alpadesa
  
domenica 09 agosto 2020
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Rastelli: «Avellino merita rispetto, penalizzati dall’arbitro»

Pubblicato in data: 1/3/2015 alle ore:11:38 • Categoria: Avellino Calcio

Massimo Rastelli«Premesso che sapevamo che non sarebbe stata una partita facile, avremmo meritato la vittoria sia per il pareggio di Avenatti viziato da un fallo non fischiato sia per il gol di Castaldo che dalla panchina ho visto che era regolare. Meritiamo rispetto perché questo campionato alla fine si deciderà per uno o due punti. Ci hanno scippato due punti».
Rastelli è soddisfatto della prova fornita dai biancoverdi con la Ternana. «Grande prova di carattere della squadra però per il computo delle occasioni e per qualche altro episodio dovevamo vincere. I punti negati, questi e quelli contro il Vicenza, li pagheremo. Il campionato si deciderà per la classifica avulsa quindi bisogna essere sempre attenti. I punti peseranno e non ce li darà più nessuno».
Sulla squadra invece:«I ragazzi hanno giocato con grande maturità. Ha saputo quando spingere e si sono ritratti quando la Ternana attaccava. Avenatti e Ceravolo ci hanno messo in difficoltà e dovevamo tenerli a bada». Il tecnico spiega anche le scelte: «Ho visto il centrocampo in difficoltà per questo motivo ho pensato di correggere qualcosa in quella fase del campo. L’attacco girava bene e non aveva bisogno di un nuovo innesto». Una prova che denota per il mister la crescita della squadra«I miei ragazzi stanno crescendo di partita in partita. Crescono non solo con i risultati ma anche attraverso le prestazioni. E’ stata una settimana difficile, tra infortuni, assenze e infortunati ho preparato la gara in pochi allenamenti. Non dobbiamo mollare. Abbiamo una grande occasione e dobbiamo giocarcela fino all’ultima partita». Infine su possibilità proteste contro l’arbitraggio: «Ci penserà la società nelle sedi competenti». Martedì si va a Carpi: «Fortunatamente ho recuperato degli uomini. Il Carpi anche se ha rallentato resta una squadra pericolosa».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Rastelli a sorpresa verso il Cagliari

Massimo Rastelli decide di dire addio all'Avellino. Il tecnico di Torre del Greco, a sorpresa, lascia il club biancoverde e Read more

Rastelli: «Sono fiducioso per la gara di Bologna»

«Dobbiamo essere fiduciosi per come abbiamo condotto la gara. Fare una gara simile, da squadra vera ci deve dare fiducia. Read more

Rastelli: «B imprevedibile, dobbiamo giocare gara per gara»

«Zito è stato un trascinatore. Tutta la squadra ha giocato bene ed ha voluto fortemente reagire al momento negativo. Dopo Read more

Rastelli: «Ingenui nel non chiudere la gara»

«Il calcio è bello per questo perché nulla è scontato fino alla fine. Siamo scesi in campo contratti poi siamo Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *