domenica 16 giugno 2019
Flash news:   Abellinum Pride, marcia arcobaleno di festa e denuncia: sfilano in duemila. Il sindaco di Atripalda: «un passo in avanti per abbattere i muri della solitudine e dell’indifferenza». FOTOSERVIZIO Abellinum Pride, le madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia: «ci vuole coraggio in provincia, siamo qui per far progredire il nostro Paese dove manca una legge contro l’omofobia». FOTO Atripalda Volleyball, a lavoro per programmare la prossima stagione di serie B Scontro in Consiglio sul Rendiconto 2018 in rosso, sindaco nel mirino dell’opposizione. Mazzariello: “rimetta la delega sul Bilancio” e Landi: “ennessima diffida prefettizia che danneggia l’immagine dell’Ente mentre primo cittadino e assessore Urciuoli nei comuni di dipendenza lavorano per non prenderne”. FOTO Cambio di denominazione societaria: da Calcio Avellino SSD a.r.l a Unione Sportiva Avellino 1912 s.r.l. Alla festa di Sant’Antonio appare un topo in piazza Umberto. FOTO Tanti fedeli ieri alla processione di Sant’Antonio dopo l’omelia del parroco “barricadero” Don Fabio. Stasera sul palco bottari e il comico Giuffrida. FOTO Chiudono negozi per la crisi e protestano i residenti, piazza Cassese a rischio desertificazione Consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica, anche Atripalda premiata Così non va – Buche, dislivelli e asfalto colabrodo in via Scandone, via Di Ruggiero e via Capozzi. FOTO

Rifugiati in Irpinia, Pd: “Proseguiamo in percorso integrazione”

Pubblicato in data: 21/1/2015 alle ore:09:40 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

pd-avellinoLa segreteria provinciale del Partito Democratico, guidata da Carmine De Blasio, interviene in merito alla situazione dei rifugiati presenti in provincia di Avellino e lo fa attraverso il responsabile provinciale del Pd ai “nuovi diritti e alla legalità” Antonello Losco. “Accogliere ed integrare è compito complesso anche in piccole e solidali comunità come quelle irpine. Ad oggi la nostra provincia ospita circa 600 richiedenti asilo in diversi comuni e a questi ragazzi, che spesso scappano da teatri di guerra o da contesti quantomeno complicati, vanno garantite le migliori condizioni di vivibilità possibili; soprattutto, però, va fatto uno sforzo nella costruzione di una vera e reale integrazione fatta non solo di parole. In tal senso ci ha strappato un sorriso, diciamo così, l’ordinanza del sindaco di Flumeri che impone ai ragazzi extracomunitari di indossare giubbini catarifrangenti nelle ore notturne: non intendiamo speculare sulla questione perché siamo certi che la “geniale” idea sia stata partorita comunque in buona fede e senza alcuna volontà discriminatoria, come pure da più parti è stato evocato.
Sappiamo bene che rispetto ai centri d’accoglienza gli amministratori possono davvero poco come sappiamo che il compito della sistemazione e della gestione dei centri sia in capo alla prefettura e alle associazioni specializzate in tale campo ma restiamo convinti che le amministrazioni possono comunque lavorare e muovere passi importanti nel solco di quella integrazione che, a nostro avviso, resta un’opportunità per i nostri comuni,sempre più in via di spopolamento, oltre che un grande gesto di solidarietà verso chi chiede solo la possibilità di allentarsi da situazioni poco edificanti. Proprio in questi giorni stiamo visitando i diversi centri d’accoglienza sparsi per la provincia per verificare le condizioni in cui vivono i ragazzi ospitati e per capire meglio quali possano essere le loro necessità e le loro esigenze. In questo “viaggio” tra sguardi spaesati e preoccupati, in alcuni casi, e sorridenti, in altri, stiamo coinvolgendo gli amministratori del PD dei comuni in questione per cercare di renderli ancor più partecipi di una questione che li interessa da vicino e più di quanto dicano le procedure in tema di accoglienza. Proprio con i nostri sindaci, assessori e consiglieri abbiamo immaginato di mettere in cantiere una serie di iniziative mirate a quel passaggio successivo alla mera accoglienza che in troppi casi purtroppo viene a mancare. Questo per noi significa accoglienza ed integrazione, questo è l’impegno che tanti amministratori possono realizzare, questo è il percorso che abbiamo intrapreso e nel quale intendiamo proseguire”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Rifugiati in Irpinia, Pd: “Proseguiamo in percorso integrazione””

  1. Cinzia ha detto:

    A questi rifugiati, siccome vengono pagati per stare in Italia, integrateli facendoli lavorare per il momento anche presso Comuni, Province ecc.ecc. Probabilmente ci penseranno sopra e ritorneranno ai loro paesi di origine.

  2. consuelo lopes ha detto:

    se ospitalità significa :
    1) MENDICARE X STRADA
    2) NON RISPETTARE LE LEGGI ITALIANE
    3) ESSERE POSSIBILI MANOVALI DELLA DELINQUENZA ORGANIZZATA
    4) FAVORIRE LA PROSTITUZIONE
    5) PRENDE AD ACCETTATE GENTE CHE VA A LAVORARE
    6) ARMARE O PROTEGGERE JIADISTI
    7) METTERE LE DONNE ITALIANE IN PERICOLO DI VIOLENZE
    ACCOGLIAMOLI PURE!!!!

  3. Disoccupato ha detto:

    P.D. portateveli a casa vostra per integrarli.
    Sanno mbarata bona a canzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *