alpadesa
  
Flash news:   Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free Coronavirus, raddoppiano i casi di contagio (+318) ma scendono i decessi a 55 Festa della Repubblica, lettera di Idea Atripalda al Presidente Mattarella Il Comune di Atripalda torna a soccombere dinanzi al Giudice di Pace di Avellino, l’avvocato Aquino: «L’autovelox va posto in lockdown» Coronavirus, un nuovo caso in Irpinia: è di Casalbore Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi e altre 60 vittime in un giorno Ciclismo, presentata la formazione A.S. “Civitas-Profumeria Lucia“ per la stagione agonistica 2020 Bando di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

“Fulgida luna dei poeti”, il ricordo del sisma nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 24/11/2014 alle ore:10:14 • Categoria: Cultura

sisma-del-1980-ad-atripalda-via-romaFulgida luna dei poeti

( da “La luna e la polvere”,i poeti del 23 Novembre,ed.Delta3)

Fulgida luna, dei poeti,

così luminasti la notte,

faro di rovine, un momento,

il muro rotto, riverso sul prato

non chiedeva il lamento

di bimbo esser grido,richiamo,

nella densa polvere sugli occhi

di sangue prossimi alla morte.

Giungesti così, ballando,

dopo una domenica di sole,

rantolo basso squassò  porte,

ruppe l’architrave, dirupò

case,sabbia e sassi

rotolarono fino al fiume,

camminavamo sugli embrici,

sulle travi finite per  terra,

gridando a nomi amici: “Ci sei?”.

Il silenzio, su ogni voce.

Così fu commiato,

lontana eco nella notte,sempre

un po’ più in là. Più lontano.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di Read more

Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a ““Fulgida luna dei poeti”, il ricordo del sisma nei versi di Gabriele De Masi”

  1. Rdm ha detto:

    Sembrerà un commento scontato ma mi hai chiesto di lasciare un solo voto come fare a non dare il massimo al ricordo di quello che ci unì tutti quella notte. Solidarietà, aiuto reciproco, pietà, che non ho visto più!

  2. Anto ha detto:

    Questa poesia non la si riesce a leggere senza commozione. Lo stile ricorda le poesie di Enzensberger sul naufragio del Titanic. Più che una poesia è una fotografia. Già nel titolo si può leggere un paese resiliente, per niente rassegnato. Alla fine non si sente neppure la mano del fotografo. Non c’è spazio per alcun tipo di giudizio e i ricordi si possono vagheggiare nei colori.

  3. Carlo ha detto:

    Trentaquattro anni ed il ricordo è sempre vivo, forte, prepotente. La giornata di sole, la partita dell’Avellino, la gioia per i gol di Juary. Un minuto e mezzo di inferno e poi il silenzio. Un grazie a Gabriele De Masi ed ai suoi commoventi versi che ci riportano a quegli istanti e ci inumidiscono gli occhi.

  4. Sabino ha detto:

    Leggo tutte le preziose note critiche alle quali unisco anche i miei più sentiti apprezzamenti di sicera commozione e trasporto.
    Ma caro Anto chi sei?
    Ho apprezzato molto le tue realistiche e profonde considerazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *