- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Morta schiacciata dal bus all’Università di Salerno, dolore anche ad Atripalda

studentessa-investita-alluniversitaDolore e sconcerto anche ad Atripalda per la morte della 23enne investita ieri da un autobus nel terminal dell’Università di Salerno a Fisciano.
La ragazza è stata investita mentre camminava a piedi. I Carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, anche grazie all’esame dei video delle telecamere nei pressi del luogo dell’incidente, hanno ricostruito la dinamica dell’accaduto superando la prima ipotesi, quella che la giovane fosse rimasta impigliata nelle portiere del veicolo durante la discesa. Il fidanzato di Francesca ha riferito di aver accompagnato la ragazza in auto fino alla rotatoria prima dell’ingresso dell’Università. Successivamente Francesca si è incamminata a piedi verso l’ateneo. L’autobus di linea della Sita, si vede nelle immagini, è incolonnato dietro un altro mezzo pubblico: lo ragazza lo supera e va avanti rispetto all’autobus. Frattanto la colonna di traffico si sblocca e l’autista sterza (a velocità moderata) verso destra. La giovane viene colpita dal lato destro della fiancata e viene investita dalle ruote anteriori di destra. L’autista della società di trasporti SITA, che sarebbe andato in pensione tra pochi mesi – è indagato per omicidio colposo. Si attendono i risultati del tasso alcolemico e gli esami di rito nei prossimi giorni. La Procura frattanto ha aperto un fascicolo a suo carico.
Dolore e sconcerto per la tragica morte anche nella cittadina del Sabato, dove risiedono alcuni parenti della ragazza, nipote della famiglia Argenio-Silvestri.
I funerali si terranno questo pomeriggio alle ore 15.00, presso la parrocchia dell’Annunziata a Giffoni Valle Piana. In segno di lutto saranno sospese per l’intera giornata tutte le lezioni programmate in Ateneo. La Santa Messa in suffragio di Francesca Bilotti, intanto, si terrà in Aula Magna martedì 2 dicembre alle ore 15. La celebrazione sarà presieduta dall’Arcivescovo Monsignor Luigi Moretti e animata dal Coro diocesano di Salerno presso la cappella dell’Unisa.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: