alpadesa
  
Flash news:   Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace Aggiudicato l’appalto dei lavori per l’ampliamento del ponte delle Filande lungo il torrente Fenestrelle ad Atripalda: progetto anti alluvioni Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» L’Avellino cade a Teramo al 90’: finisce 1-0

Stasera tornano i Giaguari, il ricordo nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 19/12/2014 alle ore:14:10 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

giaguariStasera tornano i Giaguari.  Mezzo secolo dopo l’esordio Carmine Cioppa e Adelson Nutini tornano ad esibirsi questa sera ad Avellino, nel salone della Banca della Campania. Ecco i versi di Gabriele De Masi.
La band era composta oltre che Carmine Cioppa e Manlio Piccolo (tastiere e cori), Enrico Silvestri (basso e voce) e Tonino Silvestri (chitarra e coro) e Adelson Nutini (batteria e voce solista, il nostro inossidabile Peppino di Capri).

Giaguari

Ci si riempiva gli occhi di sguardi,

la mente e il cuore di speranze,

conforto nell’attesa della musica

nuova che arrivasse, finalmente,

ad aprire al fresco i balconi delle case;

chi qualcosa sapeva fare si riuniva

in gruppi dai nomi esotici, gli Apostoli,

Settesoldi, i Campanino, i Nomadi,

presi così per caso, per l’ impronta

di parola o perché evocavano mondi

sognati, giungle salgariane, terre

lontane d’avventura e fortuna,

e tanta fantasia e voglia di  farcela.

Non c’era la nota scritta sulla carta,

vinceva l’orecchio, musicalità innata,

assonanza, e non quella privata

delle radio ancora da venire,

ma quaratacinque cerchi di vinile

riascoltati e ripassati perché

memoria li fissasse nella mente.

Gente contenta… . Gli anni ’60!

Adelson tamburellava ritmi

afro-americani, latino- campani

con accenti di sirene della vicina

isola di Tiberio; Carmine gigioneggiava

quasi a perdere la testa inclinata

alla tastiera come se dovesse

finire mezzo metro più in là;

Tonino, impeccabile e serio,

come il primo violino all’orchestra;

Manlio, dolce e serafico, vocina

da coro, cuore d’armonia,

controcanto sublime, sinfonia;

Enrico, statuario in pedana,

come se la Magna Grecia

non si fosse mai fermata a Paestum

come a Neapolis, ma , giunta fino

al Sabato. Tutti amici, vicini,

in arte e nella vita, con passione .

E  noi andavamo  per serate

tra mac p, carnevali, lauree,

balere  e rotonde sul mare.

Le fanciulle tutte dalla sarta

a rifilare gonne a palloncino,

capelli cotonati con lustrini

e borsetta piccina a cerimonia.

Finivano anni di baldoria…

mentre sembra ancora d’ascoltare

“Domani sera,  Capodanno,

non perdete l’occasione, alla Pagoda

 di Atripalda, gran veglione:

suonano, a gran richiesta,

e sol per voi, i Giaguari.

Gabriele De Masi

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *