alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, avviso alla cittadinanza di Atripalda del sindaco Spagnuolo: “Comunicate i vostri spostamenti in questi ultimi 15 giorni da e verso le zone focolaio del virus in Italia e all’estero” Elezione presidente Consiglio d’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Atripalda, lettera aperta della componente genitori guidata da Lia Gialanella: “non ci è parsa una buona partenza” Coronavirus: il figlio rientra in Irpinia da Codogno, famiglia in quarantena a Montefusco Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia: “abbattimento dopo verifica tecnica e di un agronomo”. Foto Taglio pioppi in via San Lorenzo, scoppia la polemica sui social. L’attivista del M5S Antonello Di Guglielmo scrive su Facebook: “Ambiente punto di non ritorno” Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda: maxi debito in Consiglio con il piano di rateazione Avellino Calcio, Circelli: “pronto a rilevare le quote di Izzo e soci con nuovi imprenditori” Alvanite Quartiere Laboratorio, incaricata azienda di Ferrara di adeguare il progetto alla variata normativa energetica Foglio di via per due trentenni romeni sorpresi di sera a bordo di una grossa Bmw

Ex Isochimica, ancora due decessi: erano tra le parti offese nell’inchiesta della Procura di Avellino

Pubblicato in data: 3/1/2015 alle ore:11:21 • Categoria: CronacaStampa Articolo

isochimicaSalgono a 17 le vittime dell’amianto dell’Isochimica. Ancora due decessi nel giro di quattro giorni: Antonio Solomita, 54 anni, e Antonio Graziano (cugino del proprietario), 59 anni, entrambi di Avellino. Solomita, residente nel quartiere San Tommaso, è deceduto lo scorso 30 dicembre. Lascia la moglie e quattro figli. Stamane invece la morte di Antonio Graziano, che viveva in Via Cavour ad Avellino: lascia la moglie e due figli.
I due scoibentatori, rispettivamente 58 e 64 anni, erano stati riconosciuti dagli inquirenti come parti offese nell’ambito del procedimento aperto dalla Procura di Avellino contro 29 indagati per disastro ambientale doloso e omicidio plurimo colposo. Nelle motivazioni dei degli inquirenti avellinesi, Antonio Solomita risultava affetto da «un ampio ispessimento a placca della pleura parietale», da un anno era in coma in seguito ad una grave insufficienza respiratoria. Antonio Graziano, che aveva lavorato per otto anni nella fabbrica del cugino Elio, era affetto da «asbestosi e mesotelioma pleurico» secondo i referti della Asl di Avellino.
Un elenco di vittime destinato purtroppo ad aumentare con il trascorrere del tempo essendo,le patologie asbesto correlate, malattie che hanno una latenza lunghissima possono manifestarsi anche a distanza di 40 anni dall’ultima esposizione. Sette i decessi a cui è risalito il pool di magistrati cointestatari del fascicolo insieme al Procuratore Rosario Cantelmo, 15 quelle ricostruite dagli ex operai. Numeri di una tragedia annunciata a cui oggi bisogna sommare le morti di Solomita e Graziano.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *