alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni”

Tanti in piazza Umberto per l’accensione del Falò di San Sabino tra nube di fumo. Fotoservizio

Pubblicato in data: 15/2/2015 alle ore:20:14 • Categoria: Attualità

Falò San Sabino febbraio 2015 n3Con una nube di fumo intensa si è rinnovato ieri il tradizionale appuntamento dell’accensione del Falò di San Sabino.Nonostante il rinvio di alcuni giorni legati al maltempo, ieri sera in tanti hanno preso parte all’accensione del focarone allestito dai dipendenti comunali in piazza Umberto I in onore del Santo Patrono.
E’ toccato al sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo accompagnato da Gennaro Marena per il comitato festa, dopo la benedizione del parroco Don Enzo De Stefano, procedere ad accendere le cataste di legno, per la prima volta, collocate su un grande braciere in ferro.Un momento che ha riunito tanti atripaldesi.
Falò San Sabino febbraio 2015 n1Stasera accendiamo il falò in onore del Santo – ha annunciato don Enzo prima della benedizione – Il fuoco che non solo illumina ma che per noi cristiani rappresenta la fede. Come una fiamma di una lampada che ci illumina il cammino da percorrere. Con questo spirito in onore del Santo Patrono Sabino e San Romolo, ora lo accendiamo“.
Falò San Sabino febbraio 2015Tuttavia, forse per le fascine impregnate d’acqua dei giorni scorsi, una nube di fumo intenso ha cominciato ad avvolgere la piazza costringendo non pochi ad allontanarsi.  Man mano poi si è diradata, lasciando il posto alle fiamme che hanno avvolto la legna. Presenti in piazza componenti dell’amministrazione cittadina, consiglieri comunali e componenti del Comitato festa. Una tradizione secolare che si tramanda negli anni.
Falò San Sabino febbraio 2015 n2Oltre a quello di piazza Umberto, è stato acceso, dopo la doppia benedizione di Don Enzo e don Ranieri, anche il focarone di via Tufara allestito dinanzi la statua di San Sabino ed organizzato dal dottor Sabino Aquino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Falò San Sabino febbraio 2015 n.0Falò San Sabino febbraio 2015 n3bisFalò San Sabino febbraio 2015 n2bis




Falò San Sabino febbraio 2015 n6Falò via Tufara1Falò via Tufara2

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *