alpadesa
  
Flash news:   Il Comune di Atripalda si affida ad una società esterna per il trattamento e la protezione dei dati personali Maltempo, paura a via Pianodardine: straripa il Fenestrelle e invade il ponte delle Filande Polemiche avvio anno scolastico, l’opposizione “Noi Atripalda” porta in Consiglio comunale la questione Stop ai disservizi, riapre di pomeriggio il cimitero di Atripalda Riapertura delle scuole in tempo di Covid, il messaggio del vescovo Aiello: “ la paura non può ritardare il desiderato primo campanello” Il viaggio in Irpinia dell’associazione atripaldese “ACIPeA” Aliquote Imu e Tari, mercoledì torna in seduta straordinaria il Consiglio comunale di Atripalda Elezioni regionali, i ringraziamenti del vicesindaco Anna Nazzaro Giovane coppia con febbre e dolori attende da 12 giorni il tampone Da oggi obbligo di mascherina all’aperto in Campania tutto il giorno: ordinanza del presidente De Luca

“Deserto…e La bufera e altro…”, note di Lello La Sala sul Consiglio rinviato e bufera al Comune

Pubblicato in data: 22/2/2015 alle ore:16:40 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

la-salaConsiglio comunale rinviato per mancanza del numero legale e bufera sul Comune per il blitz della polizia che ha indagato 4 dipendenti comunali per aver gonfiato in modo illegittimo le proprie buste paga. Questi due eventi che hanno segnato la settimana appena trascorsa sono finiti al centro di due lunghe note dell’ex capogruppo consiliare di “Piazza Grande”, Lello La Sala.

Eccole di seguito:

Tra ispezioni ed ‘interrogazioni’ mattutine e serali figure di…niente, da qualche giorno si trascina la imbarazzante e stentata quotidianità di Spagnuolo&friends.
In una sequela di …io vorrei, non vorrei, ma se vuoi… , di private reticenze e di pubblici proclami, di iniziative ingenuamente temerarie, di faccine compunte e facce toste si paralizza la vita amministrativa della città e se ne sottolinea il progressivo declino, mentre si rappresenta con la dilettantesca superficialità di amministratori allo sbando, la sceneggiata dei mezzi sentimenti. Insomma, se non siamo alla resa dei conti, già annunciata dalla fragilità politica dei contraenti e dalla raccogliticcia inconsistenza numerica della sedicente maggioranza, siamo almeno alla farsa. Quando sarà possibile ricostruire il tortuoso percorso stragiudiziale che ha portato da ultimo, il 7 febbraio scorso, alla pubblica rappresentazione di una denuncia congiunta, verso impiegati già rei confessi, e poi alla spettacolarizzazione del bisogno, pubblicamente esibito in un’orgia di demagogia e luoghi comuni, sarà finalmente chiaro, senza più ombra alcuna, il vuoto che è chiamato ad amministrare Atripalda. Un vuoto di idee, un vuoto di prospettive, un vuoto di pensiero politico, fino all’imbarazzante vuoto…di memoria, ignaro di procedure e di buon senso comune, che è andato in scena, anche nella surreale e malinconica seduta consiliare di stasera. Convocata d’urgenza, il 13 febbraio, nell’ingenuo e puerile tentativo di fingere una normalità, ormai irrimediabilmente compromessa da atti e comportamenti approssimativi nella forma e discutibili nella sostanza e che perciò è andata mestamente deserta. Puerile la finta normalità della commemorazione pubblica del compianto dirigente scolastico Elio Parziale (che andava rinviata, o almeno, con garbo istituzionale, concordata tra i gruppi consiliari.per evitare che evaporasse nella prevedibile tensione del dibattito); puerile il vuoto di memoria sindacale, per impedire uno scomodo contraddittorio sul personale; puerile il tentativo di arginare l’esercizio delle funzioni consiliari, rivendicate dal consigliere Pacia, con il richiamo ad una desueta ordinanza interdittiva di dubbia legittimità ed alla faccia della trasparenza. Beninteso chi si è macchiato, per qualunque ragione, di indebite appropriazione di pubblico danaro, non ha giustificazioni e -se riconosciuto colpevole- dovrà essere punito, secondo la legge; è tuttavia sgradevole ed intollerabile il tentativo di gestire e poi di cavalcare un comprensibile sdegno popolare. Perché non è questa la funzione alla quale è chiamato un amministratore capace e un sindaco responsabile e stasera è stata definitivamente chiara la differenza…
—————

Comunque si voglia chiamare (bufera, terremoto, cataclisma, tsunami…) quello che si è verificato e che si sta verificando intorno alle note vicende giudiziarie che hanno travolto alcuni uffici (personale e finanziario) del Comune di Atripalda, merita una riflessione –per quanto possibile- fredda e perfino serena.
Ribadisco, perciò, che si debba evitare ogni forma di drammatizzazione e di spettacolarizzazione, ma soprattutto si debbano realizzare, con lucidità e fermezza, tutte le condizioni perché tali fatti (o eventualmente analoghi fatti) delittuosi non si verifichino più.
Nessuno può, allo stato, anticipare l’esito dell’iter giudiziario, e per quanto la pubblica opinione sembri già orientata a formulare verdetti di condanna, continuo a suggerire a tutti pazienza e prudenza. Che gli eventi non siano ancora chiari nella loro sequenza cronologica e nella loro connessione logica, e che le singole responsabilità debbano ancora essere delineate, se non ne attenua la oggettiva gravità, deve imporre un assoluto rispetto per il lavoro degli inquirenti e per la dignità delle persone non coinvolte.
Mi scuso se mi sento costretto a ripetere, ma alimentare attraverso un chiacchiericcio tendenzioso illazioni, coinvolgimenti non provati, relazioni ed interconnessioni personali, al limite ed oltre il limite della calunnia, mi pare un segno di grave irresponsabilità, una riprova di quella malinconica deriva che rende plumbeo il presente della nostra Città. Sono convinto che il pettegolezzo e una diffusa e generale caccia alle streghe non solo non aiutino la ricerca delle responsabilità (tutti colpevoli, nessun colpevole…), ma inquinino ulteriormente una situazione già piuttosto opaca di suo. Intanto, per dire, nessuno fa più mistero che lo scontro già divampato da quasi due anni tra amministratori e personale, si vada riattizzando da alcuni giorni fino ad una irreparabile rottura e che se questa investe anche la segreteria generale finisce per travolgere le ultime barriere a garanzia –secondo la legge- di legittimità e trasparenza. E sono più chiaro: se il sindaco e la giunta non hanno più fiducia nella segretaria generale, dott.ssa Clara Curto, hanno il dovere morale di denunciarlo alla Città, così come hanno il dovere di chiarire in ogni sede lo smantellamento dell’intero apparato amministrativo, che ha mortificato professionalità e competenze, in nome di infedeltà presunte, mai veramente spiegate. E varrà la pena di precisare che i dirigenti ed il personale rimosso e trasferito in ‘isolamento’ (la dr.ssa Katia Bocchino da responsabile del settore Affari generali, alle sole funzioni simboliche di vice segretaria; l’arch. Giuseppe Cocchi da responsabile del settore urbanistica a impiegato di anagrafe, insieme al geometra Eugenio Cecchini; il comandante della Polizia Locale dr. Domenico Giannetta, destituito dalla funzione), alcuni mesi prima della denuncia del 7 febbraio scorso (e dei provvedimenti amministrativi successivamente assunti) risultano del tutto estranei a coinvolgimenti e responsabilità soggettive ed oggettive. Che parrebbe di dover cercare altrove.
Insomma credo di poter concludere che il conflitto tra amministratori (Spagnuolo, friends e compagni pièdini) e il personale, più che correggere eventuale storture abbia prodotto due effetti altrettanto nefasti: 1. abbia distolto energie e competenze dalle necessarie funzioni di verifica interna e di controllo; 2. abbia portato alla paralisi dell’Ente. Che oggi, per assicurare alcune fondamentali funzioni amministrative e gestionali, deve ricorrere a consulenze esterne, almeno per i prossimi 4 mesi e salvo proroghe, fino al 30 giugno. Solo a margine diremo che tali consulenze ci costeranno circa 22.000 euro, bruciando in un colpo solo il vantato recupero di analoga somma, sulla sola voce annuale dei buoni pasto. Avremmo preferito anche in questo caso una maggiore prudenza, eventualmente attraverso il ricorso –in condizioni di eccezionalità- a funzionari della Prefettura, della Corte dei Conti, o della Guardia di Finanza, almeno per ribadire (dopo lo sgarbo istituzionale del mancato coinvolgimento della locale stazione dei Carabinieri) una esplicita fiducia negli organi dello Stato. Ma tant’è. A questo punto non possiamo che augurarci che le consulenze, così tempestivamente individuate, attraverso provvidenziali ed altrettanto tempestivi curricula pervenuti all’Ente (rispettivamente il 18 ed il 19 febbraio e acquisite al protocollo e nelle determine nn. 25 e 26 in pari data) siano state comunque attentamente valutate in ordine alla necessità, all’opportunità e che soprattutto producano i risultati attesi. Perché sarebbe veramente amaro dover constatare che eventuali coincidenze e accelerazioni procedurali –seppure nel formale rispetto di norme e regolamenti- non siano state per niente casuali.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a ““Deserto…e La bufera e altro…”, note di Lello La Sala sul Consiglio rinviato e bufera al Comune”

  1. Antonio ha detto:

    Però non dicono che non si trovano 20.000€ di buoni pasto?
    Non dicono chi in passato non ha pagato la tassa sui rifiuti?
    Volete far vedere al popolo solo quello che vi piace?
    Consiglierei alla Procura di setacciare anche altri settori e così vediamo un po.

  2. Adolf ha detto:

    Prof. e abbi pietà, se questi non rivoluzionavano gli uffici, quello finanziario e tributario sono tra quelli riorganizzati, mai sarebbe emerso questo scandalo. Quindi smettila con il tentativo,risibile, di fare l’amico del giaguaro, con qualche dipendente assunto ai tempi in cui tu ti vanti di aver fatto il sindaco per grazia ricevuta da mamma DC.

  3. raffaele la sala ha detto:

    Eh sì, Adòlf, al momento buono ci faremo proprio una bella risata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *