alpadesa
  
Flash news:   Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino

Prostituzione, condannato per il fitto della villa a luci rosse di contrada Cerzete

Pubblicato in data: 14/1/2015 alle ore:13:32 • Categoria: Cronaca

tribunale-av-ingressoPagava l’affitto della villa a luci rosse per questo motivo è stato condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione. nei guai un artigiano 50enne dell’hinterland di Avellino, coinvolto nel blitz dei Carabinieri della stazione di Atripalda che scattò nell’aprile del 2010 in una villa di contrada Cerzete ad Atripalda.
Ad incastrarlo un assegno di 1200 euro che secondo l’accusa era servito a pagare l’affitto dell’abitazione, una villa di proprietà di un rivenditore di auto avellinese.
Tenutaria della casa chiusa, una signora di origini colombiane di 59 anni.
Il Pm Annecchiri ieri al termine della requisitoria aveva chiesto condanne pesanti: 3 anni per l’artigiano e la colombiana e  2 anni per le due prostitute straniere di 40 anni che furono sorprese nel blitz delle forze dell’ordine.
I giudici, con collegio presieduto da Paolo Cassano, hanno però deciso per una condanna solo per l’accusa di favoreggiamento.
L’avvocato dell’artigiano Fausto De Vicaris ha preannunciato ricorso in Appello sostenendo che l’assegno era stato emesso non per pagare l’affitto ma per l’accatastamento di una casa di proprietà.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *