alpadesa
  
Flash news:   Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto

La rabbia della Curva Sud dopo il divieto della trasferta di Bergamo, ieri 15 minuti di “sciopero”. FOTO

Pubblicato in data: 7/12/2014 alle ore:09:23 • Categoria: Avellino Calcio

sciopero-curva-sud1Protesta della Curva Sud Avellino. I tifosi biancoverdi ieri pomeriggio in occasione della gra interna di campionato contro il Crotone sono entrati nello stadio, per assistere e sostenere la squadra, con quindici minuti di ritardo.
Questo il comunicato diramato alcuni giorni prima: “Avevamo dubbi sulla tessera e sulle parole di chi spacciava la stessa come l’unico mezzo per poter seguire la nostra squadra in trasferta. Le istituzioni, facendo leva sulla passione genuina della gente, hanno costretto ormai gran parte degli ultras e dei tifosi a tesserarsi. Noi lo dicevamo sempre, oggi tocca a noi Ultras… domani toccherà ai tifosi normali. La profezia si è avverata e non serviva la zingara per capire che le istituzioni ci stavano solo prendendo in giro e che tutto ciò è servito ad ingabbiarci ulteriormente. Ed oggi ecco qui a leccarci le ferite per questo divieto assurdo che ci ha impedito di andare a Bergamo. A seguito degli episodi accaduti nel dopo partita di Atalanta – Roma, Alfano ha vietato le trasferte ai tifosi dell’Atalanta per i prossimi tre mesi. Tali episodi sono stati valutati dal Comitato di Analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive, che hanno fornito al Prefetto di Bergamo tutti gli elementi necessari per vietare, in occasione delle partite casalinghe dell’Atalanta, la vendita dei biglietti, per tutti i settori dello stadio, a chi non possiede la Tessera del tifoso, nonché di disporre la sospensione, per il solo settore Curva Nord, di carnet di biglietti e di abbonamenti precedentemente rilasciati ai non possessori della Tessera.
sciopero-curva-sud3Inoltre, con l’ordinanza del 29 novembre 2014, la Prefettura di Bergamo ha reso noto il divieto trasferta per tutta la tifoseria biancoverde per il match di Coppa Italia del 3 dicembre Atalanta – Avellino. La Curva Nord Bergamo non merita certamente un tale accanimento e l’accusa infamante, rivolta ad alcuni dei suoi maggiori esponenti, di associazione a delinquere, in quanto negli anni si è sempre distinta per l’impegno nel sociale e per le opere di beneficenza a sostegno dei più bisognosi. Assurdo è anche il provvedimento di vietare la trasferta a noi Avellinesi: questi signori si alzano la mattina ed emettono divieti a destra e manca, infischiandosene della libertà altrui e della passione che il popolo nutre nei confronti del gioco del calcio. Stanchi di dover sopportare tali abusi di potere da parte delle istituzioni e leggi sempre più liberticide, il Direttivo della Curva Sud Avellino ha indetto una protesta nella gara di sabato 6 dicembre con il Crotone, che consisterà nel lasciare vuota la Curva Sud nei primi quindici minuti della partita.
sciopero-curva-sud2Ci ritroveremo tutti nel piazzale antistante lo stadio “Partenio-Lombardi” alle ore 13:30 per mostrare tutto il nostro sdegno e la nostra rabbia per questi provvedimenti restrittivi che hanno colpito sia la nostra tifoseria, sia la tifoseria atalantina. Siamo grati fin da ora a chi, comprendendo i motivi della nostra decisione, lascerà vuoti gli spalti della Sud e parteciperà insieme a Noi a questa manifestazione di dissenso nei confronti della decisione presa dal “signor” Alfano e della Prefettura di Bergamo. Saremo sempre al fianco della tifoseria Atalantina che negli anni si è dimostrata baluardo della mentalità Ultras e che, pagando a caro prezzo e sulla propria pelle, ha perennemente combattuto in prima linea la crescente repressione che il nostro Movimento ha dovuto subire negli ultimi anni. Quindici minuti di assenza per la vostra totale incompetenza
“.
sciopero-curva-sdu5

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Duro comunicato della Curva Sud: “Avete offeso il popolo irpino”

Ancora tensioni nel dopo gara di Cittadella. La squadra di Rastelli si è rifiutata di salutare la Curva Sud ed Read more

Avellino Calcio, si dimette il direttore generale Massimiliano Taccone dopo il duro comunicato della Curva Sud

L'A.S. Avellino, a seguito della nota odierna della Curva Sud, comunica le dimissioni di Massimiliano Taccone dalla carica di direttore Read more

Coreografia da brividi in Curva Sud per il ritorno del logo. FOTO

Spettacolo ieri al Partenio-Lombardi" dei tifosi biancoverdi prima del calcio d'inizio di Avellino-Perugia. All'ingresso delle due squadre in campo la Read more

Comunicato Curva Sud per Avellino-Bari: “Paparesta figlio di un calcio malato”

E’ arrivata la reazione e la dura risposta della Curva Sud dell’Avellino, dopo gli eventi del post-partita di Avellino-Bari, partita Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *