alpadesa
  
Flash news:   Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia

“Giornata del ricordo”, domani si commemorano le vittime del massacro delle Foibe. Nota dell’assessore Prezioso: “uno dei tanti eccidi per troppi anni sotto silenzio”

Pubblicato in data: 9/2/2015 alle ore:17:59 • Categoria: Comune

salme_foibeCon una legge del 30 marzo 2004 è stata stabilita dal Parlamento Italiano la data del 10 Febbraio quale “Giornata del Ricordo” per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e l’esodo Giuliano – Dalmata. Dal 1943 al 1947 infatti, a Gorizia e in Istria, migliaia di cittadini italiani, per mano dei partigiani comunisti e delle truppe Jugoslave comandate da Josip Broz, noto come il Maresciallo Tito, furono barbaramente uccisi e gettati nei grandi inghiottitoi carsici detti appunto “foibe”. Furono uccise persone innocenti: l’unica loro colpa era l’essere italiani.

 Nel 1943, dopo la caduta del regime fascista e l’armistizio con gli anglo – americani, il regio esercito italiano perse il controllo dei territori di Istria e Dalmazia e ebbe inizio una sorta di vendetta da parte dei comunisti jugoslavi verso gli ex invasori. Le vittime non furono solo i rappresentanti del regime fascista e dello Stato italiano, ma anche qualsiasi manifesto o presunto oppositore politico, nonché moltissimi semplici civili italiani, potenziali nemici del futuro Stato comunista jugoslavo che si voleva creare. Anche numerosi partigiani Italiani, soprattutto non comunisti, furono eliminati nello stesso modo. I soldati Titini rastrellavano le vittime nella notte e, dopo averle picchiate, torturate e depredate, le conducevano in fila indiana verso le foibe sulle alture circostanti, dopo aver loro legato i polsi dietro la schiena con del filo di ferro in una catena umana. All’imbocco della foiba, sparavano ai primi della fila che precipitavano in basso nel precipizio, trascinando con sé tutti gli altri. Essendo le foibe profonde minimo venti metri era praticamente impossibile salvarsi; per di più i partigiani di Tito erano soliti gettare nella cavità carsica una bomba a mano per finire eventuali superstiti. Dopo il trattato di pace del Febbraio 1947 tra Italia e Jugoslavia, col quale Istria e Dalmazia venivano cedute ufficialmente alla Jugoslavia, quasi mezzo milione di italiani fuggì da quelle terre, abbandonando tutti i propri averi, per il terrore di essere infoibati o internati nei gulag di Tito. I pochissimi che riuscirono a salvarsi raccontarono quello che era accaduto.

Quello delle foibe è uno dei tanti eccidi posti per troppi anni sotto silenzio, una delle tante tragedie dimenticate, una delle tante verità che si è cercato di insabbiare. Oggi, terminato il tempo delle opposizioni ideologiche, l’Italia deve ristabilire questa verità storica. Non servono sciocchi dibattiti riguardo quale dittatura del secolo scorso sia stata la più spietata: al di là della diversa quantità o modalità delle persecuzioni, non si può infatti mai dimenticare che tutte le vittime dei regimi dittatoriali sono uguali, meritevoli di ricordo e di rispetto assoluto. La storia, “luce della verità” secondo la definizione di Cicerone, ha il compito di fare chiarezza, di ricordare alle nuove generazioni una delle pagine più tristi della storia italiana, affinché simili ingiustificabili efferatezze non abbiano a ripetersi. La verità non può essere infoibata. Perché la verità non ha colori politici e va sempre annunciata, anche quando è scomoda. Senza fare i conti con essa non si ha futuro. E nella nostra Italia, spesso orfana di memoria storica, l’atroce verità dei martiri delle foibe, esattamente come quella delle leggi razziali e della Shoà, non deve essere dimenticata.

Antonio Prezioso
Assessore Comunale Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a ““Giornata del ricordo”, domani si commemorano le vittime del massacro delle Foibe. Nota dell’assessore Prezioso: “uno dei tanti eccidi per troppi anni sotto silenzio””

  1. Destra Nazionale ha detto:

    ONORE AI MARTIRI DELLE FOIBE. TRUCIDATI VIGLIACCAMENTE DAI COMUNISTI DI TITO,SOLO PERCHE’ LA LORO “COLPA” ERA ESSERE ITALIANI. ITALIANI SI NASCE E NON SI DIVENTA.
    UN GRANDE DELLA STORIA SCRISSE E DISSE:”LA MATTINA QUANDO MI ALZO RINGRAZIO DEVOTAMANTE IDDIO DI AVERMI FATTO NASCERE ITALIANO. IO,NOI DI D.N. NE SIAMO ORGOGLIOSI E FIERI.

  2. movimento sociale destra nazionale ha detto:

    FOIBE, NOI NON DIMENTICHIAMO.
    ESSERE ITALIANI E’ UN VANTO ED UN ORGOGLIO.
    FIERI DEI NOSTRI IDEALI.
    ONORE AI MARTIRI DELLA DALMATIA.

  3. italiano ha detto:

    cari amici, non è il momento di fare -propaganda- io sono italiano e ne sono fiero: l’italia è e deve rimanere degli italiani o almeno in quelli che si riconoscono come tali (la seconda guerra è stata una grande sventura per noi tutti: si è sbagliato e bisogna riconoscerlo(ma komunisti mai: sono quelli che per il -salario- si venderebbero madre e poi sappiamo che fine ha fatto(persino cuba si è convertita al capitalismo(dove la libertà non significa -sfruttamento- ma poter fare quello che più si vuole salvo a rispettare le regole del mercato))): ma ora è giunto il momento del ricordo di quei nobili fratelli trucidati da un comunista vile(si pensava che facendo così avrebbe dimostrato di essere lui il migliore -cosa che poi non è stata- perché ha dovuto scendere a compromessi salvo vedere la sua terra disfatta con la sua -dipartita-: a che è servito distruggere intere famiglie solo perché non si riconoscevano in -tito-? tanto più che ora la croazia a quanto pare entrerà a far parte dell’unione(europea:-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *