alpadesa
  
Flash news:   Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi”

Riorganizzazione settori ed uffici comunali, stamattina incontro con le rappresentanze sindacali. Lunedì i decreti attuativi

Pubblicato in data: 27/11/2014 alle ore:09:19 • Categoria: Attualità, Comune

municipio-ingresso

Entra nel vivo e prende corpo l’annunciata riorganizzazione dei settori ed uffici a Palazzo di città. Lo snellimento della struttura comunale che da sei passa a cinque settori, con la soppressione del I settore (Affari generali ed Istituzionali) e la nascita di nuovi servizi sarà questa mattina al centro dell’incontro che il sindaco Spagnuolo avrà con le rappresentanze sindacali di Cgil, Cisl ed Uil.
Soppresso il I settore (Affari generali ed Istituzionali) ne resteranno in tutto cinque al Municipio: Economico-finanziario (dottor Paolo De Giuseppe), Lavori Pubblici (ingegnere Silvestro Aquino), Polizia municipale (tenente Domenico Giannetta), Urbanistico-Ambientale (geometra Raffaele Nevola) ed infine Entrate (dottor Enrico Reppucci). La proposta del sindaco e dell’assessore al Personale Fabiola Scioscia, che sarà oggi comunicata alle rappresentanze sindacali, prevede di istituire cinque nuovi servizi nell’ambito del primo settore: Istruzione-Biblioteca-Controllo di sistema affidato a Tino De Rogatis; Turismo-Sport-Politiche giovanili-Manifestazioni culturali e socio ricreative a Iolanda Giovino; Servizi affari generali e Contenzioso a Teresa Giuditta; Servizi Demografici affidato a Giuseppe Cocchi ed infine Servizio Politiche Sociali a Sofia Pagliuca.
La dottoressa Katia Bocchino, che finora aveva guidato proprio il I settore, conserva il ruolo di vicesegretario comunale e dovrebbe essere spostata al vertice del settore Polizia municipale mentre perde la funzione di caposettore l’architetto Giuseppe Cocchi, dimessosi tempo fa da responsabile del settore Urbanistica per frizioni con la maggioranza sul Decreto Sviluppo, a cui sarà affidato la direzione del Servizio demografico (Ufficio anagrafe).
«Non ci sarà nessun passo indietro, andremo avanti in modo deciso – spiega il sindaco Paolo Spagnuolo -. Dopo l’incontro con i sindacati ai quali illustrerò le linee guida della riorganizzazione, lunedì mattina firmerò i decreti per gli spostamenti che saranno così operativi». Questi invece gli spostamenti dei dipendenti: l’architetto Giuseppe Cocchi ed il geometra Eugenio Cecchini dall’Utc passano all’Ufficio Anagrafe con la revoca del concorso pubblico per la selezione del responsabile; Iolanda Giovino lascia la gestione della Biblioteca comunale e ritorna in pianta stabile al Comune, mentre la Biblioteca comunale sarà affidata al responsabile Tino De Rogatis unitamente alla dipendente Giuliana Galluccio, proveniente dall’Anagrafe. Entrambi si sposteranno dal Comune nella biblioteca di piazza Sparavigna. Infine a Sabino Imparato, che guida l’unità organizzativa del Patrimonio, ottiene anche Manutenzione-Erp con il trasferimento dal Comune all’Utc sotto la guida del settore Lavori Pubblici.
«Motivo di grande soddisfazione è che questa riorganizzazione è frutto di una compattezza granitica della maggioranza – conclude Spagnuolo -. Puntiamo anche a valorizzare la Biblioteca dove c’è da fare un lavoro di catalogazione e la consultazione dei testi online che è fondamentale ed ecco perché vanno due persone brillanti come De Rogatis e Galluccio. Tutto viene fatto per ottimizzare il lavoro e per seguire meglio alcuni aspetti del I settore come la Biblioteca ma soprattutto c’è quest’obbligo di rotazione che è previsto dalle legge 190 sull’anticorruzione e che serve a dare maggiori stimoli a chi è coinvolto nella rotazione. Ed inoltre andiamo a premiare alcuni che con il tempo si sono particolarmente distinti per volontà ed attitudine. Fermo restando che tutti i dipendenti fanno il loro lavoro. Valorizziamo così alcuni ambiti dando maggiori stimoli ad alcuni dipendenti».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *