rdm ha detto:

    Sembrerà un commento scontato ma mi hai chiesto di lasciare un solo voto come fare a non dare il massimo al ricordo di quello che ci unì tutti quella notte. Solidarietà, aiuto reciproco, pietà, che non ho visto più!

  2. Anto ha detto:

    Questa poesia non la si riesce a leggere senza commozione. Lo stile ricorda le poesie di Enzensberger sul naufragio del Titanic. Più che una poesia è una fotografia. Già nel titolo si può leggere un paese resiliente, per niente rassegnato. Alla fine non si sente neppure la mano del fotografo. Non c’è spazio per alcun tipo di giudizio e i ricordi si possono vagheggiare nei colori.

  3. Carlo ha detto:

    Trentaquattro anni ed il ricordo è sempre vivo, forte, prepotente. La giornata di sole, la partita dell’Avellino, la gioia per i gol di Juary. Un minuto e mezzo di inferno e poi il silenzio. Un grazie a Gabriele De Masi ed ai suoi commoventi versi che ci riportano a quegli istanti e ci inumidiscono gli occhi.

  4. Sabino ha detto:

    Leggo tutte le preziose note critiche alle quali unisco anche i miei più sentiti apprezzamenti di sicera commozione e trasporto.
    Ma caro Anto chi sei?
    Ho apprezzato molto le tue realistiche e profonde considerazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *