alpadesa
  
Flash news:   Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino

Ex Isochimica, ancora due decessi: erano tra le parti offese nell’inchiesta della Procura di Avellino

Pubblicato in data: 3/1/2015 alle ore:11:21 • Categoria: Cronaca

isochimicaSalgono a 17 le vittime dell’amianto dell’Isochimica. Ancora due decessi nel giro di quattro giorni: Antonio Solomita, 54 anni, e Antonio Graziano (cugino del proprietario), 59 anni, entrambi di Avellino. Solomita, residente nel quartiere San Tommaso, è deceduto lo scorso 30 dicembre. Lascia la moglie e quattro figli. Stamane invece la morte di Antonio Graziano, che viveva in Via Cavour ad Avellino: lascia la moglie e due figli.
I due scoibentatori, rispettivamente 58 e 64 anni, erano stati riconosciuti dagli inquirenti come parti offese nell’ambito del procedimento aperto dalla Procura di Avellino contro 29 indagati per disastro ambientale doloso e omicidio plurimo colposo. Nelle motivazioni dei degli inquirenti avellinesi, Antonio Solomita risultava affetto da «un ampio ispessimento a placca della pleura parietale», da un anno era in coma in seguito ad una grave insufficienza respiratoria. Antonio Graziano, che aveva lavorato per otto anni nella fabbrica del cugino Elio, era affetto da «asbestosi e mesotelioma pleurico» secondo i referti della Asl di Avellino.
Un elenco di vittime destinato purtroppo ad aumentare con il trascorrere del tempo essendo,le patologie asbesto correlate, malattie che hanno una latenza lunghissima possono manifestarsi anche a distanza di 40 anni dall’ultima esposizione. Sette i decessi a cui è risalito il pool di magistrati cointestatari del fascicolo insieme al Procuratore Rosario Cantelmo, 15 quelle ricostruite dagli ex operai. Numeri di una tragedia annunciata a cui oggi bisogna sommare le morti di Solomita e Graziano.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *