alpadesa
  
sabato 23 gennaio 2021
Flash news:   Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani

Salta il Consiglio comunale per la mancanza del numero legale, duro alterco con il consigliere Pacia che attacca il segretario Curto. FOTO

Pubblicato in data: 20/2/2015 alle ore:15:49 • Categoria: Comune, Politica

Consiglio comunale, scontro Pacia-Curto3Salta il Consiglio comunale di ieri sera dopo appena 16 minuti di dibattito per la mancanza del numero legale. Un’assise segnata da un lungo alterco, in aula e poi nei corridoi del Municipio, con il consigliere Pacia che attacca il segretario comunale Curto.
All’ordine del giorno c’era il riconoscimento di legittimità di debiti fuori bilancio derivanti da tre sentenze esecutive per un totale di 32mila euro e 442,85 (24.624,29 a favore dell’avvocato Pellegrino Musto; 2.826, 42 a favore della dipendente Anna Spina ed infine 4.992, 14 nei confronti di un condominio di Acqua Chiara via San Giacomo), la sostituzione del dimissionario Antonio Iannaccone dalla Commissione Affari Istituzionali, l’integrazione al Regolamento comunale per il funzionamento del “Question Time” e la riapertura dei termini del Regolamento Iuc (imposta unica comunale) per la componente Tari. Ma nessuno dei punti è stato trattato dall’aula.
Diversi i cittadini presenti pensando che  l’aula avrebbe affrontato anche l’inchiesta che ha visto quattro dipendenti comunali indagati per truffa aggravata in concorso e continuata nel tempo ai danni del Comune
Ad avvio di seduta il capogruppo del Pd Gianna Parziale ha ricordato la figura del direttore Elio Parziale, scomparso a 62 anni lo scorso 4 gennaio: «aveva un entusiasmo contagioso. Seguiremo il suo esempio». Anche il consigliere Pacia si unisce al ricordo del direttore ma attacca l’Amministrazione: «non vedo nell’elenco la questione sul personale. Sono rammaricato perché le richieste che ho formulato non trovano mai risposta per tempo ma solo dopo un mese». Il sindaco si scusa: «è stata una dimenticanza e sarà posto come punto all’ordine del giorno della prossima riunione che sarà convocata a breve per discutere di previsionale e rendiconto».
Consiglio comunale, scontro Pacia-Curto1Pacia non si ferma e attacca duramente la segretaria comunale Clara Curto. Al centro della discussione la richiesta del consigliere socialista al sindaco delle modalità di registrazione delle presenze in ufficio della segretaria comunale e chiede se «sia tenuta anche lei a beggiare, se dipende dalla legge o se è facoltà dell’Amministrazione. Visto che non si sa quando sta, sono i cittadini a chiedermelo e poi quando devo parlare con lei io sono un consigliere comunale come tutti gli altri invece ogni volta vengo scavalcato da tutti». Pacia fa riferimento ad un’ordinanza che «non era stata pubblicata ed ho chiesto alla segretaria per quale motivo e mi ha risposto che c’e un atto giudiziario in corso. Io no mi sto zitto e se volete chiamate i carabinieri».
Consiglio comunale, scontro Pacia-CurtoA difendere la dirigente a spada tratta a questo punto è il sindaco Spagnuolo ricordando come si dedichi all’impegno professionale ben oltre gli orari stabiliti: «La segretaria è sempre presente, non ha orari in entrata ma anche in uscita, perché resta molto spesso di più qui. Riguardo ai permessi dal lavoro viene puntualmente a chiederli. L’amministrazione ha solo un interesse che lavori e raggiunga i risultati, cosa che accade».
Prende la parola per difendersi la dottoressa Curto: «sotto gli occhi di tutti ho auto un sinistro riportando una mano ingessata e non ho preso un giorno di malattia. Nel momento in cui non mi ha visto in orari non uniformi ero assoggettata a chi  mi accompagnasse a lavoro, non potendo guidare. Prima di parlare della mia professionalità è invitato ad informarsi. Non è vero che non ho sollecitato i capi settore a risponderla. La invito a riflettere prima di parlare sulla mia professionalità».
Consiglio comunale, scontro Pacia-Curto2Anche Spagnuolo incalza Pacia: «se dobbiamo dirla tutta sei tu che non rispetti gli orari ed i giorni del regolamento mentre nei tuoi confronti da parte degli uffici c’è grande disponibilità. C’è un decreto sindacale voluto da Laurenzano che io ho rispettato anche da consigliere comunale di minoranza e gradirei che lo rispettassi anche te. Sarà io a fartelo notare quando non lo rispetti».
A questo punto prende la parola il capogruppo di Fi Massimiliano Del Mauro evidenziando la mancanza del numero legale in aula per le assenze di Geppino Spagnuolo, Massimiliano Strumolo, Luigi Tuccia e Vincenzo Moschella, con quest’ultimi impegnati nel Consiglio provinciale: «A quanto pare non avete il numero legale che noi non possiamo concedere visto che ci sono in discussione punti all’ordine del giorno relativi al Bilancio. E quindi non possiamo come minoranza dare noi il numero legale».
Consiglio comunale, le opposizioni vanno via1La consigliera di Piazza Grande Nunzia Battista evidenzia: «a parte la materia del bilancio, c’è un dimenticanza sulla materia del personale che è un po’ grave visto quello che è successo in questi giorni. Questa mancanza del numero è perfetta perché questo consiglio non sa da fare».
E così Fi (Del Mauro), Piazza Grande (Battista), il Psi (Pacia) e l’Udc (Musto e Iannaccone) lasciano l’aula.
Allora tocca alla segretaria Curto effettuare la chiama, e dopo la verifica del numero legale con il quorum che non c’è, la seduta è sciolta.
E nei corridoi di Palazzo di città prosegue l’alterco tra il consigliere Pacia e la segretaria Curto, tanto da richiedere l’intervento come pacieri degli altri consiglieri di minoranza.
Consiglio comunale, le opposizioni vanno viaConsiglio comunale,s contro Pacia-Curto5

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Salta il Consiglio comunale per la mancanza del numero legale, duro alterco con il consigliere Pacia che attacca il segretario Curto. FOTO”

  1. Adolf ha detto:

    La Sala leader dell’opposizione.

  2. Antonio ha detto:

    Nell’articolo parlate di persone accorse a vedere il consiglio ma dalle foto si capisce che non c’era praticamente nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *