alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

Avellino in crisi, al Partenio passa anche il Crotone. FOTO

Pubblicato in data: 7/12/2014 alle ore:09:35 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

avellino-crotone1L’Avellino non vince più in casa e viene piegata al Partenio anche dal fanalino di coda Crotone. I lupi in quattro gare, di cui ben tre giocate tra le mura amiche, raccolgono solo due punti, scivolando all’ottavo posto in classifica, a quota 25.
Rastelli schiera un classico 3-5-2. Davanti a Gomis, Pisacane, Ely, Chiosa. In mediana Petricciuolo e Zito sulle corsie esterne il trio Filkor, Arini, Kone. Tandem in attacco Castaldo-Comi.
Ma il Crotone gioca a viso aperto conquistando meritatamente i tre punti. Alla rete dell’ex Ciano al 7′ del pt, che su calcio di punizione da venti metri fulmina Gomis, i lupi rispondono con Comi (25′ pt) che di testa riporta in parità i biancoverdi.
Doccia fredda per gli irpini al 79′ del st quando Salzano riporta in vantaggio il Crotone, concludendo con una rasoiata di controbalzo da fuori area una respinta corta di Ely. Allo scadere, l’Avellino potrebbe agguantare il pareggio su calcio di rigore assegnato per atterramento in area di Soumarè. Castaldo, però, dagli undici metri si fa però ipnotizzare dal portiere siciliano che respinge.
A fine gara Massimo Rastelli appare amareggiato: “Siamo noi responsabili, in primis io che compio le scelte. I ragazzi hanno dato il massimo. E’ un momento difficile in cui tutto gira storto. Il dato di fatto è che sono 4 partite che non riusciamo a vincere. Facciamo fatica a far gol. Diamo la sensazione di non essere alla pari con gli avversari. Siamo poco incisivi e poco continui nell’andare a concretizzare le situazioni che andiamo a costruire. E’ il momento più difficile da quando faccio l’allenatore dell’Avellino. Bisogna accettare il verdetto del campo e guardare avanti. Non è stato facile preparare la partita tra tanti infortuni”.
avellino-crotone2
TABELLINO AVELLINO-CROTONE: 1-2

Avellino (3-5-2): Gomis; Pisacane, Ely, Chiosa; Petricciuolo, Filkor (1′ st Soumarè), Arini (26′ st Angeli), Kone, Zito (34′ st Arrighini); Castaldo, Comi. A disp.: Frattali, Fabbro, Pozzebon, D’Angelo, Arrighini, Vergara, Schiavon. All.: Rastelli

Crotone (4-3-3): Secco; Balasa, Claiton, Gigli, Ferrari; Dezi, Minotti (28′ st Beleck), Salzano; Ciano (38′ st Ricci), Torregrossa, Oduamadi (18′ st Suciu). A disp.: Concetti, Sprocati, Padovan, Berardocco, Martella, Zampano. All.: Drago

MARCATORI: 7′ pt Ciano (C), 25′ pt Comi (A), 33′ st Salzano (C)

Arbitro: Diego Roca della sezione di Foggia
NOTE: 45′ st Castaldo fallisce un calcio di rigore Ammoniti: Petricciuolo, Ely (A) Torregrossa, Minotti (C). Angoli.: 7-1 Avellino. Rec.: 0’pt, 5′ st
avellino-crotone3

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *