alpadesa
  
sabato 24 ottobre 2020
Flash news:   L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia

Clinica Santa Rita, proclamato lo stato di agitazione. La Cgil scrive al Prefetto

Pubblicato in data: 5/2/2015 alle ore:12:57 • Categoria: Attualità

clinica_santa ritaAlla clinica Santa Rita di Atripalda proclamato lo stato di agitazione con la richiesta di tentativo di conciliazione e raffreddamento del conflitto ex legge 146/1990.
La Cgil Funzione Pubblica ha scritto al prefetto di Avellino, Carlo Sessa, per sottolineare che la fase di consultazione si è ormai conclusa con esito negativo e per responsabilità dell’azienda e non del sindacato, che “nel respingere fermamente quanto rappresentato dall’Azienda, sono in grado, documenti e verbali alla mano, di dimostrare che la trattativa si è arenata sulla mancata trasmissione da parte dell’Azienda di tutta una serie di documentazione richiesta, utile a poter comprendere la possibile ricollocazione di alcune unità, come pure un minimo di Piano Industriale per comprendere le prospettive dell’Azienda. Non solo, non avendo ricevuto tale necessaria e prevista documentazione, il sindacato si è fatto carico di richiederla all’Asl ricevendo il diniego da parte della Casa di Cura all’accesso agli atti in quanto, sostiene l’Azienda, la documentazione sarebbe stata esibita nel corso della trattativa. Tale atteggiamento a parere delle Organizzazioni sindacali non è più sostenibile né tollerabile e sta generando gravi ripercussioni a tutti i livelli determinando ovvi risentimenti e fibrillazioni le cui ricadute potrebbero non essere altrimenti gestibili e/o controllabili. Lo stesso dicasi per l’ennesimo ritardo nel pagamento della 13^ mensilità che, come ogni anno, la Casa di Cura non intende pagare con puntualità pur avendo, proprio nei giorni scorsi, ricevuto importanti somme dall’Azienda Sanitaria Locale in riferimento al regime di accreditamento di cui gode. Anche su tale argomento, nonostante le ripetute richieste da parte delle Organizzazioni sindacali, l’Azienda non fornisce alcuna risposta”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Clinica Santa Rita, proclamato lo stato di agitazione. La Cgil scrive al Prefetto”

  1. MATTIA ha detto:

    Forza Lupi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *