alpadesa
  
sabato 23 gennaio 2021
Flash news:   Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani

Tentata estersione al nuovo locale notturno di Atripalda, il Riesame di Napoli convalida i tre fermi

Pubblicato in data: 8/1/2015 alle ore:09:20 • Categoria: Cronaca

Nuovo locale ad AtripaldaConvalida dei fermi dal Riesame di Napoli per la tentata estorsione al titolare di un nuovo locale notturno di Atripalda.
Dopo le decisioni assunte dal Giudice per le Indagini Preliminari, dottor Fiore, che
aveva confermato l’impianto accusatorio del Pm dottoressa Maria Luisa Buono nei confronti di tre giovani che con minaccia estorsiva si erano presentati il sabato prima di Natale nel bel mezzo di una serata danzante intimando al titolare dell’esercizio di consegnare loro una cospicua somma di denaro contante con la minaccia di devastare il locale, ieri è arrivata la decisione della X Sezione del Tribunale di Napoli. Confermato l’arresto in carcere per l’aggressore, il complice ha ottenuto gli arresti domiciliari, mentre il terzo componente della banda resta ai domiciliari. Tutti e tre sono difesi dall’avvocato Carmine Pascarosa del Foro di Avellino.
Ad arrestare i tre giovani sono stati nella notte di sabato 20 dicembre i Carabinieri della stazione di Atripalda in sinergia con il Nucleo Operativo e Radiomobile del capoluogo irpino.
Le indagini, condotte con il coordinamento della Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore capo Rosario Cantelmo, hanno consentito agli investigatori di ricostruire l’intera vicenda facendo scattare le manette ai polsi dei tre presunti estorsori.
I tre, già noti ai militari, si presentarono all’interno del locale dove, dopo aver intimidito il dj costringendolo ad abbandonare la console, intimarono al titolare dell’esercizio di consegnare loro una cospicua somma di denaro contante minacciandolo di devastare il locale. «Dacci i soldi o distruggiamo tutto» esclamarono.
A tradirli però è stata quella presunzione di impunità che li aveva portati ad agire incuranti del fatto che all’interno del locale vi erano ancora alcuni clienti che non esitarono ad allertare le forze dell’ordine, permettendo agli uomini dell’Arma di giungere con determinante tempestività sul posto.
I militari riuscirono così a bloccare ed identificare i tre giovani che, all’esito di perquisizione, furono trovati in possesso anche di un bastone telescopico in ferro, immediatamente sequestrato.
Le indagini non sono concluse. Un caso delicato su cui gli investigatori irpini vogliono vederci chiaro e capire se la tentata estorsione sia il frutto di un’azione isolata o se possa collegarsi ad altri episodi di cronaca acceduti nei mesi scorsi nell’hinterland avellinese.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *