alpadesa
  
Flash news:   Incendio a Pianodardine, Sinistra Italiana Atripalda: “altra ferita per il nostro ambiente” Avellino ko in casa col Bisceglie Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Us Avellino, formalizzato l’accordo con Evangelista Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi

“Tremò sì forte…”, ecco il testo del professor Raffaele La Sala

Pubblicato in data: 24/11/2014 alle ore:08:45 • Categoria: AttualitàStampa Articolo
sisma-del-1980-ad-atripalda-via-belliTerremoto del 1980, ecco il testo del professor Raffaele La Sala pubblicato in premessa alla mostra fotografica della Pro Loco Atripalda (e curata da me) nel 2005. La mostra volli intitolarla, citando dall’Inferno di Dante, “Tremò sì forte…”, e non per vezzo letterario. Mi pareva allora, e ne sono convinto adesso, che quelle parole dicessero la paura, lo sgomento, trasmettessero il senso di una devastante fragilità. Mai il terremoto aveva colpito con tanta violenza, e mai il volto della città era così radicalmente mutato, anche per l’intervento, non sempre necessario, delle ruspe che scavarono il ventre medievale di Capo la Torre (in verità, già abbandonato al degrado sin dalla metà degli anni ’60, ma che almeno aveva conservato tracciati e profili, insieme alle evidenze monumentali della sua storia plurisecolare).

“Tremò sì forte…”

(Dante, Inferno, III , v. 131)
testimonianze ed immagini dal sisma
23 novembre 1980-23 novembre 2005
a cura di Raffaele La Sala
Sono passati 25 anni, eppure la memoria di quelle tragiche ore che sconvolsero l’Irpinia è tuttora viva. Anche ad Atripalda, dove non si contarono morti per la speciale protezione di San Sabino (ci ripetevamo per farci coraggio), che il miracolo lo aveva già fatto -ricordavano gli anziani- durante il terremoto del 1930, quando aveva tenuto in piedi la vecchia Chiesa Madre, dove si era rifugiata una folla inconsapevole o incurante del pericolo, e dove mia nonna mi aveva portato a pregare, nell’altro terremoto, quello del 1962.
E fu veramente un miracolo che le case ‘ngapo la torre, sott’a rovana, ‘ngap’all’ortola, ‘ngopp’o palazzo, appiccicate l’una sull’altra e cadenti da secoli, fragile riparo di antiche povertà, e custodi gelose della più autentica e popolare identità cittadina, non si sbriciolassero sulla gente.
Forse non è questo il luogo per ‘rileggere’ la lunga e tormentata storia di questi anni. Le passioni non si sono sopite e qualche ferita ancora brucia, ma il tempo passa inesorabile e si posa sulle cose e queste foto ci appaiono lontane, testimonianze già sbiadite di fatti di un secolo fa, che i nostri giovani non hanno visto, e chi non ha visto non sempre può capire.
Attraverso la scelta essenziale (ed inevitabilmente incompleta) delle immagini, tra le migliaia che in quei giorni e nei mesi successivi scattarono fotografi professionisti e semplici cittadini, non abbiamo voluto solo raccontare luoghi e macerie, ma anche i primi segnali di reazione, le prove di abnegazione, i successi e le sconfitte dei singoli e della collettività.
L’eroismo semplice di padre Alfonso, che si fratturò qualche costola, quella sera, per impedirci di scappare dal convento di San Pasquale e ci salvò la vita; la prima affannosa ricognizione di amministratori ed impiegati comunali, a Capo la torre, a cercare con le torce tra le macerie, a gridare per farsi sentire da chi poteva aver bisogno di aiuto, mentre una polvere densa ti prendeva la gola, e ad organizzare i primi soccorsi, pochi minuti dopo il sisma; la farmacia ed il piccolo ospedale da campo nel piazzale della clinica S. Rita; la cura appassionata (e non sempre compresa) per la tutela del patrimonio storico ed artistico ed il recupero dell’archivio comunale; le mense comuni e la solidarietà silenziosa, quella di padre Pasquale Caporale, di mons. Raffaele Aquino, degli scout e dell’azione cattolica, della Caritas di Senigallia, in prima linea a dare senso alla promiscuità dei campi di roulotte e di baracche. E poi la gestione dell’emergenza, tra scelte anche frettolose ed incertezze normative, in cui molti si affannavano, come potevano, ad ascoltare i bisogni e a dare risposte.
Ha cambiato volto Atripalda (ed ha cambiato pelle), dopo quel 23 novembre, come altre volte nella sua storia plurisecolare: mai forse in modo così rapido e profondo, accelerando processi di mutazione già in atto sin dai primi anni ’60. E’ cresciuta Atripalda, in questi anni, acquistando sembianze ed incertezze di un’area urbana moderna, ma meno raccolta, più distratta e per questo ancor più bisognosa di riappropriarsi di un’identità e di una storia.
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,33 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *