alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia

“Dai vita alla pace”, domenica l’Azione Cattolica in piazza Umberto I con i più piccoli

Pubblicato in data: 28/1/2015 alle ore:17:22 • Categoria: Attualità

azione-cattolica-italianaIl mese di gennaio, nel percorso formativo dell’Azione Cattolica Ragazzi, da sempre rappresenta il cuore dell’Iniziativa di Carità, una traduzione concreta – a misura dei bambini e ragazzi – attraverso la quale l’Associazione ha accolto l’invito rivolto dal beato Paolo VI a ricercare iniziative che possano promuovere la pace con i piccoli gesti quotidiani. Partendo dal messaggio di Pace di Papa Francesco per la giornata mondiale della pace del 2015: “Non più schiavi, ma fratelli”, i ragazzi si impegnano per costruire una civiltà che dia pari opportunità a tutti, al di là delle distanze geografiche o culturali. Lo slogan  si collega al diritto al cibo, in relazione anche alla grande manifestazione che l’Italia si appresta a vivere: l’Expo Milano, la fiera internazionale del cibo. Necessità che ancora nel 2015 si fa impellente. In modo particolare, il progetto di Pace di quest’anno vuole garantire il diritto di tanti fratelli che abitano in Burkina Faso, ad accedere all’acqua, fonte della vita e risorsa primaria per la sopravvivenza di ogni essere umano. Come ricercatori e scienziati che non abbandonano la via della ricerca quando incontrano le prime difficoltà, ma insistono nell’assemblare la loro invenzione, fino a quando ogni pezzo trova il posto per il suo utilizzo, anche i ragazzi comprendono che per accendere il motore della carità è fondamentale il loro impegno in prima linea. I ragazzi dell’AC della parrocchia di Sant’Ippolisto M, accogliendo anche i ragazzi delle parrocchie di Manocalzati, San Potito, Parolise, San Michele di Serino, Cesinali, come tanti coetanei in altre parti d’Italia, DOMENICA 1 FEBBRAIO, in concomitantza della giornata della vita, si ritroveranno in piazza, per testimoniare a tutti il loro impegno per la Pace. È una sfida ad un impegno unitario che parte dall’entusiasmo gioioso e generoso dei più piccoli per trovare il giusto assemblaggio con gli altri “pezzi” dell’associazione: giovanissimi, giovani e adulti. Tutti insieme, con preghiere, canti, giochi per un progetto che porti nuovi germogli di pace con gesti concreti di carità.!

Il gadget-simbolo scelto, infatti, per sostenere concretamente l’iniziativa, è una scatola di matite speciali: una volta utilizzate, possono essere piantate e dare vita a germogli di pace. Il ricavato sosterrà l’acquisto di una volanta, macchinario che serve per aspirare l’acqua fino a 60-70 metri sottoterra, in Burkina Faso, stato africano che ha poca acqua a causa delle condizioni atmosferiche.

L’appuntamento per tutti è alle ore 9.45 davanti al sagrato della Chiesa di Sant’Ippolisto, per poi gridare insieme la Pace, dopo la celebrazione, in piazza Umberto I (in caso di pioggia centro di comunità C/da Ischia).

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *