alpadesa
  
Flash news:   Inchiesta scuole, incontro informativo dell’Amministrazione venerdì sera in Sala Consiliare Testimonianza di una teste chiave durante un processo: «Ho paura per mio figlio piccolo che possa farsi male durante le continue risse condominiali ad Alvanite» Addio a Lello De Masi nel ricordo di Lello La Sala. Il cordoglio di Atripaldanews “Concerto in ricordo di Loredana” domenica nella chiesa di S.Maria delle Grazie ad Atripalda I Socialisti di Atripalda aprono la sezione in città e avviano il confronto con le forze politiche sul territorio Ordinanza per regolamentare l’accensione dei fuochi per smaltire i residui vegetali: ecco le prescrizioni da seguire. Multe in caso di inosservanza Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO

Riqualificazione ambientale del fiume Sabato, Gambacorta: «lavori in primavera 2016. Ci tengo a rispettare i tempi». Spagnuolo: «Ringrazio il presidente per aver mantenuto l’impegno». FOTO e VIDEO

Pubblicato in data: 28/1/2015 alle ore:00:32 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

Progetto_Fiume_sabato_28«Oggi per la Provincia è la prima occasione esterna per presentare il progetto di sistemazione idraulica e rinaturalizzazione del fiume Sabato. Avevamo a cuore che questo progetto andasse in porto. Ci saranno altre occasioni di uscite pubbliche dell’Ente e lo faremo con il presentare altri progetti per strade e scuole. Abbiamo l’obbligo di far sapere e comunicare ai cittadini quello che facciamo». A parlare è il presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, intervenuto ieri pomeriggio ad Atripalda, per presentare la riqualificazione ambientale del fiume Sabato (foto servizio e video a cura di Mario D’Argenio).
L’incontro, svoltosi, nella Sala consiliare, ha visto la presenza del sindaco Paolo Spagnuolo, dei due consiglieri provinciali atripaldesi, il vicesindaco Pd Luigi Tuccia e Vincenzo Moschella di Fi.
Progetto_Fiume_sabato_26Ad illustrare agli amministratori e ai cittadini il progetto definitivo, che sarà oggetto della Conferenza dei servizi conclusiva fissata per il prossimo 6 febbraio alle ore 10 presso Caserma Litto di Avellino, l’ingegnere dell’Utc provinciale Massimo Roca, responsabile del progetto con il dirigente Elia Puglia.
«Mi permettere di congratularmi con l’ufficio tecnico di Palazzo Caracciolo – ha proseguito Gambacorta –che ha competenze anche per elaborazioni complesse. Con la conferenza dei servizi sarà approvato il progetto dagli enti competenti, così pois sia andrà in appalto. L’obiettivo è che i lavori possano iniziare nella primavera del 2016. Ci tengo a rispettare i tempi».
Progetto_Fiume_sabato_71Un’opera da 5 milioni e mezzo di euro di cui sono già disponibili tre milioni e 900mila per la messa in sicurezza il territorio sotto il profilo idraulico e di riqualificazione del contesto ambientale sotto il profilo naturalistico ed urbanistico.
«Ringrazio il presidente Gambacorta – ha esordito il sindaco Spagnuoloche già all’indomani dell’elezione all’ente Provincia si mostrò interessato a seguire alcune problematiche cittadine. Ha mantenuto l’impegno. Oggi stiamo qui per scrivere una pagina bella che nasce da una sinergia tra enti. Al fiume sono legati i nostri ricordi, un corso d’acqua che attraversa il cuore della città e che perciò comporta delle problematiche ambientali. Questo progetto è di vitale importanza. Un progetto che viene da molto lontano. Enzo Aquino ha avuto come consigliere a cuore questo progetto iniziato dagli anni 2000. Oggi concretizziamo il progetto che ci sarà illustrato. Ringrazio l’amico Geppino Spagnuolo perché nel 2013 da assessore ci ha lavorato per conto della nostra amministrazione con utili indicazioni. E ringrazio anche l’architetto Cocchi che ha partecipato alle conferenze di sevizi».
Progetto_Fiume_sabato_80Il progetto ha la finalità primaria di mettere in sicurezza il territorio sotto il profilo idraulico e di riqualificazione del contesto ambientale sotto il profilo naturalistico ed urbanistico. Si interverrà su tutto il profilo longitudinale del fondo, procedendo ad abbassare il letto del fiume di circa un metro attraverso la realizzazione di tre livellette (pendenze costanti) nel tratto centrale compreso tra il ponte di imbocco di via Gramsci e la confluenza con il torrente Salzola. Ci sarà poi un’allargamento della sezione idrica con la riduzione dello scatolare presente sul lato sinistro del canale fino al ponte di via Fiume, e del tratto lungo l’area che costeggia la villa comunale dove saranno realizzate opere di ingegneria naturalistica, con terrazzamenti a verde ed accessi pedonali per fruizione pubblica in periodi di portata minima del fiume Sabato.
Progetto_Fiume_sabato_GambacortaLa villa così degraderà fino all’alveo. Tutte le opere in cemento armato saranno rivestite con pietra naturale. Tra via Gramsci e via Fiume sarà realizzata una passeggiata sul fiume con una soletta a sbalzo. Dalla villa comunale fino alla confluenza con il Salzola l’alveo in calcestruzzo sarà sostituito da scogli naturali che produrrà la rinaturalizzazione, seppur parziale dell’alveo. Da  quel punto di confluenza fino alla località Valleverde (all’altezza dello stadio comunale) per eliminare le esondazioni il fiume sarà ripulito dalla vegetazione.
Progetto_Fiume_sabato_57Ad illustrare nei dettagli l’intervento l’ingegnere Roca:«Un progetto che nasce già da qualche anno. Un corso che presenta numerosi punti di criticità come via Gramsci dove nei pressi dello scivolo, nel 2010, siamo stati l limite dell’esondazione. Da qui sono stati individuati alcuni punti critici che cerchiamo di scongiurare con questo intervento. Così come la curva all’altezza della villa comunale, Con l’intervento non pensiamo di risolvere tutti i rischi. Abbiamo tenuto conto di tuta una serie di fattori e spese. Negli anni 50 ci furono una serie di esondazioni e allora si decise di cementificare l’alveo per accelerare il deflusso dell’acqua nel centro abitato, per scongiurare così le possibili esondazioni. Rinaturalizzare tutto il fiume Sabato nel centro di Atripalda sarebbe aumentare il rischio di esondazione. La soluzione definitiva la si ha operando a monte del fiume, nei paesi del serinese, dove ci dovrebbero essere fasce di espansione del fiume. La conferenza dei servizi del 6 febbraio per l’approvazione del definitivo e per ottenere i pareri favorevoli  di tutti gli enti previsti.
Progetto_Fiume_sabato_69
L’intervento interessa una lunghezza complessiva di 800 metri nel centro città. All’altezza della villa prevista la rinaturalizzazione del fiume, con la rimozione del cemento e l’installazione di massi naturali. Nella curva ci sarà un allargamento con l’abbattimento del muro di sponda e la realizzazione di terrazzamenti per rendere fruibile il fiume fino all’alveo con delle scalinate e terrazzamenti. Con il rifacimento della sezione rimodelliamo la pendenza del fume anche in sezione longitudinale eliminando lo scivolo di via Gramsci, che è punto di criticità. Sarà realizzata una savanella centrale, un abbassamento al centro della sezione di un metro per realizzare l’alveo».
Progetto_Fiume_sabato_21Soddisfazione è stata espressa infine, nei loro interventi, i consiglieri Tuccia e Moschella. “oggi ci riteniamo soddisfatti – ha esordito il consigliere provinciale e comunale Moschella -. Un progetto di riqualificazione sia idraulico che urbanistico per un costo di oltre 3 milioni di euro“.
Per il vicesindaco Tuccia invece: “qualche suggerimento dai cittadini sarà portato all’attenzione della Conferenza dei servizi del prossimo 6 febbraio: fare interventi a monte per la salvaguardia del nostro territorio. Inoltre riuscire a garantire i flussi minimi vitali. Tenere conto anche della realizzazione del ponte di legno che un privato (Rubicondo ndr.) realizzerà in via Gramsci. Un ponte pedonale in legno che colleghi il cento storico con via Roma. Per il resto non posso che ringraziare il presidente Gambacorta per aver fatto la sua prima uscita pubblica qui ad Atripalda”.
A conclusione della presentazione il sindaco Spagnuolo ha omaggiato il presidente della Provincia Gambacorta di un piatto realizzato dall’artista Tranchese.
Fiume Sabato, conferenza4

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Riqualificazione ambientale del fiume Sabato, Gambacorta: «lavori in primavera 2016. Ci tengo a rispettare i tempi». Spagnuolo: «Ringrazio il presidente per aver mantenuto l’impegno». FOTO e VIDEO”

  1. Residente ha detto:

    Quanta gente interessata al convegno.
    Nessuna, tranne qualche assessore o consigliere.Brutto segno.

  2. Torrente ha detto:

    Tutto ok. per il fiume Sabato, ma non vi dimenticate del pericolo costante di esondazione del torrente Fenestrelle in via. Pianodardine dove c’e’ il ponte delle filande, anche qui c’e’ il bisogno di mettere in sicurezza il corso d’ acqua con molta urgenza.

  3. italianiO ha detto:

    perché quell’altro fiume nessuno lo pensa: non è un fiume come gli altri: pure lo tiene il -corso di acqua-

  4. italianiO ha detto:

    mi pare pure come si può vedere che l’altro fiume non è torrente:si riempie pure abbastanza allorquando viene a piove

  5. Roberto ha detto:

    Grazie Presidente.
    Dateci una mano con il fiume Sabato.

  6. Antonio Foschi ha detto:

    Ottima iniziativa! Il Sabato è una risorsa da valorizzare e, in irpinia, il fiume che passa attraverso la città ce l’abbiamo solo noi. Stiamo attenti a far bastare i soldi e a non lasciare l’opera a metà come per il sottopassaggio di piazza Libertà ad Avellino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *