alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia

Giovedì si presenta il romanzo “La luce di un nuovo inizio” di Giuseppe Gimigliano

Pubblicato in data: 8/12/2014 alle ore:17:43 • Categoria: Cultura

libro Giuseppe GimiglianoE fissata per giovedì 11 dicembre la presentazione del romanzo di Giuseppe Gimigliano “La luce di un nuovo inizio” – edizioni Il Papavero.
Un libro che, come suggerisce  la copertina realizzata dall’artista Bianca Maria Sarno, dal sapore della favola, che riprende il cammino dei Magi verso Gerusalemme, ma al tempo stesso attuale e ben radicato nella storia e nelle problematiche presenti, soprattutto in quelle dei giovani ai quali il prof. Gimigliano si è dedicato per tutta la sua carriera scolastica e anche dopo.

Con un’idea letteraria geniale, abilmente, l’autore intreccia la storia degli antichi Magi con quella di un gruppo di ragazzi dei giorni nostri. A unirli un viaggio che li renderà testimoni di Cristo, a guidarli la stella cometa, l’unica che nei secoli resta immutabile, come immutabile è la fede. Quale mamma o nonna non ha raccontato almeno una volta la magica storia dei Magi, tra fede, poesia e magia, una storia che ci riporta indietro nel tempo, che ci fa ritornare bambini e recuperare quell’incanto, quella fede e quella speranza che spesso nel tempo si affievolisce se non si perde del tutto. Ma è proprio nella fede che bisogna ricercare una speranza concreta, come avviene per i giovani protagonisti, ragazzi della nostra epoca che ci riportano alla realtà recuperando l’unica verità plausibile, una verità senza tempo. Due storie diverse e lontane, dunque, due epoche, due mondi, una stessa meta, un’unica Verità. Il viaggio diviene, così, percorso di crescita, di confronto, esperienza viva e anche il lettore che avrà la fortuna di leggere questo romanzo, pagina dopo pagina, inizierà a mettersi in cammino, in un viaggio attraverso se stesso che lo condurrà alla luce. La stella guiderà ogni ragazzo in un percorso fuori e dentro di sé, alla scoperta della propria identità, della propria strada, dei progetti di vita e del senso della vita stessa. Così, nel frastuono di una quotidianità che non sa più ascoltare né vedere i protagonisti imparano a centrarsi sul Cristo che è dentro di loro e la Stella diviene simbolo ed emblema di uno sguardo che ha ritrovato la luce e ha deciso di non perderla più, ma di seguirla fino in fondo, fino alla fine. E a condurci e guidarci tra le pagine del libro il sacerdote Ranieri Picone che ha curato la prefazione del romanzo e il prof. Pasquale Areniello. Al tavolo saranno presenti l’autore e l’editore Donatella De Bartolomeis. Modererà la giornalista Romina Capone.

INTERVERRANNO:
– Don Ranieri Picone, Parroco della Chiesa del Carmine di Atripalda
– Prof. Pasquale Areniello
– Romina Capone, Giornalista
– Bianca Maria Sarno, Pittrice
– Donatella De Bartolomeis, Editore
– L’Autore

Atripalda, Biblioteca “L. Cassese”
piazza Sparavigna
ore 18:30

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *